31 mar 2023

Imballaggio biodegradabile: dal Cile la nuova ricerca

223

In Cile si lavora per un imballaggio antimicotico biodegradabile per i mirtilli.

La ricerca per un imballaggio attivo e intelligente si sta trasformando ormai in una tendenza internazionale. In Cile, l'équipe dell'Unità di post-raccolta dell'INIA La Platina sta lavorando alla generazione di un dispositivo attivo compostabile, basato sull'uso di diversi oli essenziali con attività antimicotica, che consente di prolungare la durata di conservazione dei mirtilli destinati all'esportazione.

Il ricercatore responsabile dell'iniziativa è Pablo Ulloa e spera di ridurre l'incidenza della Botrytis cinerea in post-raccolta, senza causare cambiamenti nella qualità complessiva del frutto, come aspetto, consistenza e sapore. In altre parole, creare un dispositivo ecologico che eviti questo problema e risponda alle esigenze dei consumatori, agendo in modo complementare alle tecnologie post-raccolta attualmente in uso.

Pablo Ulloa, responsabile del progetto di ricerca dell'INIA. Foto: ResearchGate
Pablo Ulloa, responsabile del progetto di ricerca dell'INIA.

Il team comprende anche lo specialista di post-raccolta e direttore dell'INIA La Platina, Bruno Defilippi, il quale ha indicato che al giorno d'oggi c'è un'emancipazione dei consumatori che cercano alimenti privi di sostanze agrochimiche, sani e rispettosi dell'ambiente, e che in questa tendenza dovrebbero essere presi in considerazione contenitori o sistemi di imballaggio che mantengano queste caratteristiche e prolunghino la durata di conservazione.

Bruno Defilippi, specialista in post-raccolta e direttore dell'INIA La Platina. Foto: INIA.
Bruno Defilippi, specialista in post-raccolta e direttore dell'INIA La Platina.

Un'altra esperta, ma dell'area alimentare, è la ricercatrice dello stesso istituto, Cristina Vergara, che lavora sugli additivi naturali stabilizzati come potenziale utilizzo nei sistemi di imballaggio alimentare. I tre professionisti hanno già presentato le anticipazioni dei risultati di questo dispositivo di imballaggio a un pubblico di specialisti e si prevede che questo prototipo sarà presto scalato per la sperimentazione commerciale di questa tecnologia.

Cristina Vergara, ricercatrice presso l'istituto INIA La Platina. Foto: INIA.
Cristina Vergara, ricercatrice presso l'istituto INIA La Platina.

María José Galotto, professoressa e ricercatrice presso il Centro de Innovación de Envases y Embalajes (Laben-chile) dell'Università di Santiago (Usach), uno dei maggiori esperti nel campo dell'imballaggio, ha affermato che “l'INIA sta lavorando a un livello eccellente, in un'area di conoscenza in cui sono all'avanguardia. Si stanno muovendo nella stessa direzione di ciò che viene fatto nei principali centri di ricerca del mondo e hanno risultati molto promettenti, quindi non posso che congratularmi con il gruppo di lavoro e sapere che questo avrà un effetto importante a livello industriale, che è ciò che tutti speriamo”.

María José Galotto è anche direttrice di ‘Co-inventa Plataforma de Innovación envases y embalajes' e ha parlato dell'effetto che questo avrà sui consumatori. “Il consumatore è sempre molto scoraggiato quando il prodotto – frutta, verdura – si rovina a casa. Avere una durata di conservazione più lunga e una qualità superiore dell'imballaggio sarà fonte di soddisfazione per il consumatore“, ha affermato.

María José Galotto, professoressa e ricercatrice presso l'Università di Santiago (Usach).
María José Galotto, professoressa e ricercatrice presso l'Università di Santiago (Usach).

Nord America, Europa e Asia sono i principali mercati di sbocco dei mirtilli cileni, rinomati per la loro ineguagliabile qualità. Tuttavia, la distanza è uno dei principali fattori di deterioramento dei frutti, a causa del marciume causato dalla Botrytis cinerea, che genera non solo una perdita di prodotto, ma anche una riduzione di valore dovuta alla scarsa qualità, ha spiegato Bruno Defilippi.

Per far fronte a questo problema, l'industria del mirtillo dispone di strumenti limitati per il controllo della Botrytis in post-raccolta, che si basano sulla gestione pre-raccolta, principalmente con l'applicazione di fungicidi e integrati, in alcuni casi, con la gassificazione con anidride solforosa (SO2) e l'uso di generatori durante il confezionamento.

Tuttavia, queste tecnologie, oltre a non essere efficienti al 100%, presentano limitazioni in termini di accesso ai mercati, come quello degli Stati Uniti, e di generazione di deterioramento organolettico dei frutti in determinate condizioni.

Fonte: PortalFrutícola.com


Potrebbe interessarti anche