20 feb 2023

Stati Uniti: mirtilli sotto analisi, criticità post-raccolta

159

I ricercatori del CAES, il College of Agricultural and Environmental Sciences, esaminano i problemi di qualità dei mirtilli per i produttori della Georgia. Il progetto affronterà i “principali problemi” legati alla qualità dei frutti, in particolare dei mirtilli “rabbiteye.

Un team multidisciplinare di esperti di agricoltura dell'Università della Georgia sta lavorando per determinare le cause e le soluzioni ai problemi di qualità post-raccolta che hanno colpito duramente i coltivatori di mirtilli della Georgia nelle ultime stagioni.

Finanziato dall'Ufficio di ricerca del College of Agricultural and Environmental Sciences (CAES) e dall'UGA Cooperative Extension, il progetto affronterà i “principali problemi” legati alla qualità dei frutti, in particolare dei mirtilli “rabbiteye”, uno dei due principali tipi di mirtilli coltivati nello Stato.

“In Georgia si coltivano principalmente due tipi di mirtilli: le varietà ‘highbush' del sud e le varietà ‘rabbiteye‘, con le varietà rabbiteye che hanno un raccolto più tardivo nella stagione di crescita. Alcuni dei nostri coltivatori e confezionatori di rabbiteye hanno segnalato problemi con la qualità dei frutti”, ha dichiarato Jonathan Oliver, patologo della frutta e professore assistente presso il Dipartimento di Patologia Vegetale del CAES.

“I coltivatori investono molto denaro e tempo nella preparazione del raccolto e quando i loro frutti arrivano di qualità inferiore alle loro aspettative, questo può avere un forte impatto sui loro profitti”.

Nel 2022, il valore totale del raccolto di mirtilli della Georgia è stato di 348,7 milioni di dollari, il che fa dei mirtilli uno dei primi 10 prodotti agricoli della Georgia.

Secondo la proposta di studio, i mirtilli sono notoriamente suscettibili di lesioni post-raccolta, con conseguente ammorbidimento o spaccatura dei frutti durante la raccolta, la manipolazione e lo stoccaggio. Poiché i frutti sembrano crescere e maturare correttamente sulla pianta durante la stagione di crescita e persino al momento del raccolto, scoprire una qualità ridotta dei frutti dopo la raccolta è una spiacevole sorpresa per i produttori.

Johnathan Oliver, patologo della frutta e professore presso il Dipartimento di Patologia Vegetale del CAES. Fonte: CAES.
Johnathan Oliver, patologo della frutta e professore presso il Dipartimento di Patologia Vegetale del CAES.

“Quando ciò accade, il centro di confezionamento deve rifiutare il carico o inviarlo alla lavorazione invece che al mercato del fresco”, ha aggiunto Oliver. “Noi, come team, ci stiamo occupando di questo problema per cercare di capire i fattori che possono essere coinvolti, se si tratta di malattie, pratiche orticole o questioni ambientali che possono contribuire a ciò che i coltivatori vedono sul campo”.

Il team di ricerca comprende anche Angelos Deltsidis, professore assistente di fisiologia post-raccolta, e Zilfina Rubio Ames, specialista di piccoli frutti presso l'UGA Extension e professore assistente presso il Dipartimento di orticoltura del CAES.

Angelos Deltsidis, professore di fisiologia post-raccolta.
Angelos Deltsidis, professore di fisiologia post-raccolta.

Affrontando il problema da tre punti di vista – malattie delle piante, manipolazione post-raccolta e pratiche di coltivazione – il team multidisciplinare aumenta le probabilità di trovare una soluzione.

“La fisiologia post-raccolta comprende le pratiche di manipolazione, l'orticoltura le pratiche adottate dai coltivatori e il loro impatto sulla qualità dei frutti, mentre la patologia vegetale esamina le malattie e le possibili cause”, ha dichiarato Rubio Ames. “I mirtilli sono la coltura frutticola di maggior valore nello Stato della Georgia, quindi è fondamentale trovare soluzioni per i nostri membri del settore”.

Zilfina Rubio Ames, specialista di piccoli frutti presso l'UGA Extension.
Zilfina Rubio Ames, specialista di piccoli frutti presso l'UGA Extension.

Il team ha iniziato la ricerca raccogliendo campioni del raccolto 2022 ed eseguendo studi di laboratorio sul trasporto e lo stoccaggio post-raccolta per determinare come la qualità dei frutti cambi nel tempo dopo il raccolto. Ulteriori studi saranno condotti presso la Georgia Blueberry Research and Demonstration Farm di Alma e in collaborazione con i coltivatori.

Ulteriori studi esamineranno i fattori che influenzano l'impollinazione, l'allegagione e lo sviluppo dei frutti, le pratiche colturali, i potenziali benefici di programmi di raccolta più frequenti e l'impatto della raccolta meccanica sulla qualità.

“Stiamo esaminando l'intero processo, dall'inizio alla fine, dalla semina al post-raccolta, per vedere quali sono i diversi fattori che possono portare a questo problema che i coltivatori hanno”, ha aggiunto Oliver. “Questo è il lavoro investigativo”.

Fonte: Morning AgClips


Potrebbe interessarti anche