01 nov 2023

Il breeding di eccellenza della NC State University: intervista a Hudson Ashrafi

743

Nella sua presentazione 'Status of Blueberry Breeding in the United States' (scarica qui), Hudson Ashrafi espone un'ampia indagine che mappa i programmi di breeding dei mirtilli negli Stati Uniti. Ci sono 43 programmi attivi di sviluppo di varietà negli Stati Uniti per fruitti decidui e piccoli frutti. Di questi, sette programmi sono attivi per i mirtilli: sei sono gestiti da università e uno centralmente dal USDA, e cinque sono programmi privati, due in California e due in Oregon.

In particolare, l'Università di NC State in North Carolina, dove lavora Hudson Ashrafi, ha 90 accessi in una fase avanzata di incrocio ed è pronta per entrare nella fase commerciale.

In una recente intervista esclusiva con Italian Berry, Hudson Ashrafi parla della storia dell'breeding dei mirtilli presso l'Università di North Carolina State (NC State) come testimonianza di quasi un secolo di dedizione, innovazione e impegno incessante per il progresso della coltivazione dei mirtilli.

Un inizio pionieristico

Le radici dell'incrocio dei mirtilli presso la NC State risalgono agli anni '30, segnando un programma con una notevole storia di 90 anni. Tutto è iniziato con una collaborazione con il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA). Nelle sue fasi iniziali, il programma si è concentrato sulla raccolta e selezione di germoplasma. Questi sforzi fondamentali hanno gettato le basi per il notevole percorso dell'incrocio dei mirtilli.

Una linea di esperti

Il dottor Ashrafi, quarto breeder del programma, riconosce il significativo contributo dei suoi predecessori. Il primo breeder, il dottor George Darrow, ha gettato le basi per l'incrocio dei mirtilli presso la NC State. Successivamente, i dottori Gene Galleta e James R. Ballington hanno preso il testimone, aggiungendo preziosa diversità genetica ai mirtilli Northern Highbusy incorporando germoplasma selvatico.

I frutti della ricerca

Il programma di incrocio dei mirtilli della NC State vanta un'impressionante gamma di varietà rilasciate. Tra queste spiccano O'Neal, Legacy (un lavoro collaborativo con il USDA), New Hanover, Pinnacle, Rowan (NC3104) (mirtilli Southern Highbush, tetraploidi) e Heintooga, un mirtilli pentaploide senza semi celebrato per il suo gusto squisito nonostante una produttività inferiore.

Il programma si è anche dedicato all'incrocio di specie rabbiteye ed esaploidi. Anche se la produzione di varietà rabbiteye non è stata interrotta, si è rallentata in risposta alle dinamiche di mercato.

Il focus su collaborazione ed espansione

Gli ultimi anni hanno visto il programma di incrocio dei mirtilli della NC State espandere i propri orizzonti oltre il North Carolina. L'attenzione principale ora è rivolta ai mirtilli Southern Highbush adattabili alla regione. Le collaborazioni con breeder della Georgia, della Florida, dell'Alabama e dell'Oregon hanno aperto nuove opportunità per testare selezioni avanzate in climi variabili.

Il programma invia anche germoplasma prezioso al repository dei mirtilli a Corvalis, Oregon, garantendo che le risorse genetiche siano conservate e condivise per la ricerca e lo sviluppo globali.

Splendid Blue è una cultivar selezionata come pianta ornamentale per i giardini privati: è di facile conduzione, con foglie molto ornamentali e produce frutti di ottimo sapore

L'incorporazione della genomica

Sotto la guida del dottor Ashrafi, il programma di breeding dei mirtilli della NC State ha abbracciato la genomica per l'incrocio assistito da marcatori (MAB). I marcatori molecolari sono fondamentali nelle selezioni di prime generazioni e genomiche, semplificando il processo di incrocio. Lo sviluppo di marcatori per l'identificazione delle cultivar è anche un contributo prezioso, affrontando una sfida significativa nei vivai.

Questi marcatori sono stati condivisi con i fornitori di servizi come AgBiotech (agbiotech.net) ed Eurofins (Eurofins BioDiagnostics - Eurofins USA) per facilitare la genotipizzazione per coltivatori e vivai. Questo non solo contribuisce alla prevenzione delle frodi, ma protegge anche i materiali brevettati, garantendo che i frutti del lavoro siano protetti.

Un futuro ricco di promesse

Con circa 90 selezioni avanzate attualmente nel percorso del programma, il futuro dell'incrocio dei mirtilli presso la NC State è ricco di possibilità. Prima di dare un nome a una varietà, vengono condotte ricerche rigorose per garantire la sua idoneità per i coltivatori. Il programma pone grande enfasi non solo sulla creazione di nuove varietà, ma anche sull'assicurare la loro efficacia nelle applicazioni pratiche.

La collaborazione globale rimane una pietra angolare della visione del programma. Cercando collaboratori in tutto il mondo per testare materiali, la NC State mira a raccomandare varietà specifiche per diverse regioni, garantendo così che prosperino in climi diversi.

Stati Uniti: divisione del territorio in base alle zone climatiche definite dal numero di ore di freddo (chill hours)

La ricerca per sostituire le vecchie varietà

Uno degli obiettivi principali del programma è quello di sostituire le vecchie varietà di mirtilli, come il Duke, che sono ora più suscettibili a malattie e patogeni. Introducendo nuovi mirtilli Northern Highbush, il programma prevede di espandersi in nuovi mercati, compresa l'Europa e oltre.

Alla ricerca del calibro giusto

L'efficienza della raccolta meccanica è una priorità fondamentale, che comporta la selezione di mirtilli che si staccano facilmente dalla pianta, resistono alle ammaccature e garantiscono una dimensione e una consistenza ideale. Anche se i mirtilli più grandi non sono sempre migliori, il programma mette l'accento su frutti di medie dimensioni che possono essere raccolti e confezionati in modo efficiente, con dimensioni comprese tra 14 e 18 millimetri.

Conclusione

La storia e il futuro del breeding  dei mirtilli presso l'Università di NC State esemplificano una eredità di eccellenza e un impegno verso il progresso. Con breeder dedicati, collaborazioni internazionali e genomica all'avanguardia, il programma continua a essere un pioniere nello sviluppo di nuove varietà di mirtilli. L'obiettivo non è solamente creare nuovi mirtilli, ma garantire che essi soddisfino le esigenze dei coltivatori e dei consumatori in diverse regioni, salvaguardando il loro investimento e offrendo i migliori mirtilli al mondo.

Scarica la presentazione 'Status of Blueberry Breeding in the United States'


Italian Berry - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche