23 ago 2023

Perù Mc Fruits spinge sui mirtilli: obiettivo raddoppio dei volumi per il 2024

213

L’azienda esportatrice Perú Mc Fruits sta cercando di rafforzare la sua presenza in Cina, Europa e Stati Uniti, i cui mercati stanno già ricevendo i mirtilli coltivati a 300 metri di altezza a Huaral.

“Il nostro obiettivo è posizionarci su nuovi mercati, cioè esportare mirtilli con un nuovo marchio rappresentato da Perú Mc Fruits. Le nostre principali destinazioni per le esportazioni di mirtilli sono la Cina, nei mercati di Guangzhou e Shanghai, l’Europa e gli Stati Uniti”, ha dichiarato il direttore generale Manuel Canales.

In questo modo, l’azienda si è concentrata sull’esportazione di varietà come Ventura, Mágica ed Eskoya, che vengono commercializzate via mare grazie alla loro maggiore resistenza ai viaggi. Mentre Biloxi ed Esmeralda, meno resistenti, vengono spedite per via aerea per garantire una qualità ottimale all’arrivo.

“La prima cosa che cerchiamo è di ottenere la massima produzione in termini di volume, quindi dobbiamo evitare che il tempo influisca sulla produzione stimata della stagione precedente.

Esportiamo 31.996 cassette di mirtilli, pari a circa 50 tonnellate esportabili via mare, mentre esportiamo 8.400 cassette per via aerea, pari a circa 13 tonnellate esportabili”, ha spiegato Canales.

Per quanto riguarda i prezzi, Canales ha affermato che se il volume mondiale esportabile è alto, i prezzi sono solitamente bassi, approssimativamente tra US$ 9,5 e US$ 10,2 FOB.

“Se il volume è basso, i prezzi iniziano a salire, approssimativamente tra i 14,5 e i 15,2 dollari FOB”, ha aggiunto. Inoltre, Peru Mc Fruits fornisce altri frutti come avocado Hass, agrumi e mango Kent.

Quest’anno puntiamo a raddoppiare il volume dell’anno scorso e a vedere la possibilità di aggiungere nuove varietà ad altri mercati che diano maggior valore al nostro prodotto esportabile”, ha concluso.

Fonte: Gestión


Italian Berry - Tutti i diritti riservati 






Potrebbe interessarti anche