Trend e statistiche del mirtillo sudamericano

L’International Blueberry Organization (IBO) ha pubblicato un quadro analitico delle produzioni ed esportazioni di mirtillo nei paesi del continente americano.

Ettari piantati

Stati Uniti e Canada rimangono i protagonisti dal punto di vista produttivo con 62.000 ettari di mirtilli piantati.

Produzione

La produzione di mirtillo nel Nord America (pari a quasi 400.000 tonnellate) è principalmente destinata alla trasformazione (surgelato in prima linea): negli Stati Uniti il mirtillo fresco rappresenta il 44,5% della produzione, in Canada il 57,5%. Nell’America del Sud le percentuali per il trasformato sono rilevanti solo in Cile (27.8%), mentre sono statisticamente inesistenti in Perù e trascurabili negli altri paesi,

Rese

Le rese per ettaro variano notevolmente a seconda dei paesi di produzione: guida la classifica con 16 tonnellate il Perù, mentre si piazzano oltre le 10 tonnellate per ettaro anche Ecuador, Messico e Cile. Rese inferiori si registrano in Canada (8 t/ha) e Stati Uniti (7 t/ha).

Esportazione

Analizzando l’export i rapporti di forza si ridisegnano: Canada e Stati Uniti scendono dal podio, che viene occupato da Perù (per la prima volta al posto più alto della classifica), Cile (storico leader delle esportazioni di mirtillo dell’emisfero sud) e Messico (con il 96% dell’export diretto verso gli Stati Uniti).

Sono quindi i paesi dell’America del Sud a essere i più rilevanti nel commercio internazionale: anche in Europa sono proprio Perù, Cile, Argentina a fare la parte del leone nell’import di mirtilli da oltremare.

Perù

proarandanos | Blueberries Consulting

Il settore del mirtillo peruviano ha ottenuto una crescita significativa negli ultimi anni. Nella campagna 2015-16 erano state esportate complessivamente 12.950 tonnellate, contro le 120.100 tonnellate esportate nella campagna 2019-20, consolidandosi come principale esportatore di mirtilli freschi nel mondo, e si prevede una crescita di circa il 40% per questa campagna (circa 170 mila tonnellate).

Perù: superficie piantata mirtilli (ettari)

Per questa stagione si stima la settimana di picco nella settimana 42 con poco più di 11.000 tonnellate. Dalla 34a settimana fino alla 49a settimana le spedizioni sono previste superare le 5.000 tonnellate ogni settimana.

Perù: produzione mirtilli (tonnellate)

Per quanto riguarda le destinazioni, si prevede di spedire il 50% del volume verso gli Stati Uniti, il 28% verso l’Europa, il 6% verso il Regno Unito, il 15% verso l’Asia e l’1% verso altre destinazioni.

Perù: esportazione di mirtilli (tonnellate)

Per quanto riguarda il biologico, si prevede che circa il 5% del volume totale sarà biologico. La stagione peruviana si estende da maggio a marzo.

Cile

Getting the blues at GBC2015 - Blueberry International Organization
Andrés Armstrong, Direttore di Chilean Blueberry Committee – Asoex

Gli effetti della crisi sanitaria della Covid-19 sono ancora difficili da proiettare. Ci sarà senza dubbio un impatto sull’economia mondiale e cambiamenti nelle abitudini dei consumatori che in alcuni casi possono diventare comportamenti permanenti. Ci saranno sfide significative, ma anche opportunità. L’industria alimentare e in particolare quella della frutta fresca, nonostante le nuove condizioni e le nuove restrizioni, ha continuato a lavorare per mantenere l’offerta alimentare sia a livello locale che per i mercati esterni.

L’industria del mirtillo sta attraversando grandi cambiamenti e c’è un nuovo game board che riflette il nuovo scenario competitivo e che ogni stagione diventa più presente sul mercato.

Cile: superficie a mirtilli (ettari)

L’industria cilena del mirtillo si sta adattando al nuovo scenario in cui l’aumento dell’offerta è già presente e i maggiori volumi di varie origini sono presenti praticamente in tutti i mercati. L’industria cilena si sta adattando alle nuove condizioni del mercato in cui qualità, consistenza e produttività hanno nuovi requisiti minimi.

L’attenzione è rivolta alla qualità e alla produttività, non ai volumi. In termini di varietà, c’è una rivoluzione delle ristrutturazioni. Molta superficie è stata rinnovata e stiamo cominciando a vedere sempre più varietà che sono più produttive, hanno un buon post-raccolto e il buon sapore che caratterizza i mirtilli cileni. L’industria ha già capito che ci sono varietà che semplicemente non hanno spazio nell’attuale scenario competitivo.

Cile: produzione mirtilli (tonnellate)

In questa stagione come mai prima d’ora, il Comitato Mirtilli ha lavorato con i suoi associati e produttori per concordare il nuovo scenario competitivo e le azioni necessarie per affrontarlo, in termini di varietà, ma anche di gestione del frutteto, del raccolto e del post-raccolto. Sono molti coloro che si sono già adattati e si sono visti risultati positivi che hanno permesso di continuare a diversificare i mercati di esportazione.

