15 giu 2023

Cile sotto esame: nuovi approcci per lo sviluppo nel 2023

227

All’industria cilena del mirtillo servono alcuni aggiustamenti per ottenere maggiore competitività e coerenza. Una strada difficile, ma con una solida base di punti di forza su cui costruire.

Qualche anno fa, quando si parlava di mirtilli in Cile e nel mondo, si pensava a una pianta molto produttiva, piuttosto rustica, senza grandi sofisticazioni. Ma da allora a oggi sono stati fatti molti progressi nella coltivazione e nell’industria, e oggi abbiamo un’ampia scelta di varietà, molte delle quali di club, sviluppate dalle stesse aziende esportatrici. Grazie a questo fenomeno, abbiamo visto espandersi le aree di produzione fino ai luoghi più remoti, molti dei quali ho visitato durante i miei anni di lavoro.

Con il fiorire di questa parte del settore, è fiorito anche tutto ciò che riguarda le tecnologie per far viaggiare e arrivare in sicurezza i nostri mirtilli, iniziando timidamente con l’utilizzo di alcuni prodotti derivati dall’uva e dalle ciliegie, sacchi atmosferici, generatori, tappi, vari tipi e concentrazioni di gas per il contenitore, una vasta gamma di sacchetti perforati e imballaggi, che ampliano la gamma di confezioni che si moltiplicano all’infinito dato il gran numero di clienti che godono di questa merce in tutto il mondo 365 giorni all’anno.

Con tutta questa grande quantità di informazioni, dobbiamo considerare che stiamo lavorando con esseri viventi, che si comportano in modo diverso a seconda del luogo in cui vengono coltivati. I mirtilli sono una specie nobile, ma se consideriamo questi fattori, possiamo dire che le nostre opzioni sono infinite.

È incredibile pensare di poter arrivare dall’altra parte del mondo con frutti di 40 o 50 giorni, quasi come appena raccolti! È già una realtà, le tecnologie di post-raccolta lo rende possibile e questo è stato il mio obiettivo negli anni: visitare diversi luoghi del mondo, confrontare le stesse varietà, le diverse condizioni e testare le tecnologie è affascinante, ma vederlo realizzato lo è ancora di più.

Riprendere il cammino

Gli ultimi mesi non sono stati facili per l’industria del mirtillo in Cile. Quando leggiamo le righe precedenti, pensiamo a ciò che abbiamo raggiunto, ma la verità è che dobbiamo cercare di rimetterci in carreggiata, considerando la base che abbiamo oggi. Consideriamo che, come figli del rigore, abbiamo sviluppato e attuato molte strategie per ottenere il tanto agognato frutto perfetto. Per questo, dobbiamo lavorare per migliorare la nostra coerenza nel periodo che ci è più congeniale.

Quando si tratta di sfide e opportunità, spesso è difficile fare il primo passo in tutti gli ambiti della vita. È sempre il più difficile, non ci tira fuori dai guai, ma almeno ci permette di muoverci verso una nuova opportunità e di guardare con obiettività a ciò che c’è e iniziare a tracciare la strada da seguire.

Produzione di mirtilli in Cile dal 2010 al 2021.

Nelle ultime settimane si è parlato molto di ciò che verrà, meno chili, ricerca della qualità, sostituzione varietale e coerenza; ma in realtà, e con profonda onestà, la strada da percorrere è lunga e non facile. Innanzitutto dobbiamo resistere ai tempi che corrono con quello che abbiamo.

Per questo è molto importante pensare che questa è la prima opportunità, cioè cercare la coerenza, cambiare le strategie, raccogliere meglio, non esportare tutta la frutta per rimanere all’interno del settore e ricominciare ad aprire uno spazio verso un “Cile, frutta di qualità eccezionale”, o qualsiasi slogan si voglia usare, perché l’importante è tenere informato il nostro acquirente e dirgli “torni a prendere la nostra frutta, faremo il miglior lavoro possibile per soddisfare le aspettative dell’esperienza che sta cercando”. In definitiva, l’acquirente cerca un’esperienza, un momento piacevole e un buon ricordo per fidelizzarsi.

