04 lug 2024

Le nuove varietà di fragole e lamponi neri di Plant Sciences Genetics

108

Steve Nelson, direttore della ristrutturata Plant Sciences Genetics (Stati Uniti), ha parlato con Fruitnet dello stato attuale del mercato dei piccoli frutti, delle nuove varietà e delle opportunità future per la categoria

Quali cambiamenti recenti ci sono stati in Plant Sciences?

Steve Nelson: Plant Sciences ha ristrutturato la sua attività, consolidando i suoi numerosi interessi di selezione e propagazione che ora vengono rappresentati sul mercato come Plant Sciences Genetics (PSG).

Quanto è forte il mercato dei piccoli frutti in questo momento?

SN: Il business dei piccoli frutti in molti modi non è mai stato così forte. Tuttavia, in alcuni aspetti il nostro successo è anche la nostra vulnerabilità. Varietà migliori e più produttive e regioni di produzione sovrapposte hanno contribuito alla situazione in cui l'offerta spesso supera la domanda. Ci aspettiamo di vedere un'ulteriore consolidazione dell'industria in Nord America.

Quali sono i vostri principali prodotti di piccoli frutti?

SN: A partire da 17 distinti programmi di selezione dei piccoli frutti (dieci fragole, tre mirtilli, due lamponi, una mora e un lampone nero) PSG sta attivamente introducendo varietà di tutte le categorie supportando al contempo diverse varietà di fragole e lamponi già sul mercato.

Le principali varietà di fragole PSG in Europa includono Victory, Inspire e Arabella e le varietà di lamponi includono Majestic (foto) e Nobility.

Ci sono nuove varietà che stanno mostrando promettenti risultati?

SN: Abbiamo numerose nuove varietà di fragole, lamponi e more che stiamo attivamente lanciando. Seguiranno presto varietà di mirtilli e lamponi neri.

Di particolare interesse ora è BK-613 (una mora leader di PSG ora in fase di espansione sia in Nord America che in Europa). Ci aspettiamo che oltre 400 ettari (1,000 acri) saranno piantati in Nord America entro marzo 2025. Sia i coltivatori che i mercati stanno accogliendo con entusiasmo la varietà che dimostra forti rese, bassa inversione di drupelet, eccellente performance post-raccolta e buon sapore.

Quali sono le principali opportunità che vede per la categoria?

SN: Gli interessi di coltivatori, acquirenti e consumatori sono meglio allineati, o almeno meglio informati oggi rispetto al passato. Un interesse non può essere prioritizzato rispetto a un altro. Questo offre a fornitori genetici come noi un ruolo sempre più rilevante e importante mentre lavoriamo per consolidare le caratteristiche richieste per qualsiasi varietà data per ottenere risultati contemporaneamente per ciascuno. Immaginiamo un futuro che offra ai coltivatori, agli acquirenti e ai consumatori benefici costanti e complementari.

Quali sono le sfide più pressanti?

SN: Non c'è dubbio che i coltivatori di piccoli frutti in tutto il mondo hanno subito costi in rapido aumento negli ultimi anni. Storicamente, i coltivatori hanno compensato l'aumento dei costi con un aumento della resa e attraverso la scala. Queste strategie non sono riuscite a tenere il passo negli ultimi anni.

Come detto in precedenza, prevediamo un'ulteriore consolidazione e molto probabilmente una sorta di correzione della superficie coltivata. Con la consolidazione che stiamo vedendo in Nord America, ora ci troviamo a servire gli interessi di produttori/confezionatori con oltre 4,000 ettari (10,000 acri) di produzione di fragole distribuiti tra California, Baja, Florida e Messico centrale. I grandi diventano più grandi e quelli nel mezzo si affannano per garantire di non essere lasciati indietro.

Fonte: Fruitnet

Foto: Van Den Elzen


Italian Berry - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche