15 apr 2023

Driscoll's: comprendere la genetica per migliorare l'esperienza del consumatore

147

Il programma globale dei mirtilli di Driscoll’s, colosso americano con un secolo di tradizione agricola e oggi pioniere dell’innovazione, sarà presentato a Macfrut all’International Blueberry Days (3-5 maggio 2023 al Rimini Expo Centre). A prendere parte al Simposio in programma nella prima giornata di fiera sarà James Olmstead, Direttore del Blueberry Breeding di Driscoll's, tra i massimi esperti al mondo del piccolo frutto, con all’attivo anche una sessantina di pubblicazioni scientifiche di settore.

Attualmente guida un team globale di ricercatori e scienziati con l'obiettivo di sviluppare le migliori cultivar di mirtilli. Di interesse sarà anche il contributo che darà alla Berry School del 2 Maggio sul programma di breeding per ottenere nuove varietà di mirtillo resistenti a patogeni.

Driscoll's è leader del mercato globale di fragole fresche, mirtilli, lamponi e more – spiega James Olmstead – Con oltre cento anni di tradizione agricola, Driscoll's è un pioniere dell'innovazione nella qualità sensoriale  dei frutti di bosco con il marchio di fiducia dei consumatori di Only the Finest Berries™.

James Olmstead, Driscoll's

Con oltre 900 coltivatori indipendenti in tutto il mondo, l’azienda sviluppa esclusive varietà di piccoli frutti (fraogola, lampone e mirtillo) brevettate utilizzando solo metodi tradizionali di miglioramento genetico e sviluppando tecniche sostenibili di coltivazione.

Driscoll's ora serve i consumatori tutto l'anno in Nord America, Australia, Europa e Asia in oltre ventidue paesi. Le operazioni di ricerca e sviluppo dedicate di Driscoll’s hanno sede a Watsonville, in California, e operano a livello globale per supportare l'attività commerciale.

Driscoll's: gli obiettivi della ricerca

Lo sviluppo di nuove cultivar che migliorano continuamente il sapore è l'obiettivo principale del gruppo di ricerca e sviluppo e un team di agronomi, agricoltori, analisti sensoriali, patologi vegetali ed entomologi lavora per portare queste nuove cultivar ai nostri coltivatori indipendenti”.

Olmstead spiega come il mirtillo negli ultimi anni è divenuto un prodotto sempre più globale. “Negli ultimi due decenni, la produzione di mirtilli è passata da prodotto prevalentemente locale e stagionale, a commercializzato su scala globale tutto l'anno. Gran parte di questa transizione è stata resa possibile da sforzi di breeding mirati. In particolare, lo sviluppo di cultivar a basso fabbisogno di freddo, iniziato a metà del ventesimo secolo in Florida, ha portato a un rapido afflusso di nuove fonti genetiche disponibili all'inizio del periodo di espansione globale del mirtillo.

La storia dello sviluppo di cultivar low chill (basso freddo) è uno studio affascinante sull'utilizzo del germoplasma nativo e la comprensione della genetica dei tratti chiave per il miglioramento durante questo processo di sviluppo è stata al centro dell'attenzione dei genetisti del mirtillo. Un focus sull'offerta di frutta differenziata caratterizzerà la prossima ondata di sviluppo di cultivar di mirtilli.

Si prevede che il miglioramento genetico delle piante, la genetica e la genomica avranno ancora una volta un ruolo di primo piano nel modo in cui l'industria globale dei mirtilli affronta la sfida di fornire una migliore esperienza al consumatore aumentando le pratiche di produzione sostenibili”.


Potrebbe interessarti anche