Piccoli e grandi aggiustamenti

Che si tratti di cambiamenti in piccole strategie nella catena di raccolta, nel frutteto, nella potatura, nella riduzione del carico, nella gestione pre-raccolta, ecc. l’importante è generare impegno nei team e cercare ciò che si applica alla mia situazione particolare, non ciò che fa il vicino. Stabilire misure correttive a breve termine. Separare e su questa base fare una seconda lettura dei processi. Dobbiamo essere estremamente autocritici e consapevoli di ciò che confezioniamo ed esportiamo.

Se un frutto non produce o non viaggia, non imballatelo; perché aggiungere costi se non arriveremo a destinazione? I margini sono già troppo stretti. I costi sono aumentati notevolmente negli ultimi dieci anni e abbiamo aggiunto costi che non esistevano all’inizio della catena produttiva. È come una tradizione, quando tutto viene raccolto è di qualità “cinese”. Abbiamo bisogno di un cambiamento di mentalità! Come industria non possiamo più permetterci di avere fallimenti nel processo.

Non possiamo pensare che un sacchetto, un’atmosfera da bidone o una linea di processo automatizzata possano fare quello che fanno una buona separazione e cernita, o una passeggiata pre-raccolta nel frutteto per determinare cosa raccogliere, quando e come. Il dettaglio dei processi del frutteto, unito a una raccolta accurata e approfondita, va di pari passo con una buona gestione del post-raccolta. In post-raccolta, possiamo solo preservare le condizioni in cui la frutta arriva fredda.

La determinazione di un corretto indice di raccolta, per varietà e zona di produzione, è una base che non possiamo evitare. Dobbiamo determinare e caratterizzare il comportamento: è essenziale avviare i processi con informazioni che ci permettano di prendere le decisioni giuste. Su questa base possiamo avviare la raccolta e i processi successivi; oggi la fermezza non è più la base, abbiamo bisogno di più informazioni che ci dicano come si comporta la nostra frutta. Questa è la chiave per essere competitivi e riposizionare il Cile come fornitore di frutta che mantiene la consistenza durante la stagione produttiva, che sia di un mese o di quattro mesi.

Se ci muoviamo verso processi più consapevoli, con maggiori dettagli, informazioni aggiornate per stagione, zona e varietà, possiamo avere la possibilità di ottenere un cambiamento interno alla nostra industria nazionale, che si riflette in ciò che portiamo nel mondo, in modo da essere considerati all’interno delle preferenze dei consumatori. Se la vediamo in questo modo sembra complessa, ma una volta che facciamo progressi e guardiamo a come possiamo migliorare, possiamo vedere le opportunità che si aprono.

La logistica, la combinazione di tecnologie, qualunque esse siano, e la corretta gestione del freddo sono fasi della catena di produzione che hanno un effetto positivo sulla frutta solo se funzionano nel modo giusto e se otteniamo la giusta condizione e consistenza. Si tratta di una catena di produzione, quindi ogni fase dipende da quella precedente, nulla è isolato.

Abbiamo molti punti di forza. Abbiamo sempre avuto lunghe distanze, abbiamo viaggiato con la nostra frutta e per questo abbiamo una grande esperienza e grandi tecnici. Le opportunità esistono. Dobbiamo lavorare su di esse per consolidare nuovamente il Cile all’interno di una finestra produttiva come Paese produttore di frutta di qualità. Il consumo mondiale continua a crescere e così i Paesi produttori. Il tempo delle analisi è finito, ora è il momento di agire.

Fonte: Mundoagro

Paula del Valle Escalona, Consulente della qualità, post-raccolta e innovazione per MyBlueProject


Potrebbe interessarti anche