30 apr 2023

Lamponi Santa, dal Cile 4 nuove varietà

215

Dal Cile 4 nuove varietà di lamponi grazie al lavoro del Consorzio Tecnologico della Frutta, assieme alla collaborazione con consorzi, università e aziende frutticole partner.

Il Consorzio Tecnologico della Frutta sorprende ancora una volta con il lancio di 4 nuove varietà di lamponi: “Santa Eduvina”, “Santa Guillermina”, “Santa Rosa” e “Santa Isabel”, che si aggiungono al successo delle prime tre varietà di lamponi del Programma di Miglioramento Genetico del Lampone del Consorzio, “Santa Catalina”, “Santa Clara” e “Santa Teresa”, che non solo hanno avuto un'ottima accoglienza da parte degli agricoltori cileni – data la loro rifiorenza, qualità, resa e grande calibro – ma anche a livello internazionale.

María Fernanda Álvarez, coordinatrice del Consorzio Tecnologico della Frutta, oltre a evidenziare i nuovi sviluppi, ha sottolineato l'importanza di lavorare insieme. “Sono 14 anni di lavoro che si esprimono oggi in queste nuove varietà, il che dimostra che è possibile raggiungere risultati nella genetica in Cile, contribuendo non solo alla crescita e allo sviluppo dell'agricoltura familiare, ma anche al Cile come generatore di genetica. Nel Consorzio Tecnologico della Frutta c'è un lavoro coordinato tra Asoex, le aziende frutticole partner, la Pontificia Universidad Católica del Cile e il Corfo”, ha dichiarato.

Le nuove varietà sono state sviluppate nell'ambito del Progetto Corfo 16PTECFS-6664, la cui giornata conclusiva si è tenuta il 5 aprile presso il campo sperimentale del PMG del Frambueso a Santo Domingo, dove sono state presentate le nuove varietà.

solidità e coesione anche a livello nazionale

Marina Gambardella, direttrice del PMG Lampone del Consorzio Tecnologico della Frutta, nonché ricercatrice e accademica presso la PUC, ha dichiarato:

“Il nostro obiettivo come programma di miglioramento genetico è quello di fornire alternative sempre migliori ai produttori, ed è quello che stiamo facendo oggi. Queste nuove varietà hanno le caratteristiche dei nostri primi lamponi per quanto riguarda il sapore e altre caratteristiche, ma con un potenziale di resa migliore. Inoltre, una delle varietà è di colore giallo per poter avere un mix di colori quando si presenta il frutto al consumatore o in pasticceria. Abbiamo anche dato il nome a 4 coltivatrici che sono state pioniere nel testare i nostri primi lamponi. Con loro riconosciamo l'ottimo lavoro che svolgono, così come le altre coltivatrici di tutto il Paese”.

“Inoltre – ha aggiunto – le piante che abbiamo selezionato in quest'ultima fase del programma, negli ultimi sei anni, hanno incluso la selezione per la resistenza ad alcuni parassiti e malattie come il ragnetto rosso e la Phytophthora, che sono due dei principali parassiti; e abbiamo anche selezionato piante con una maggiore resistenza alla siccità e alle alte temperature. Quindi queste nuove varietà presentano anche queste caratteristiche, anche se non tutte in un'unica varietà”.

Macarena Aljaro, direttrice dei programmi e dei consorzi tecnologici del Corfo, ha dichiarato: “Si tratta di un consolidamento. È eccellente. I risultati che vediamo oggi fanno parte di uno sforzo di oltre un decennio, che è stato promosso attraverso una definizione strategica a livello nazionale. In primo luogo, nel campo della frutta, uno dei quali è la genetica. In secondo luogo, in relazione alle capacità che sono state generate, sempre a livello nazionale, sia nei lamponi che in altre specie. Inoltre, c'è anche un fattore chiave che è la cooperazione tra i diversi attori della filiera, al fine di portare benefici agli agricoltori che, in questo caso di lamponi, sono agricoltori familiari”.

i nomi delle varietà: un omaggio alle coltivatrici

Le quattro nuove varietà sono state chiamate in omaggio e riconoscimento del duro lavoro e dell'impegno di quattro coltivatrici cilene. Dalla regione di Aysén: Eduvina Troncoso di Mañihuales; Rosa Vera Huenul di Puerto Guadal, comune di Chile Chico e Guillermina Mirada del settore di Seis Lagunas e presidente dell'Agrupación de Mujeres Campesinas della Patagonia. Mentre dalla regione del Maule, la produttrice Isabel Leyton.

“Ho le tre precedenti varietà di lamponi, Santa Clara, Santa Catalina e Santa Teresa. Prima avevo un'altra varietà, la Heritage, ma non regge il confronto in termini di lavoro e di resa. I Santa mi facilitano il lavoro, è una buona scelta. La superficie che ho piantato non è molto grande, ma la resa è molto buona, arrivo a 20 tonnellate per ettaro“, ha commentato la coltivatrice di Teno, Isabel Leyton, che ha anche aggiunto: “Mi sento così orgogliosa di avere una varietà con il mio nome. Non so come esprimere questa gioia, ma so che la coltiverò perché sicuramente sarà altrettanto buona o migliore di quelle che ho già”.

“L'esperienza che abbiamo vissuto è stata meravigliosa. Sono molto soddisfatta del mio lavoro e vorrei continuare, imparando altre cose. Ho avuto la fortuna di produrre le tre varietà precedenti, dove la Santa Clara è stata la migliore che ho avuto, ma le terrò tutte, perché sono tutte deliziose e molto più grandi. Ad Aysén abbiamo un lampone autoctono, ma questi altri sono incomparabilmente buoni”, ha dichiarato Eduvina Troncoso, che ha aggiunto: “Ho sentito molta responsabilità, ho sentito nuova energia, più vigore, ma anche come donna, sento di rappresentare molte donne produttrici in Patagonia. E naturalmente lo pianterò, lo amerò come amo gli altri”.

In concomitanza, Guillermina Miranda, produttrice di Coyhaí, ha osservato: “Avere una varietà a mio nome mi è sembrato molto confortante non solo per me, ma anche per tutte le donne della Patagonia, perché è a loro nome che ricevo questa distinzione. La ricevo con grande umiltà e responsabilità, e a nome di tutti i produttori che osano fare qualcosa di nuovo, innovare”.

Da parte sua, la produttrice Rosa Vera, di Puerto Guadal, ha sottolineato: “Penso che sia tutto molto bello. Le varietà di lamponi che abbiamo visto, e soprattutto il fatto che portino il nostro nome, è fantastico. C'è una grande responsabilità dietro, perché raggiungiamo le comunità con varietà diverse, ma molto buone“.

Va notato che ognuna di queste produttrici è stata sostenuta attraverso i programmi Indap, sia a Maule che ad Aysén, che hanno permesso loro di ottenere le varietà e di implementare meglio la coltivazione.

In questo contesto, Sergio Sanhueza, Direttore (S) dell'INDAP Aysén, ha dichiarato: “Siamo molto felici e orgogliosi di questa importante designazione, che è il risultato di un intenso lavoro svolto per valorizzare il settore dei piccoli alberi da frutto nella regione di Aysén, in collaborazione con il Governo Regionale, consentendo di fornire più strumenti a più di 100 produttori della regione, che hanno potuto migliorare le loro competenze, tecnologizzare i loro processi produttivi e avventurarsi in nuove aree. Senza dubbio, questo è un incoraggiamento per tutti, che conferma che c'è un forte sviluppo nei piccoli alberi da frutto”.

Fonte: Portal Frutícola

Foto: Portal Frutícola








Potrebbe interessarti anche