24 ago 2022

Stati Uniti, ecco perché stanno continuando a piantare mirtilli

197

Dopo oltre un decennio di cosiddetta “onda blu”, l'industria del mirtillo negli Stati Uniti continua a registrare un'impennata nella produzione. “Ma non preoccupatevi, nessuno sarà travolto dall'onda e annegherà”: questo è il messaggio rassicurante di uno dei leader del settore.

C'è ancora molto mercato là fuori“, ha dichiarato Kasey Cronquist, presidente dell'U.S. Highbush Blueberry Council e del North American Blueberry Council. Se l'industria svilupperà correttamente questo mercato, avrà bisogno di più mirtilli”.

Ecco che entra in gioco Sustainable Ag Ventures. Il team di investimento agricolo californiano sta impiantando una fattoria di mirtilli a Othello, Washington, che, una volta terminata, sarà tra i maggiori produttori al mondo.

Washington è già il principale produttore nazionale. La produzione è quintuplicata negli ultimi 12 anni, secondo le statistiche del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti. “E indovinate un po', Washington sta piantando mirtilli a raffica“, ha dichiarato Alan Schreiber, direttore esecutivo della Washington Blueberry Commission. “Washington ha alcune delle più grandi piantagioni di mirtilli del mondo”.

Grazie ai forti aumenti registrati negli ultimi anni da Washington e dall'Oregon, la produzione di mirtilli negli Stati Uniti nel 2019 ha superato per la prima volta le 300.000 tonnellate, attestandosi a poco più di 340.000 tonnellate.(Fonte: Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (grafico: Jared Johnson/Good Fruit Grower)

C'è ancora spazio sul mercato

Molti coltivatori sono comprensibilmente preoccupati di un eccesso di produzione. Alcuni hanno ritirato le superfici in altre zone del Nord-Ovest e nel Michigan, un tempo il più grande produttore nazionale, dato che le aziende agricole più grandi si occupano di una parte maggiore del raccolto.

Ma Cronquist assicura ai produttori che c'è spazio per crescere, a patto che l'industria innovi. Gli studi di mercato mostrano che i mirtilli penetrano in circa il 38% delle famiglie statunitensi, rispetto alle fragole che superano il 70%. “Non abbiamo ancora sfruttato tutto il potenziale”, ha detto Cronquist.

Ha lanciato questo messaggio di incoraggiamento durante la riunione semestrale del settore a Washington, a marzo, quando l'industria ha dovuto affrontare un'offerta record di frutti di bosco surgelati. Poi è arrivata la pandemia, che ha portato la domanda di mirtilli surgelati alle stelle.

Ma Cronquist ritiene che la domanda di mirtilli freschi e trasformati rimarrà alta se l'industria innoverà con la tecnologia, le nuove opportunità di vendita al dettaglio e le esportazioni.

I coltivatori, tra cui l'azienda Othello, stanno utilizzando raccoglitori meccanici per ridurre il costo della manodopera per la produzione di mirtilli freschi sul mercato, mentre i produttori di attrezzature stanno costruendo raccoglitori con materiali morbidi e selezionatrici con tecnologia ottica per aumentare la qualità delle confezioni fresche.

L'U.S. Highbush Blueberry Council sta collaborando con un'agenzia di chef che sviluppa ricette per le opportunità di aumento dei volumi nei servizi di ristorazione, come le salse per il barbecue.

Sul fronte delle esportazioni, le Filippine e la Cina hanno recentemente aperto i loro mercati ai mirtilli freschi statunitensi, uno sforzo a cui la filiera sta lavorando da 20 anni, ha dichiarato Cronquist.

Il progetto, denominato Othello Blueberry LLC, comprende circa 400 acri (161 ettari n.d.t.) piantati quest'anno e alla fine ne comprenderà 1.300 (526 ettari n.d.t.). (TJ Mullinax/Good Fruit Grower)

Washington

Washington è in testa alla produzione nazionale, seguita dall'Oregon.

Nel 2019 gli Stati Uniti hanno prodotto 680,7 milioni di libbre di mirtilli (308.760 tonnellate n.d.t.) su 102.700 acri (41.561 ettari n.d.t.), mentre Washington ha prodotto 163 milioni di libbre (73.935 tonnellate n.d.t.) su 16.700 acri (6.758 ettari), secondo le statistiche del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti. La Washington Blueberry Commission stima una superficie di 22.300 acri (9024 ettari n.d.t.).

