15 set 2023

Avvio lento per la stagione mirtilli dal Sudafrica

248

Gli esportatori sudafricani di mirtilli hanno registrato un buon andamento dei mercati in questa stagione, anche se l'avvio della produzione è stato lento. La filiera ha ancora l'obiettivo di esportare circa 25.000 tonnellate in questa campagna.

Brent Walsh, amministratore delegato di Berries ZA, ha dichiarato che dopo un inizio lento ci sono stati segnali di aumento dei volumi e che, dopo il dominio del trasporto aereo, ora si sta passando a un maggior numero di esportazioni via mare. "I volumi di trasporto aereo sono comunque più alti del solito in questo periodo dell'anno, a causa di una sostanziale carenza nella maggior parte dei mercati", ha dichiarato.

"Tuttavia, è troppo presto per dire come andrà la stagione, ma i produttori e gli esportatori si attengono alle nostre previsioni di 25.000 tonnellate, visto lo stato di salute dei frutteti di mirtilli sudafricani", ha osservato Walsh. "Siamo leggermente in ritardo per questo periodo della stagione".

Il tempo freddo e piovoso in corso nel Capo Occidentale, dove si produce oltre il 70% dei mirtilli sudafricani, ha fatto slittare il picco del raccolto di un paio di settimane. "I volumi non sono stati intaccati e le bacche stanno benissimo sui cespugli in attesa della maturazione finale prima del picco di raccolta", ha continuato Walsh.

"A causa della carenza di mirtilli nei nostri mercati di esportazione, abbiamo registrato prezzi molto buoni per le nostre esportazioni di inizio stagione. Anche se ci aspettiamo che i prezzi si attenuino quando arriveremo alle settimane di picco, siamo fiduciosi che i prezzi di quest'anno daranno un po' di sollievo ai coltivatori di mirtilli in tutto il Sudafrica, dopo l'impatto significativo dello sciopero di Transnet nell'ottobre 2022".

I primi volumi di trasporto aereo sono stati diretti soprattutto verso i mercati del Medio Oriente. "Vedremo questo spostamento verso maggiori volumi diretti ai mercati più tradizionali del Regno Unito e dell'Unione Europea", ha sottolineato. "L'ultima stagione è stata responsabile della diminuzione delle spedizioni verso i mercati tradizionali".

Walsh ha anche confermato che il Sudafrica è intenzionato ad aumentare la sua presenza nei mercati di consumo dell'est asiatico. "Certamente spingeremo per ottenere il nostro accesso al mercato cinese il prima possibile, poiché i mercati dell'Asia orientale offrono molte opportunità per i mirtilli sudafricani".

La domanda di mirtilli sudafricani è stata confermata durante l'Asia Fruit Logistica di Hong Kong da diversi operatori del settore in Oriente. "Stiamo inoltre lavorando a stretto contatto con l'India per aprire al più presto questo mercato", ha osservato Walsh. "Questo offrirà l'opportunità di un'ulteriore crescita del mercato".

Walsh ha spiegato che la frutta a nocciolo sudafricana è la prossima ad entrare nella lista cinese, dopo l'accesso recentemente concesso agli avocado sudafricani. "Le drupacee sono le prossime ad avere accesso al mercato cinese, ma il fatto che le domande includano tutte le drupacee (ad eccezione delle ciliegie) accelererà il protocollo per la valutazione dei mirtilli in tempi brevi", ha aggiunto Walsh.

Berries ZA valuterà anche la fattibilità dell'accesso al mercato della Corea del Sud, del Giappone e del Vietnam.

Fonte: Fruitnet


Italian Berry - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche