20 gen 2022

Stati Uniti, volano i berries mentre continuano gli effetti del Covid-19 sui consumi

143

Negli Stati Uniti il quarto trimestre del 2021 è stato sconvolto da alti livelli di casi di COVID-19, alta inflazione e continue interruzioni della catena di approvvigionamento.

Gli americani sono molto consapevoli dell'inflazione, con il 43% che percepisce i prezzi un po' più alti e il 48% che li percepisce molto più alti”, ha detto Jonna Parker, Team Lead per IRI Fresh, citando l'ondata di dicembre del sondaggio primario dell'IRI sugli acquirenti. “Tra coloro che hanno notato l'inflazione, il 94% ne è preoccupato.

Inoltre, i prodotti ortofrutticoli sono il secondo esempio più frequentemente citato dai consumatori di prodotti con prezzi elevati. In risposta alla pressione inflazionistica nel negozio, il 45% cerca più spesso le offerte speciali, il 21% compra più marche private e il 13% visita altri negozi.

Circa un terzo degli acquirenti non ha (ancora) fatto alcun cambiamento a causa dell'aumento dei prezzi”. L'effetto combinato di inflazione, out-of-stocks e l'ultima ondata di COVID-19 ha portato a continui cambiamenti per quanto riguarda le scelte di acquisto e consumo di cibo.

I pasti sono rimasti incentrati sulla casa a dicembre. Secondo il sondaggio IRI sugli acquirenti primari, la quota di pasti preparati a casa è rimasta all'80%. La quota di viaggi in negozio rispetto a quelli online per comprare generi alimentari ha guadagnato un po' a dicembre (86%) rispetto ai livelli di novembre (83%) – forse in relazione allo shopping natalizio.

Stati Uniti: quota di pasti preparati a casa sul totale (fonte: 210 Analytics)

Durante i primi mesi della pandemia, fino al 20% degli atti di acquisto erano online. Questo è sceso a un minimo dell'11% nel luglio del 2021. Eppure lo shopping online rimane un atto di acquisto complementare per la maggior parte dei consumatori. Nel dicembre 2021, solo il 3% degli intervistati crede che comprerà tutta la spesa online nel mese successivo. Questo si confronta con il 69% che crede che comprerà tutto in negozio, lasciando il 28% che combinerà la spesa online con quella in negozio.

Questo segnala una probabile continuazione degli acquisti in formato misto per il 2022 per un numero significativo di persone. “La spesa in formato misto è un'area importante da affrontare per i prodotti freschi”, ha aggiunto Parker. “I prodotti congelati e in scatola hanno una conversione online molto alta, ma non tutti amano comprare prodotti freschi online. Alleviare le esitazioni di acquisto online aiuterà a costruire il paniere di prodotti freschi online come un'importante area di crescita nel 2022.”

Inflazione

L'indice dei prezzi al consumo è aumentato del 6,8% per i 12 mesi fino a novembre 2021, il più alto dal giugno 1982.

Anche i prezzi dei prodotti ortofrutticoli freschi sono più alti dell'anno scorso. Nel 2021, il prezzo per volume (libbra) per il totale dei prodotti freschi è aumentato del 6,5% – tirato giù da un'inflazione molto più mite all'inizio dell'anno.

Per quanto riguarda l'inflazione nel solo dicembre 2021, un confronto con il 2020 mostra un aumento del 14,7% per la frutta fresca. I livelli inflazionistici di dicembre sono molto più bassi per le verdure, ma ancora in media +4,6%.

“I prezzi in tutto il negozio e i prodotti nello specifico non sono solo una preoccupazione per i consumatori”, ha detto Joe Watson, VP, Retail, Foodservice & Wholesale per IFPA. “Un'inflazione come questa influisce sulle vendite di volume e noi siamo un'azienda guidata dal volume. Gli sforzi dei consumatori per risparmiare iniziano tipicamente con l'acquisto di ciò che è in vendita, ma questa è un'altra area in cui stiamo lottando. Le misure successive vanno dal semplice comprare meno al comprare più surgelati o in scatola, che sono tutte misure di pressione sul volume”.