In ogni caso, il potenziale di produzione di prodotti biologici è ciò che ha attirato l'attenzione del gruppo di investitori che ha impiantato la nuova azienda agricola, denominata Othello Blueberry LLC, ha dichiarato Lyla Oyakawa, uno dei soci. Roy Farms di Moxee, Washington, vicino a Yakima, è un partner operativo dell'impresa, ha detto Oyakawa.

L'azienda sarà interamente biologica. La zona orientale di Washington si presta alla produzione biologica, avendo un'irrigazione relativamente ampia, una bassa pressione di parassiti e poche malattie. Oyakawa ha dichiarato che si prevede di utilizzare i falconieri per la pressione degli uccelli e alcuni teli ombreggianti.

Circa 500 acri (circa 200 ettari n.d.t.) produrranno un primo raccolto quest'anno, mentre i lavoratori hanno piantato circa 400 nuovi acri (circa 160 ettari n.d.t.) quest'anno. Alla fine, l'azienda si affiderà in larga misura alla raccolta meccanica, puntando al mercato del fresco.

Oyakawa ha detto che non si tratta dell'unico impianto a Washington e Oregon sostenuto da investimenti esterni. Il costo della manodopera e gli altri fattori produttivi dell'agricoltura richiedono una dimensione per essere redditizi. “Tutte cose che richiedono molto capitale e molta scala per essere capitalizzate”, ha detto. Oyakawa ha rifiutato di condividere le stime di produzione.

Tuttavia, l'azienda sarà probabilmente uno dei più grandi produttori biologici al mondo, ha dichiarato Schreiber della Commissione per i mirtilli di Washington, anche se gli vengono in mente aziende più grandi nello Stato, in termini di superficie.

In generale, i raccolti di Washington si aggirano in media intorno alle 10.000 libbre per acro (11,2 ton per ettaro n.d.t). Ma nella parte orientale di Washington è possibile ottenere 25.000 libbre per acro (28,2 ton per ettaro n.d.t) per un impianto moderno, anche biologico, ha detto Schreiber. Con 1.300 acri (526 ettari n.d.t.), Othello Blueberry potrebbe produrre più di 32 milioni di libbre di bacche (14.500 tonnellate n.d.t), quasi il 20% del totale attuale dello Stato.

Il team di investimento californiano Sustainable Ag Ventures ha scelto la zona orientale di Washington perché la bassa pressione di parassiti e malattie si presta alla produzione biologica. (TJ Mullinax/Good Fruit Grower)


Effetti sui piccoli coltivatori

I piccoli coltivatori faticano a tenere il passo con queste dimensioni, ha dichiarato Mark Longstroth, educatore di frutta della Michigan State University.

Un tempo il Michigan era la stella dei mirtilli, con circa la metà del raccolto nazionale nel 1993, in gran parte destinato alla trasformazione. Ma i cespugli invecchiati nel clima umido in cui viene tradizionalmente coltivata la coltura producono circa 5.000 libbre per acro (5,6 tons per ettaro, n.d.t.), una frazione dei raccolti di cui si parla ora nello Stato orientale di Washington.

La concorrenza arriva anche da oltreoceano. Le condizioni di coltivazione del Perù consentono rese elevate che riempiono il mercato in inverno. “Ora, se entro in un negozio a metà inverno, ci sono mirtilli in vendita che costano meno di quanto i miei ragazzi possano coltivarli“, ha detto Longstroth.

I piccoli produttori sono preoccupati anche a Washington, dove i profitti dei coltivatori sono diminuiti di circa la metà negli ultimi cinque-sette anni, ha dichiarato Jeff Weijohn di Wapato.

La famiglia di Weijohn coltiva mirtilli e li confeziona in collaborazione con un'azienda di Portland, nell'Oregon, per conto di molti altri produttori della zona rimasti senza un confezionatore a causa dell'integrazione verticale delle aziende più grandi negli ultimi dieci anni. Il loro marchio, Sorbatto Fresh, è presente in negozi come Target e Whole Foods. Hanno anche lanciato Sorbatto Blue Cream, un'alternativa al gelato senza latticini, come modo per diversificare e aggiungere valore.

L'industria ha affrontato tempi duri per 20 anni e l'efficienza è ora di primaria importanza, ha detto. Ma concorda con Cronquist sul fatto che c'è spazio per l'espansione, anche per gli operatori più piccoli.

Quest'anno, tuttavia, Weijohn ha subito una battuta d'arresto. Ha acquistato una macchina raccoglitrice Korvan, ma la pandemia di coronavirus ha bloccato la fabbrica di produzione. Non la riceverà in tempo per il raccolto. “È il prezzo da pagare per andare avanti”, ha detto.

Fonte: GoodFruit


Potrebbe interessarti anche