17 ott 2023

Il report della stagione ucraina 2023 evidenzia segnali di ripresa e oltre 3000 tonnellate esportate

234

La stagione dei mirtilli in Ucraina è finita, anche se alcuni operatori del mercato continuano a vendere i prodotti rimasti. Per questo motivo, gli analisti di EastFruit hanno deciso di riassumere i risultati preliminari della stagione 2023 che, nonostante le aspettative di disastro, si è infine rivelata non così negativa.

Fig.1: Prezzo medio dei mirtilli ucraini dal 2018 al 2023.

Il grafico mostra che i prezzi all'ingrosso dei mirtilli in Ucraina nel 2023 erano ancora relativamente bassi, anche se, a prima vista, non sembravano essere da record. L'anno scorso, nel 2022, erano periodicamente scesi ancora più in basso di quest'anno. Poiché il tasso di cambio non ha subito variazioni significative nel corso dell'anno, la situazione è simile in dollari USA.

Fig.2: Prezzo medio dei mirtilli ucraini in dollari dal 2018 al 2023.

Tuttavia, quando si stima il prezzo medio, è necessario prendere in considerazione il volume delle vendite nei diversi periodi. Pertanto, è più interessante osservare come è cambiato il prezzo di vendita per mese. In questo caso, come si può vedere nel grafico sottostante, i prezzi più bassi sono stati osservati proprio nel periodo in cui i volumi di produzione di mirtilli in Ucraina hanno raggiunto il picco massimo, ovvero a luglio.

Nel luglio 2023, i prezzi dei mirtilli in Ucraina hanno raggiunto il minimo storico di 4 dollari USA al kg. I prezzi erano inferiori del 21% rispetto all'anno precedente e del 31% rispetto alla media in dollari degli ultimi 5 anni.

Fig. 3: Prezzi medi mensili dei mirtilli all'ingrosso in Ucraina, valori espressi in dollari/kg.

Di conseguenza, è stato questo mese chiave a influenzare maggiormente la formazione del prezzo medio dell'intera stagione. Di conseguenza, secondo le stime di East Fruit, il prezzo medio del mirtillo per l'intera stagione in Ucraina ha raggiunto il minimo storico di 4,7 dollari al kg. Secondo EastFruit, questo prezzo era del 2% inferiore a quello dello scorso anno e del 22% inferiore alla media degli ultimi cinque anni.

Tra i coltivatori di mirtilli in Ucraina continua il dibattito su cosa sia meglio: raccogliere le bacche il più presto possibile o concentrarsi sulle varietà più tardive. Quando il prezzo delle bacche è effettivamente più alto?

Fortunatamente, EastFruit registra accuratamente questi dati, quindi la risposta a questa domanda può essere ottenuta dal grafico seguente. Vale la pena sottolineare un aspetto importante: il mercato è in continua evoluzione. Se da qualche parte si apre una nicchia di mercato, nuovi partecipanti vi si affacciano immediatamente. Pertanto, analizzare la situazione sulla base dei prezzi degli anni precedenti non garantisce il ripetersi di questo scenario in futuro.

Fig. 4: Prezzi medi annuali dei mirtilli all'ingrosso in Ucraina, valori espressi in dollari/kg. 

Come si può vedere in questo grafico, non ci sono tendenze chiare nei prezzi dei mirtilli. C'è una chiara tendenza all'aumento del prezzo all'ingrosso per le consegne super-precoci. Tuttavia, di norma, i mirtilli di giugno sono venduti in quantità relativamente piccole sul mercato nazionale.

Con l'aumento dei volumi, questo prezzo potrebbe diminuire significativamente, ma il livello dei prezzi mostra le eccellenti opportunità che gli investitori hanno per sviluppare la produzione di mirtilli nelle regioni meridionali del Paese, dove attualmente non esiste ancora una produzione significativa di mirtilli.

Basta osservare i seguenti dati: in media, negli ultimi cinque anni, i prezzi all'ingrosso dei mirtilli a giugno sono stati 2,1 volte superiori a quelli di luglio. Pertanto, coltivando mirtilli nelle regioni meridionali dell'Ucraina, con gli stessi investimenti si possono quasi raddoppiare le entrate. Tra l'altro, i coltivatori di mirtilli georgiani lavorano nella stessa nicchia temporanea, aggiornando costantemente i record di esportazione e potrebbero presto superare l'Ucraina nei volumi di esportazione.

Poiché in Ucraina la maggior parte del raccolto di mirtilli viene venduta a luglio, questo mese segna il calo annuale dei prezzi medi all'ingrosso. Tuttavia, i prezzi di luglio sono ancora superiori ai prezzi medi all'ingrosso di agosto. Ovviamente, la ragione principale è che la domanda di mirtilli in agosto diminuisce stagionalmente sul mercato interno e sul mercato estero l'Ucraina ha un serio concorrente: la Polonia.

