14 ott 2022

Mirtilli: crollo nel 2022? Niente affatto

224

“La penetrazione del mercato è al 50%, ma è necessario portarla al 70% e aumentare anche la percentuale di heavy users di mirtilli. Se riusciremo a farlo, saremo sulla strada giusta”

Sembra che non sia ancora accettato il fatto che il mercato mondiale della frutta si sia arreso all'emergere di un nuovo frutto che sorprende i consumatori, particolarmente sano e appetibile. Di tanto in tanto si sentono voci che prevedono la fine di questa “moda”.

Ciò di cui non tengono conto è che, nonostante il mirtillo sia il frutto più recente sul mercato internazionale, l'industria del mirtillo si è sviluppata ed espansa rapidamente in tutto il mondo, consolidando una mappa colturale che copre i cinque continenti e un livello di penetrazione del consumo molto ampio, in costante crescita.

Queste previsioni negative non sono nuove e si concentrano sul significativo aumento dei volumi di produzione e delle spedizioni sui mercati internazionali. Abbiamo chiesto ai principali leader dell'industria del mirtillo peruviano, Paese che guida l'industria internazionale e principale protagonista dell'aumento dell'offerta mondiale di mirtilli.

“Pensa che il mercato dei mirtilli stia per crollare“?. Niente affatto! Il prodotto ha una base alimentare molto buona e sana”. Risponde Daniel Bustamante, presidente di Proarándanos, e aggiunge:

Il mercato si sta adeguando a questa crescita dei volumi, ci sono attività promozionali che ne sosterranno la crescita. Inoltre, la concentrazione nel mercato statunitense si sta riducendo e ci sono molti mercati in tutto il mondo che sono in piena crescita. Credo che il settore sia in una fase di cambiamento, in cui la genetica gioca un ruolo molto importante con nuove varietà migliorate.

L'aumento del volume influisce sul prezzo e questo era previsto. Nel caso del Perù, l'industria si adatterà a stagioni più lunghe, con la qualità come premessa fondamentale. Le nuove varietà ci permetteranno di rispondere ai diversi mercati del mondo in base alle caratteristiche che ciascuno di essi apprezza maggiormente”, spiega.

Migliorare la penetrazione

Abbiamo posto la stessa domanda a Luis Miguel Vegas, direttore generale di Proarándanos:

C'è ancora molto potenziale per aumentare i consumi, c'è molto potenziale per esempio negli Stati Uniti, che è il mercato principale (per consumo pro capite è il più grande). C'è ancora molto spazio per migliorare la penetrazione nel mercato. Attualmente si attesta al 50%, ma tra 5 anni l'idea è di portarla al 70% e di aumentare la frequenza di acquisto.

Anche la percentuale di heavy users che acquistano frequentemente mirtilli negli Stati Uniti è ancora bassa, quindi c'è molto potenziale per aumentare il consumo negli Stati Uniti, per esempio, per non parlare di altri luoghi come l'Europa e la Cina, dove il consumo pro capite è molto più basso. Ma perché i consumi continuino a crescere, oltre ad avere frutta disponibile per 52 settimane all'anno – cosa che già avviene – è essenziale che la frutta disponibile sia di ottima qualità.

Cestini di mirtilli in esposizione al supermercato.
Cestini di mirtilli in esposizione al supermercato.

Se riusciamo ad avere frutta di ottima qualità, questo contribuirà ad aumentare la frequenza di acquisto. Se portate frutta di scarsa qualità, la gente la comprerà una volta e poi non la comprerà più. Questo è fondamentale, quindi che il mercato sia saturo o meno, c'è ancora del potenziale, ma per capitalizzare questo potenziale è necessario rifornire il mercato di buoni frutti, questo è un fattore determinante per il futuro del mirtillo nei mercati.

Credo che questa sia la risposta più concreta che posso darvi: la penetrazione del mercato è al 50%, ma è necessario portarla al 70% e aumentare anche la percentuale di heavy users di mirtilli. Se riusciremo a farlo, saremo sulla strada giusta“, ha concluso.

filiera consolidata

La domanda di mirtilli si concentra principalmente sulla frutta fresca, ma si espande ogni giorno verso prodotti surgelati, succhi, marmellate o paste per diverse applicazioni. D'altra parte, le qualità nutraceutiche del frutto hanno portato a una diversificazione della domanda di mirtilli nell'industria farmacologica, nel mercato cosmetico e in quello degli alimenti funzionali, oltre a molti altri usi.

Il settore del mirtillo, in tutte le sue varianti, ha raggiunto una grande presenza commerciale a livello internazionale, con un'importante forza organizzativa e una buona interrelazione tra i suoi diversi attori a livello globale.

Lontano dal collasso

Questa solidità fa sì che goda di un elevato indice di sostenibilità, che garantisce al settore dei mirtilli un'importante proiezione futura sul pianeta, il che significa che il mercato dei mirtilli è ben lontano dal crollare.

Oltre a questi fattori, l'industria promuove il rinnovamento permanente delle proprie risorse fitogenetiche e lo sviluppo di nuovi sistemi di gestione della produzione, il che implica la ricerca di una crescita integrale, con l'obiettivo di ottenere uno sviluppo in termini quantitativi e qualitativi.

Fonte: Blueberries Consulting
Blueberries Consulting è parte del network globale di Italian Berry

Foto: Foto di Jeremy Ricketts on Unsplash


Potrebbe interessarti anche