05 apr 2024

Il segreto del colore blu del mirtillo non è nella buccia

254

Cosa rende i mirtilli quel bellissimo colore che hanno? E le susine, le prugne selvatiche e i ginepri? Il colore è dovuto al loro rivestimento di cera: nonostante abbiano pigmenti colorati di colore rosso scuro nella buccia del frutto, i ricercatori hanno ora dimostrato perché i mirtilli ci appaiono di un tipico colore blu.

La buccia non è blu

Tutto questo è dovuto a uno strato di cera che ricopre il frutto, composto da cristalli in miniatura che disperdono la luce blu e UV.

Rox Middleton, ricercatrice presso la Scuola di Scienze Biologiche di Bristol, ha spiegato: "Il blu dei mirtilli non può essere 'estratto' schiacciandoli perché non è situato nel succo pigmentato che può essere spremuto dal frutto. "Ecco perché sapevamo che ci doveva essere qualcosa di strano riguardo al colore. Così abbiamo rimosso la cera e l'abbiamo ricristallizzata su cartoncino, e così facendo siamo riusciti a creare un nuovo rivestimento blu UV".

Il colorante ultra-sottile ha uno spessore di circa due micron, (un capello è circa 80 micron) e sebbene meno riflettente, è visibilmente blu e riflette bene l'UV, aprendo possibilmente la strada allo sviluppo di nuovi modi per creare colore. "Dimostra che la natura ha evoluto l'uso di un trucco davvero ingegnoso, uno strato ultra-sottile per un colorante importante," ha aggiunto Rox.

Cosa serve questo colore?

Ciò aiuta anche a rendere il frutto visibile agli uccelli che li mangiano e distribuiscono così i semi. La maggior parte delle piante è ricoperta da uno strato sottile di cera che ha molteplici funzioni, molte delle quali ancora non comprese dagli scienziati. Sanno che la cera può essere molto efficace per l'autopulizia e funge anche da repellente per l'acqua.

Tuttavia, fino a ora i ricercatori non sapevano quanto fosse importante la cera per la colorazione visibile. Il team ora intende esaminare modi più facili per ricreare il rivestimento e applicarlo. Questo potrebbe portare a un'UV più sostenibile, biocompatibile e anche commestibile, e potrebbe anche essere usato per creare vernice riflettente blu.

Nuovi orizzonti per la ricerca

Inoltre, questi rivestimenti potrebbero avere le stesse molteplici funzioni di quelli naturali che proteggono le piante. Rox ha aggiunto: "È stato davvero interessante scoprire che esisteva un meccanismo di colorazione sconosciuto proprio sotto il nostro naso, su frutti popolari che coltiviamo e mangiamo continuamente.

È stato ancora più entusiasmante riuscire a riprodurre quel colore raccogliendo la cera per creare un nuovo rivestimento blu che nessuno aveva mai visto prima". "Costruire tutta la funzionalità di questa cera naturale in materiali ingegnerizzati artificialmente è un sogno!".

Fonte: University of Bristol


Ascolta l'intervista di Science a Rox Middleton:

Image by lifeforstock on Freepik


Italian Berry - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche