22 Jul 2023

Una ricerca sulla catena del freddo potrebbe migliorare la qualità dei lamponi

139

A causa della loro durata di conservazione molto limitata, i lamponi possono essere trasportati su lunghe distanze solamente per via aerea. Ovviamente sono molti i fattori che determinano la qualità della catena di approvvigionamento di merci sensibili alla temperatura.

La Cool Chain Association (CCA) è un’organizzazione industriale nel campo della logistica della catena del freddo che mira a riunire tutte le parti della catena di approvvigionamento sensibile alla temperatura per ottenere miglioramenti misurabili dei risultati sia per le aziende che per la società.

In questo modo mira a ridurre gli sprechi alimentari ottimizzando la qualità e l’efficienza della catena di approvvigionamento.

Il secondo progetto sperimentale globale della Cool Chain Association (CCA) sulla tracciabilità e la garanzia di freschezza dei prodotti deperibili, condotto dal suo membro, la Commissione per il controllo delle esportazioni di prodotti deperibili (Perishable Products Export Control Board – PPECB), ha identificato le aree chiave in cui è possibile intervenire per ridurre le perdite alimentari.

Il dipartimento di ricerca interno del PPECB, che analizza gli standard di qualità e sicurezza alimentare, sta lavorando a stretto contatto con il CCA per sviluppare un insieme di dati che serviranno come base per raccomandare le migliori pratiche per la catena di approvvigionamento dei prodotti deperibili.

Nell’ambito di un progetto sperimentale specifico, il PPECB ha seguito le spedizioni di lamponi, che hanno una durata di conservazione molto breve, dal Sudafrica al Regno Unito per identificare i punti deboli della catena del freddo e, su questa base, sviluppare le migliori pratiche per la gestione delle merci deperibili.

I risultati, annunciati di recente in occasione dell’assemblea generale annuale del CCA, suggeriscono che il tempo di raffreddamento, ovvero il tempo necessario per raffreddare i lamponi a una temperatura di circa 5°C, dovrebbe essere ridotto a 60 minuti dopo la raccolta per preservare meglio la qualità delle bacche durante la conservazione.

Inoltre, la sperimentazione ha dimostrato che per l’abbattimento si dovrebbe utilizzare una temperatura dell’aria più bassa, pari a 0°C anzichè gli attuali 2°C. A causa della loro durata di conservazione molto limitata, è vero che i lamponi possono essere trasportati su lunghe distanze solo per via aerea, ma sono comunque suscettibili ai danni durante il trasporto a causa della loro delicatezza.

“L’obiettivo della sperimentazione è ottimizzare la qualità dei prodotti sul mercato adattando gli attuali processi di movimentazione e portando i protocolli di gestione della catena del freddo nel trasporto aereo allo stesso standard del trasporto marittimo“, spiega Vijan Chetty, direttore generale del PPECB e membro del consiglio di amministrazione del CCA.

La sperimentazione ha seguito l’esportazione di lamponi da un’azienda agricola di Città del Capo, in Sudafrica, dove si produce circa l’85% dei lamponi destinati all’esportazione, verso il Regno Unito.

Circa il 30% di tutte le esportazioni di bacche dal Sudafrica presenta difetti di qualità. Per ridurre ulteriormente le perdite, dobbiamo fare ulteriori ricerche e testare come ottimizzare i metodi di manipolazione”.

Vijan Chetty, direttore generale del PPECB e membro di CCA.
Vijan Chetty, direttore generale del PPECB e membro di CCA.

“I risultati delle nostre due sperimentazioni hanno già evidenziato diverse misure che possono essere adottate per proteggere l’integrità del prodotto e le nostre ulteriori ricerche aiuteranno il CCA a stabilire un quadro di buone pratiche per prevenire il deterioramento e gli sprechi nella catena di approvvigionamento degli alimenti deperibili“, afferma Vijan Chetty.

Molti fattori giocano un ruolo importante. La sperimentazione ha valutato un’intera gamma di fattori, tra cui la qualità dei lamponi nell’azienda agricola, la gestione della temperatura lungo tutta la filiera, nonché i diversi processi di manipolazione e una valutazione finale della qualità all’arrivo alla destinazione finale.

“Le fluttuazioni di temperatura nel laboratorio di confezionamento, durante il trasporto e nella struttura di manipolazione a destinazione, pur essendo inevitabili, dovrebbero essere ridotte in modo significativo per ridurre ulteriormente l’insorgenza di difetti di qualità“, sottolinea Chetty.

Le ricerche future comprenderanno prove di tolleranza alla temperatura limitate nel tempo, per determinare la durata dell’esposizione a una particolare temperatura che compromette la qualità e la conservabilità delle bacche.

Potrebbero inoltre essere condotte ulteriori ricerche per misurare la temperatura interna dei frutti, che cambia più rapidamente rispetto alla temperatura esterna dell’aria, e uno studio più approfondito dei protocolli di manipolazione all’arrivo.  

Fonte: Fruitnet
Fruitnet è parte del network di NCX Media

NCX Media network

Potrebbe interessarti anche