30 Mar 2020

Goji ritirati dal mercato per rischio chimico

219

Il ministero della Salute ha diffuso un altro avviso di richiamo relativo ad alcuni lotti di bacche di goji, in questo caso a marchio Zig, sempre per la presenza segnalata dal fornitore di carbofuran e esaconazolo, un insetticida e un fungicida, oltre i limiti consentiti. Anche questo richiamo, datato 13/03/2020, è stato pubblicato sul portale del ministero con un notevole ritardo (11 giorni).

Il prodotto interessato è venduto in sacchetti da 500 g, 1,5 kg e 5 kg con i numeri di lotto 19/308, 19/245 e 19/206 e il termine minimo di conservazione 30/12/2020.

Le bacche di goji richiamate sono state prodotte da Zenone Iozzino Srl, nello stabilimento di via Castellammare 130 a Gragnano, in provincia di Napoli.

Questo è solo l’ultimo richiamo di bacche di goji dovuto alla presenza di carbofuran ed esconazolo oltre i limiti di legge. Ecco la lista dei provvedimenti precedenti:

Per precauzione, si consiglia di non consumare le bacche di goji con i numeri di lotto segnalati e restituirle al punto vendita d’acquisto.

Fonte: Il Fatto Alimentare

Potrebbe interessarti anche