03 apr 2023

Haskap: il futuro dei piccoli frutti?

481

Come specialista nello sviluppo di nuove colture in Ontario, luogo rinomato per la birra artigianale, non c'è da stupirsi che ad Evan Elford venga chiesto di coltivare il luppolo. La seconda coltura più richiesta, tuttavia, è forse meno ovvia.

L'Haskap è generalmente la seconda coltura più popolare per la richieste di informazioni sia per la produzione commerciale che per gli orti domestici“, dice Elford, specialista dello sviluppo di nuove colture per il Ministero dell'Agricoltura, dell'Alimentazione e degli Affari rurali dell'Ontario (OMAFRA), che lavora presso la stazione di ricerca agricola di Simcoe.

Iniziata in Ontario circa 15 anni fa, la produzione commerciale dell'haskap è diventata la più grande per superficie nella provincia, con oltre 200 acri coltivati. “Tuttavia, la maggior parte dei consumatori non ha ancora idea di cosa sia una bacca di haskap”, afferma Graham Gambles, membro del consiglio di amministrazione dell'Haskap Berry Growers dell'Ontario, che possiede 3.000 piante di haskap su quattro acri nel distretto di Temiskaming, a nord di Sudbury.

Haskaps sulla pianta. Foto: Veseys.
Foto: Veseys.

Ex coltivatore di ortaggi, Gambles ha iniziato a coltivare l'haskap nel 2014 dopo aver visitato il frutteto di ricerca dell'Università di Saskatchewan, dove Bob Bors, il più grande esperto e leader canadese nel settore dell'haskap, ha sviluppato una serie di cultivar adatte alle condizioni di coltivazione canadesi. “Adoravo il sapore dei frutti migliori” – ricorda Gambles – “superiore a quello dei mirtilli”.

L'haskap, noto anche come caprifoglio blu o honeyberry, è una bacca a crescita rapida, simile per colore e consistenza al mirtillo, ma con note acidule di lampone e rabarbaro. Cresce spontaneamente nelle fredde foreste boreali del Canada, della Russia e del Giappone. L'haskap ha un alto contenuto di vitamina C ed è ricco di polifenoli e contiene più antiossidanti dei mirtilli. Queste proprietà medicinali rendono i frutti e le foglie un trattamento per la febbre e il mal di stomaco, mentre le bacche congelate sono molto apprezzate nei frullati. Le bacche di Haskap si possono consumare anche fresche oppure trasformate in marmellate, vini, sciroppi, succhi, gelati e prodotti da forno.

In Canada, l'industria commerciale dell'haskap è emersa nel 2007, soprattutto in Quebec, dove il frutto è conosciuto come camerise. Oggi, questa resistente pianta perenne si trova ovunque, dai climi dell'Ontario settentrionale e del Quebec alla calda e umida costa sud-occidentale della Columbia Britannica. “L'Haskap è una delle poche colture orticole da frutto che possono che possono prosperare in alcune zone dell'Ontario settentrionale, il che è utile per diversificare la produzione e i mercati in quella zona del Paese”, dice Elford.

In media, le piante di haskap impiegano quattro anni prima di produrre frutti. Ma una volta che hanno raggiunto il livello di maturità, le piante possono produrre per 25-40 anni. “Sono facili da coltivare, ma molto lente nei primi anni”, dice Gambles.
Gambles consiglia di trapiantare le colture in autunno perché i cespugli crescono di più l'estate successiva, dopo aver svernato nel frutteto. Per ottenere una migliore allegagione è necessaria l'impollinazione incrociata, con un rapporto suggerito di una pianta impollinatrice per otto piante della varietà principale. “L'impollinazione nel quarto anno è fondamentale”, afferma Gambles. “In quel periodo ci sarà il primo grande raccolto, ma solo se ci sono molti impollinatori disponibili all'inizio della stagione”.

I coltivatori possono prendere in considerazione la possibilità di adibire delle arnie domestiche per garantire una resa elevata. Mantenere un anello di di fieno intorno al frutteto può incoraggiare le api selvatiche a nidificare lì durante lo svernamento. I coltivatori dovrebbero piantare le file a tre metri di distanza l'una dall'altra e utilizzare una pacciamatura di plastica per il controllo delle erbacce, evitando fertilizzanti commerciali per i primi tre anni a favore di un 10% di materia organica nel terreno.

“Preferibilmente letame ben decomposto – spiega Gambles – l'alto contenuto di calcio sembra andare direttamente alle foglie, come dimostrano i test sui tessuti delle piante”. Una volta che le piante iniziano a produrre, Gambles suggerisce di potare gli steli inferiori per favorire il flusso d'aria e scoraggiare malattie come l'oidio.

tanti i miglioramenti, si investe sulla ricerca

Le varietà di haskap sviluppate da Bors presso l'Università di Saskatchewan possono essere raggruppate stagionalmente – inizio dell'estate e metà estate, ad esempio – per consentire un'impollinazione incrociata ideale e prolungare la stagione dei mercati agricoli e della raccolta. Ma la scelta per determinare le migliori cultivar da piantare varia da regione a regione e persino da azienda ad azienda.

Parte del problema, secondo Elford, è la mancanza di esperienza per coltivare le stesse cultivar in regioni con zone e condizioni climatiche differenti. “Molti coltivatori iniziano con quattro o più cultivar per valutare il loro rendimento per i loro specifici usi finali”, afferma Elford, notando che le nuove cultivar di haskap sono state coltivate come bacche da mangiare e da cucinare, al contrario di alcune vecchie cultivar che sono state allevate per scopi ornamentali.