Vendite ORTOFRUTTA

Dal punto di vista delle vendite in dollari, il 2021 è stato un altro grande anno per i prodotti freschi, superando i record stabiliti nel 2020. Tuttavia, i ricavi in dollari sono stati spinti dall'inflazione e le unità e le vendite in volume sono diminuite di anno in anno. “Tradizionalmente abbiamo sempre confrontato le nostre prestazioni con l'anno precedente e questa è un'abitudine difficile da rompere”, ha detto Watson. “Ma quando rimuoviamo la domanda senza precedenti del 2020 e la confrontiamo con i livelli più tipici del 2019, vediamo il nostro vero risultato”. La catena di approvvigionamento di prodotti freschi ha spostato quasi 43 miliardi di libbre (n.d.t. 19.500 tonnellate) nel 2021, che era il 7,1% in più rispetto al 2019.”

Vendite berries

Nel 2021 la categoria dei berries (fragole più piccoli frutti) si conferma la principale categoria del reparto ortofrutta negli Stati Uniti sia per valore che per tasso di crescita.

In ogni trimestre degli ultimi due anni la categoria dei berries ha fatto registrare tassi di crescita superiore a quelli totali della frutta fresca. Gli incrementi trimestrali del fatturato di fragole e piccoli frutti sono sempre stati superiori al 10% (con punte del 16%), a parte nel secondo trimestre del 2021 (9%).

I berries hanno fatturato nel 2021 $ 8.1 miliardi, pari quasi al doppio delle mele, la seconda categoria del reparto, che realizza 4.1 miliardi di dollari. Per i piccoli frutti queste cifre annuali si traducono in un fatturato medio giornaliero di $ 22 milioni.

Per fragole e piccoli frutti la crescita a valore nel 2021 è stata pari all'11,7% su base annua, mentre rispetto all'ultimo biennio l'incremento del fatturato è stato pari al 39.7%.

previsioni per il 2022

È probabile che le interruzioni del mercato continuino almeno fino al primo trimestre del 2022.

  • Nel dicembre 2021, il 38% degli acquirenti ha riscontrato problemi con la disponibilità degli articoli che avevano programmato di acquistare. I maggiori out-of-stock sono stati segnalati per la carta igienica, i prodotti in scatola e il latte.
  • In risposta all'impossibilità di acquistare ciò per cui erano venuti, il 34% degli acquirenti ha speso i propri soldi altrove e il 26% ha finito per non acquistare affatto l'articolo previsto, sottolineando l'impatto significativo dell'esaurimento delle scorte sulle vendite.
  • Il 34% è andato in un altro negozio e un altro 7% è andato online e ha comprato da un altro negozio.
  • Il 26% ha rinunciato all'acquisto.
  • Il 24% ha comprato una marca o una varietà diversa.
  • Il 19% è tornato al negozio più tardi.
  • Il 22% degli acquirenti ha fatto scorta di certi articoli perché temeva che non fossero disponibili la prossima volta che avrebbe fatto la spesa.
  • Il 18% ha fatto scorta di certi articoli per altri motivi, incluso il rapido aumento dell'inflazione. Questo potrebbe influenzare le vendite di prodotti freschi con lo spostamento di dollari verso prodotti in scatola e surgelati.

L'ultima ondata di COVID-19 non ha portato agli stessi livelli di preoccupazione dei primi tempi della pandemia.

  • Il 33% è estremamente preoccupato – un rapporto che era il doppio durante i primi mesi.
  • Nonostante l'arrivo della variante Omicron, il 73% non è più o meno preoccupato; il 27% è più preoccupato e il 7% è meno preoccupato.

L'80% dei consumatori ha acquistato dai ristoranti nel dicembre 2021 – qualche punto in meno rispetto ai mesi precedenti. L'impegno è guidato dal takeout e dalla consegna:

  • Il 54% degli acquirenti primari ha preso cibo da asporto e il 20% ha ordinato la consegna a domicilio.
  • Il 49% ha cenato all'interno di un ristorante e il 10% ha mangiato all'aperto in un ristorante.

Foto di copertina: Franz Jachim

Potrebbe interessarti anche