Prezzi e rese del mirtillo siberiano alla conferenza mondiale dei produttori

Il 25 novembre, l’associazione russa dei produttori di haskap (o mirtillo siberiano, Lonicera caerulea var. kamtschatica) ha organizzato una conferenza online sulle sfide e le tendenze nel mercato delle bacche di haskap. 

Rappresentanti di vari paesi hanno partecipato a questo evento remoto. Russia, Polonia, Canada e Cina erano rappresentate in gran numero. Un fatto interessante è stato un breve discorso di un vivaista della Tasmania, una regione del mondo che normalmente non è associata alla coltivazione delle bacche di haskap.

Produzione e utilizzo

Andrzej Krupiński, presidente della Kamchatka Berry Growers Association

Durante l’evento moderato da Wiktor Karpov dell’organizzazione russa delle bacche di haskap, erano previsti interventi di specialisti del settore haskap provenienti da Russia, Cina, Canada e Polonia. La conclusione principale che emerge dopo aver ascoltato la conferenza è che la produzione di haskap sta crescendo in tutto il mondo. Nella Federazione Russa, la superficie coltivata di questa specie ha superato i 700 ettari

In Polonia si stima che sia già oltre 3000 ettari. Ciò non significa, tuttavia, che l’aumento della produzione avvenga in modo illimitato e senza rischi. I canadesi coltivano la bacca della Kamchatka su una superficie di circa 2.000 ettari.

Sia in Russia che in Polonia, la resa degli arbusti è stata influenzata dal clima invernale. In entrambi i paesi, le temperature erano eccezionalmente alte e il tempo era capriccioso in primavera. In Polonia, Russia, Cina e Canada si lavora anche per indirizzare più frutta al mercato fresco. In tutti questi paesi, la maggior parte delle bacche va a clienti industriali. Sebbene un tale modello di cooperazione consenta una raccolta meccanica più economica, le tariffe ottenute per la frutta non sono così attraenti come nel mercato della pasticceria. 

Le sfide e le tendenze più importanti

Artyom Sorokin, più ampiamente conosciuto dai coltivatori polacchi Haskap grazie alla loro partecipazione alla Conferenza internazionale sulla Kamchatka a Jachranka nel 2019, ha affermato che un grave problema per i russi è l’accesso a conoscenze agrotecniche esperte. I rappresentanti dell’industria locale stabiliscono contatti con specialisti di tutto il mondo. Tuttavia, nonostante la ricca tradizione di consumo e utilizzo nella medicina popolare, l’hashkap rimane una specie poco conosciuta. I prezzi del mirtillo siberiano nella Federazione Russa hanno raggiunto livelli soddisfacenti negli ultimi anni. Una certa variazione in tal senso era relativa alla zona in cui venivano venduti i mirtilli freschi. Era più costoso nelle grandi città, più economico in Siberia.

In Canada, i prezzi sono buoni anche nel mercato della pasticceria e all’ingrosso. Lì, tuttavia, vi sono notevoli variazioni in termini di data di raccolta. Sulla costa occidentale, il mirtillo siberiano può essere raccolto già a giugno. Le piantagioni situate più nell’est e nel nord del paese vengono raccolte a settembre. I canadesi producono alcol su scala abbastanza grande dal frutto delle bacche di haskap. Tuttavia, qui vengono venduti numerosi altri prodotti basati su Haskap. 

La Polonia è stato rappresentata durante l’incontro Internet da Andrzej Krupiński dell’Associazione dei coltivatori di bacche di Kamchatka. Ha informato tutti sulla bassa resa delle piante polacche nel 2020 causata dal clima difficile. Secondo lui, nel 2020 i produttori polacchi hanno raccolto 1-2 tonnellate di frutta da 1 ettaro. Il pieno potenziale delle piantagioni Haskap più vecchie è, a sua volta, anche di 6-8 t / ha. Il responsabile dell’organizzazione dei coltivatori ha anche condiviso le sue esperienze nel diffondere il consumo di frutta fresca come parte della campagna Giugno In campagna per piantare haskap (Polish Super Fruits).

Raccolta di haskap tramite scuotimento (video: The Honeyberry Farm)

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!