Cile: esportazione mirtilli (tonnellate)

Nella stagione 2019-2020, il Cile ha esportato in tutto il mondo 110 mila tonnellate di mirtilli freschi, appena il 2% in meno rispetto alla stagione precedente. A seguito di una strategia promozionale di successo per sviluppare e diversificare i mercati di esportazione, le spedizioni verso l’Asia sono cresciute del 20%, in Europa la crescita è stata dell’8% e il Nord America ha avuto l’11% di spedizioni in meno rispetto alla stagione precedente, che ha avuto anche un volume inferiore (-9%) rispetto alla stagione 2017-2019.

Con questi numeri, gli Stati Uniti rimangono il principale mercato di esportazione per i mirtilli freschi provenienti dal Cile con il 50% del volume, seguiti dall’Europa con il 33%, dall’Asia con il 15% e dal Canada con il 2%. Per quanto riguarda i mirtilli biologici, essi rappresentano il 14% dell’export di prodotti freschi e crescono del 16%, essendo l’Europa la regione di esportazione che cresce di più, con una crescita del 41%, seguita dal Nord America con una crescita del 10%. Gli Stati Uniti rimangono il mercato principale per i mirtilli freschi biologici con il 73% della quota, l’Europa con il 23% e il Canada con il 3%.

Cile: resa produzione mirtilli (tonnellate per ettaro)

Anche se le spedizioni totali di mirtilli freschi verso gli Stati Uniti sono state in calo per il secondo anno consecutivo, i mirtilli biologici continuano a crescere in questo mercato, il 23% rispetto alla stagione 2018-2019 e il 10% rispetto alla stagione 2019-2020. Per la prossima stagione un approccio sistemico permetterà ai coltivatori delle regioni di Ñuble e Biobio, due delle più grandi regioni di coltivazione di mirtilli, di mantenere la loro condizione biologica quando esportano verso il mercato statunitense.

Per quanto riguarda i prodotti trasformati, le esportazioni di mirtilli cileni del 2019 hanno raggiunto le 44.200 tonnellate, di cui il 18% biologico. Gli Stati Uniti rimangono il mercato principale con il 32% del volume totale. Interessante notare che le spedizioni di prodotti biologici surgelati verso gli Stati Uniti hanno rappresentato il 70%.

Argentina/Uruguay

Federico Baya, Presidente dell’Argentinean Blueberry Committee – ABC

La pandemia ha messo il mondo sottosopra. Siamo ancora nel bel mezzo dell’uragano e non si sa ancora come finirà. La pandemia ha cambiato l’importanza di diversi aspetti della vita. La salute è venuta alla ribalta e quale modo migliore per ottenerla attraverso un’alimentazione sana. Il mirtillo è uno dei frutti con la migliore immagine della salute. Le numerose campagne pubblicitarie sui suoi benefici stanno ora dando i loro frutti. Non solo il suo sigillo di salute ha contribuito al suo successo, ma anche altre sue qualità come il suo sapore squisito, la sua colorazione blu intenso attraente per gli occhi, la sua praticità (dimensioni ridotte, porzioni individuali, facilità di trasporto) e le molteplici possibilità di consumo. Per tutto questo, l’industria del mirtillo in Argentina sta affrontando una grande opportunità, sia nei mercati di esportazione, sia a livello locale.

La produzione di mirtilli in Argentina ha superato diversi cicli, passando da una crescita esplosiva, alla ritrattazione, alla delocalizzazione delle regioni di produzione, alla riorganizzazione delle aziende, alla sostituzione varietale, alla necessità di incorporare nuove tecnologie, ecc. La nostra industria si basava sul principio di iniziare il prima possibile, per il quale impiantava varietà precoci, cercava regioni precoci e dava priorità al trasporto aereo. Ma l’emergere di concorrenti molto forti nella stessa finestra commerciale, ha costretto a un radicale cambiamento di strategia. C’è stato uno spostamento verso una produzione di qualità superiore, grazie al buon clima e all’implementazione di varietà geneticamente nuove.

Argentina/Uruguay: superficie piantata a mirtilli (ettari)

Il mirtillo argentino si distingue per il suo sapore speciale, ed è ricercato dagli acquirenti gourmet, che hanno mercati di nicchia. Ma perché l’industria sia competitiva a livello globale, restano ancora molte sfide da risolvere, come una maggiore sostituzione varietale, lo spostamento verso il trasporto marittimo, l’aumento della produttività, la riduzione dei costi locali e l’incorporazione di tecnologie più avanzate.

Un altro punto su cui si sta lavorando è l’incorporazione di nuove tecnologie, come i tunnel, che ridurrebbero gli effetti delle intemperie e garantirebbero una fornitura costante di frutta di qualità ai mercati esteri. L’Argentina è fortemente impegnata a diventare un fornitore di qualità superiore, coerente e affidabile. L’intenzione è quella di esplorare più profondamente i mercati che apprezzano il sapore dei mirtilli argentini.