Per approfondire la conoscenza dell'haskap, Elford e i suoi colleghi conducono ricerche sulle cultivar, valutano i vari prodotti per la maturazione e studiano i tempi di raccolta. Sono in programma delle prove di fertilità azotata per l'haskap. Gambles trova che i suoi clienti preferiscano la varietà Aurora, in quanto la sua buccia è leggermente più dura e quindi meno suscettibile di ammaccature al momento della raccolta.

“Tuttavia, non è la prima a maturare. È circa tre settimane dopo la Tundra, la varietà più precoce”, afferma. Lo sviluppo di nuove varietà che presentano la resistenza cutanea di Aurora permetterà all'haskap di competere con mirtilli, more e lamponi, dice Gambles, “altrimenti, preparatevi a congelare l'haskap e a venderlo in un formato che possa essere conservato per mesi senza che il prodotto si rovini”.

Haskaps della varietà Aurora. Foto: Haskap Berry Grower Association.
Haskaps della varietà Aurora. Foto: Haskap Berry Grower Association.

I circa 20 membri dell'associazione dei coltivatori collaborano con istituti di ricerca come il Collège Boréal in Ontario, l'Università di Guelph e l'OMAFRA su progetti che includono la valutazione della presenza di virus nelle piante di haskap testate, la ricerca delle varietà più resistenti agli insetti e alle malattie, e come superare la scarsa impollinazione e conservare le bacche dopo la raccolta.

Dal 2015 i coltivatori di haskap collaborano con il Centro dell'Agriculture e Agroalimentare di gestione dei parassiti per sviluppare e ottenere l'approvazione normativa per fungicidi contro l'oidio, erbicidi per controllare le erbe infestanti e insetticidi per affrontare la pressione dei parassiti, anche se queste opzioni rimangono limitate. “I coltivatori del settore stanno facendo molta ricerca per tentativi ed errori nelle loro aziende” – afferma Elford – “gli uccelli sono di gran lunga il più grande problema dell'haskap, in quanto si nutrono di bacche mature e in via di maturazione”. Anche i conigli e i cervi in cerca di uno spuntino possono danneggiare le piante, mentre i ricercatori stanno tenendo d'occhio la potenziale minaccia rappresentata dalla Drosofila Suzukii.

bene la produzione, ma attenzione alla raccolta

Quando si avvicina il raccolto dell'haskap, le apparenze possono ingannare: “Non raccogliete quando i frutti diventano blu. Sono verdi all'interno e sono acidi”, dice Gambles. In Ontario i frutti dell'haskap iniziano a maturare alla fine di maggio, ma ci vorranno diverse settimane, o addirittura un mese, prima che la buccia delle bacche mostri il colore viola intenso che indica che il contenuto di zucchero è elevato e che sono pronte per la raccolta, sia essa effettuata a mano o con una raccoglitrice meccanica, a seconda delle dimensioni del frutteto. Una volta raccolti, i frutti possono essere congelati direttamente su vaschette di alluminio senza lavarli.

Piantagione di haskap. Foto: Fruit Growers News.
Piantagione di haskap. Foto: Fruit Growers News.

Gambles prevede che ci vorranno almeno altri 20 anni prima che le bacche di haskap arrivino nei negozi di alimentari, anche solo stagionalmente. “Il problema è la necessità di raccogliere a mano”, dice. A parte la varietà Aurora, i frutti si schiariscono troppo facilmente per essere rotolati su una raccoglitrice meccanica o scossi da un soffiatore per separarli dalle foglie. E tutte le bacche raccolte, anche con ausili per la raccolta, devono essere poi pulite e selezionate a mano. “Se trovate le mani o l'attrezzatura sporca di succo rosso, significa che si hanno solo 24 ore di tempo per vendere, congelare o spremere il raccolto del giorno”, dice Gambles.

la chiave del successo? l'attenzione al consumatore

Sebbene l'interesse per l'haskap stia crescendo, Elford afferma che rimangono molte incognite. “Finora sono state condotte pochissime ricerche replicate sull'haskap. come l'agronomia generale, la biologia dell'impollinazione, la gestione dei parassiti e del post-raccolta, rispetto ad altre colture di piccoli frutti. Basiamo molte delle nostre raccomandazioni su ricerche condotte su colture simili, ma è necessario completare il lavoro specifico sull'haskap per verificare se tali raccomandazioni forniscono effettivamente produzione e resa ottimale nel lungo periodo”.

“L'industria dell'haskap è ancora agli inizi. I coltivatori hanno bisogno di scambiarsi informazioni, sia positive che negative. Si impara di più dai disastri”. Gambles consiglia ai coltivatori di regalare la maggior parte del loro primo raccolto per creare una clientela nel mercato locale. “La gente si ricorderà di voi e non vedranno l'ora di acquistarne in quantità maggiori l'anno successivo, quando quando avrete un raccolto enorme di cui sbarazzarvi”.

Evan Elford concorda sul fatto che una maggiore commercializzazione sarà la chiave per rendere l'haskap una coltura di bacche commercialmente redditizia. “Come per ogni nuova coltura, il riconoscimento da parte dei consumatori e l'educazione dei consumatori su quando la coltura è disponibile e su come utilizzarla sono considerazioni primarie”.

“La consapevolezza è aumentata nell'ultimo decennio. Tuttavia, c'è ancora molto lavoro da fare per il riconoscimento generale da parte dei consumatori. Credo che sia ancora troppo presto per dirlo. Bisognerà vedere come cambierà la superficie coltivata nel tempo, insieme all'assorbimento del mercato da parte dei consumatori, per capire se sarà una coltura di successo a lungo termine”.

Fonte: Fruit and Vegetable Magazine, Vol. 79, 2.


Potrebbe interessarti anche