27 apr 2023

Melissa: un successo che per Coop. Sole vale 100 ettari

150

La campagna delle fragole di Coop Sole è iniziata in maniera molto positiva grazie all’autunno mite che ha favorito un sostanzioso aumento della produzione nel segmento precoce e che ha permesso alla cooperativa di fare fronte alla crescita della domanda di fragola italiana dai mercati del Nord Europa.

Abbiamo incontrato Pietro Paolo Ciardiello, direttore della cooperativa Coop Sole (nella foto a sinistra, affiancato da Carmela Suriano, Business development Director Emea di NSG, Antonio Maione presidente di Coop Sole e il vice-presidente di Coop Sole Carmine Micillo) durante l’Open Day di Nova Siri Genetics, con cui la cooperativa di Parete (Caserta) ha un rapporto di collaborazione ormai consolidato:

“Da diversi anni collaboriamo con Nova Siri Genetics. Inizialmente la varietà più diffusa era Sabrina, poi abbiamo provato Melissa che si è dimostrata subito una varietà più adatta alle nostre esigenze e ora rappresenta il 50% dei 200 ettari della produzione di Coop Sole.”

Una stagione di sei mesi per Melissa nel casertano

Con il suo ciclo lungo riesce a coprire nel casertano i primi 6 mesi dell’anno (gennaio a giugno) e il suo successo commerciale dipende da diversi fattori; certamente dalle buone caratteristiche organolettiche e dalla lunga shelf life ma Pietro Ciardiello ci tiene a sottolineare la resistenza in campo che la rende particolarmente adatta alla produzione biologica. 

E’ una pianta rustica che si sposa con la nostra volontà di ridurre la chimica in campo, perché è una fragola buona e resistente alle malattie e i nostri produttori che sono 100% a lotta integrata ora la conoscono bene e ne sono molto soddisfatti; riescono a produrre a residuo zero senza la presenza di fitofarmaci.”

Il successo commerciale di Coop Sole è quindi frutto di un percorso verso la sostenibilità che viene da lontano e che incontra sempre di più le esigenze del mercato; un percorso fatto di scelte precise che ha trovato in Nova Siri Genetics un alleato strategico e un partner che conosce bene il territorio e le condizioni dell’areale produttivo del casertano.

La fragola è stata considerata per tanto tempo una coltura che richiede l’utilizzo di molta chimica ma l’innovazione varietale e le tecniche colturali hanno cambiato radicalmente il paradigma. Non solo con la produzione biologica, ma tutta l’evoluzione del comparto che ha portato ad avere la fragola di origine italiana sulle nostre tavole ormai sei mesi l’anno, questa evoluzione l’ha resa anche uno dei prodotti più sicuri.

Il passaggio dalla coltura in pieno campo alle serre ha permesso infatti di avere fragole che praticamente non toccano mai il terreno, protette dalle serre con buona ventilazione, e questo ha permesso di risparmiare molti dei trattamenti funginei. Le coltivazioni fuori stagione hanno ridotto l’impatto delle condizioni climatiche e delle malattie.

E l’impatto ambientale della fragola può diminuire ancora. La cooperativa Coop Sole ha installato un campo di prova fuori suolo dove sta provando 20 cultivar e una tecnica di produzione che in qualche anno potrebbe trasferire ai soci, con una standardizzazione della qualità del prodotto durante tutto il periodo di produzione.  Con il controllo maggiore della produzione permesso da questi sistemi sarà possibile ridurre drasticamente il consumo di acqua, utilizzare meglio il terreno quindi ottimizzare l’utilizzo dei prodotti di supporto alla crescita e i rischi di malattia.

“La sostenibilità ambientale che da sempre ricerchiamo sposa in questi sistemi la sostenibilità sociale e oltre agli enormi vantaggi in termini ambientali e di mercato, questo tipo di percorso migliorerà le condizioni della manodopera alla raccolta.” Dice Pietro Ciardiello parlando del fuori suolo, non dimenticando la sostenibilità economica: “Sono impianti che richiedono un investimento iniziale importante ma sono investimenti pluriennali che possono essere ammortizzati negli anni attraverso un risparmio notevole dei costi e dello spreco. Questi sistemi sono destinati a rivoluzionare il mercato della fragola”.

Se questi sistemi rivoluzioneranno il segmento premium della fragola o invece creeranno un nuovo standard di sostenibilità sarà il mercato a dirlo.


Tutti i diritti riservati – Italian Berry – Licenza CC BY

Potrebbe interessarti anche