Argentina/Uruguay: produzione di mirtilli (tonnellate)

Un altro segmento del settore che sta avanzando rapidamente è quello della produzione biologica. Nel 2019, il 15% delle esportazioni era biologico. Nella stagione in corso l’obiettivo è di raddoppiare questa quota. Anche in questo caso, la pandemia aiuta questa forma di produzione a diventare più importante. I consumatori cercano una vita sana, si sono rivolti a quella più naturale e molti preferiscono acquistare frutta biologica invece di quella convenzionale.

Le prospettive per la prossima campagna su COVID 19 sono difficili da definire, dipenderanno dalle quarantene globali.

L’Argentina è uno dei principali attori del mercato globale, esportando mirtilli da oltre 20 anni. La sua posizione geografica le dà il vantaggio di avere un raccolto in contro stagione, il che significa che può fornire nei periodi di bassa produzione nei paesi dell’emisfero nord. Per questo motivo le principali destinazioni sono gli Stati Uniti, che rappresentano il 60% delle esportazioni totali, seguiti dall’Europa continentale e dal Regno Unito con il 30%, e dal Canada e dall’Asia, che insieme rappresentano il 10% delle spedizioni. Negli ultimi anni, le esportazioni argentine hanno ristagnato a circa 15.000 tonnellate, che rappresentano il 10% dell’offerta totale di mirtilli nella finestra commerciale da agosto a dicembre del 2019.

Argentina: esportazione di mirtilli (tonnellate)

La stagione 2020 del mirtillo inizia in Argentina con l’avvio della stagione dei mirtilli, con zone produttive che implementano rigidi protocolli di salute e sicurezza e un’industria che lavora più vicina che mai verso obiettivi comuni.

Argentina/Uruguay: resa produttiva mirtillo (tonnellate per ettaro)

La strategia di differenziazione continuerà e si baserà su tre pilastri: il gusto, le produzioni biologiche e la responsabilità sociale. Per il quarto anno consecutivo, il settore del mirtillo argentino sta portando avanti la campagna promozionale “Taste the Sweetness & Enjoy the Difference” per sottolineare il sapore dolce del frutto argentino che, essendo prodotto in zone con “ore di freddo”, ha un sapore distintivo che lo differenzia dal resto dei fornitori. Un ulteriore fattore è il trend crescente della produzione biologica, che quest’anno rappresenterà un terzo del volume totale prodotto.

In un mondo sempre più competitivo in cui il lavoro dignitoso spesso non viene valorizzato e l’acquisto è determinato dal costo, l’Argentina ha leggi nazionali sul lavoro, sociali e sulla salute e sicurezza che sono modelli in tutto il mondo. Nel 2015, l’Argentina ha sottoscritto gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile stabiliti dall’ONU, tra i quali l’obiettivo numero 8 è la promozione di una crescita economica sostenibile con un lavoro dignitoso e la proibizione e l’eliminazione del lavoro minorile come uno dei principali fattori da rispettare. Oltre a realizzare queste Linee Guida Internazionali e a promuovere una produzione basata su un triplice impatto, l’ABC fa parte della Rete delle Imprese contro il Lavoro Minorile ed è governata dal Piano Nazionale per la Prevenzione e l’Eliminazione del Lavoro Minorile e la Protezione del Lavoro Adolescenziale.

Messico

Durante la stagione 2019/2020, i mirtilli messicani hanno esportato un totale di 53.139 tonnellate nel mondo con un valore di 355.209.887 US$, il Nord America rappresenta la percentuale più alta di queste esportazioni con il 96% del volume totale esportato, per un totale di 51.495 tonnellate.

La superficie registrata per la stagione è stata di 5.500 ha in produzione attiva.

Messico: superficie a mirtilli (ettari)

I principali stati produttori:

  • Jalisco rimane il principale produttore.
  • Michoacán è il secondo stato produttore.
  • Sinaloa ha previsto una forte proiezione negli ultimi anni e si prevede che supererà Michoacán nei prossimi anni.
  • Guanajuato e Baja California sono rilevanti produttori.
Messico: produzione di mirtilli (tonnellate)

Per questa nuova stagione 2020/2021 ci sono circa 7.408 ettari di aziende associate ad Aneberries e si stima che ce ne siano circa 500 in più appartenenti ad aziende non associate.

Messico: esportazione di mirtilli (tonnellate)

Secondo il tasso di crescita (10%) ci si potrebbe aspettare un volume di esportazione di circa 58.453 tonnellate, con un 85-90% di volume associato all’Aneberry (51.856 tonnellate) sulla base della media delle piantagioni (5.050 piante/ha) e della resa media (7 tonnellate per ettaro).

Fonte: IBO

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 5 / 5. Numero voti: 1

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!