Inoltre, l'Ucraina esporta volumi significativi di mirtilli attraverso la Polonia. Tra l'altro, anche i prezzi dei mirtilli ad agosto hanno una tendenza al ribasso. Tuttavia, questa è una tendenza globale per i mirtilli, i cui prezzi diminuiscono ogni anno ovunque, il che stimola la crescita dei consumi.

I prezzi dei mirtilli di settembre non sono molto indicativi, perché a settembre l'offerta e la domanda di bacche calano bruscamente. I prezzi aumentano in questo periodo e sul mercato ucraino compaiono anche mirtilli importati, spesso dai Paesi dell'emisfero meridionale, dove la stagione si sta espandendo. Tuttavia, a settembre i prezzi sono di nuovo più alti rispetto ad agosto, anche se nel 2022 i prezzi di settembre non sono praticamente aumentati rispetto ad agosto.

Se il prezzo dei mirtilli è più basso rispetto all'anno precedente, ovviamente la redditività dovrebbe essere inferiore. Tuttavia, non è sempre così.

Il fatto è che molti coltivatori di mirtilli ucraini stanno raggiungendo la piena resa delle loro piantagioni, quindi i loro volumi di produzione crescono ogni anno. E se il volume del raccolto di mirtilli aumenta, di norma i costi operativi della coltivazione diminuiscono.

Tuttavia, c'è un altro fattore da tenere in considerazione: l'inflazione. Se prima veniva ignorata, ora è semplicemente impossibile non tenerne conto.

L'inflazione annuale del dollaro e dell'euro fino al 2021 si aggirava intorno all'1% o meno, quindi poteva essere ignorata nell'analisi dei prezzi. Tuttavia, nel 2021 l'inflazione del dollaro è balzata al 4,7% e nel 2022 è stata completamente sconvolgente, con un incredibile 8%. La situazione dell'euro non è migliore: nel 2021 l'inflazione ha raggiunto il 2,55% e nel 2022 l'8,83%.

Cosa significa questo in numeri reali? Se prendiamo il prezzo medio all'ingrosso dei mirtilli di prima qualità in Ucraina per la stagione 2023, che, ricordiamo, ammontava a 4,7 dollari USA al kg e togliamo dal prezzo gli indicatori di inflazione degli ultimi due anni, allora nel 2021 il prezzo sarà pari a circa 4,1 dollari USA al kg. Ricordiamo che nel 2021 il prezzo medio all'ingrosso dei mirtilli in Ucraina era di 5,9 dollari USA al kg.

Di quanto è sceso il prezzo reale dei mirtilli in Ucraina in due anni? Il prezzo nominale è diminuito di meno del 20%, ma il prezzo reale è sceso del 30%! Ciò significa che il reddito reale dei produttori di mirtilli in Ucraina è diminuito in modo significativo, richiedendo una maggiore efficienza da parte loro per mantenere i livelli di reddito.

E questo senza considerare tutte le difficoltà che gli agricoltori ucraini hanno dovuto affrontare durante l'aggressione russa contro l'Ucraina. Dopo tutto, oggi è persino fisicamente difficile trovare un numero sufficiente di persone per la raccolta dei mirtilli, per non parlare del rapido aumento del costo del lavoro. C'è anche un'enorme carenza di specialisti qualificati, agronomi, ingegneri, ecc. E questi problemi, purtroppo, potrebbero peggiorare ulteriormente nel prossimo futuro.

Dato il costante calo del livello di reddito dei produttori di mirtilli, la questione dell'attrattiva degli investimenti in questo settore è sempre in primo piano. Dopotutto, non possiamo prevedere con precisione gli sviluppi futuri di questo mercato. Naturalmente, comprendiamo che in condizioni di guerra gli investimenti diminuiscono sempre drasticamente, ma non prenderemo in considerazione questo fattore nell'analisi odierna.

"Ci sono diversi punti evidenti che dovrebbero essere presi in considerazione quando si decide di investire nella coltivazione del mirtillo in Ucraina. Il primo è che un ulteriore sviluppo della produzione di mirtilli in Ucraina è possibile solo aumentando le esportazioni".

Ciò significa che il coltivatore deve avere: a) il volume minimo richiesto per le esportazioni; b) prodotti di alta qualità; c) opportunità di investimento nelle esportazioni", afferma Andriy Yarmak, economista presso il Centro investimenti dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO)".

Un esempio lampante di come sia possibile organizzare in modo efficiente la produzione di mirtilli e l'attività di esportazione è il caso dell'azienda "Nikdaria" (TM iBerry), che ora rifornisce direttamente le catene di supermercati in tre Paesi dell'UE.

"Ogni investitore dovrebbe valutare quanti ettari di mirtilli deve avere per poter raccogliere 15-20 tonnellate di mirtilli in 2-3 giorni. Inoltre, per ottenere un buon prezzo, è necessario avere la capacità di selezionare otticamente e confezionare rapidamente tutti questi prodotti e, naturalmente, la capacità di raffreddare e conservare rapidamente i mirtilli".

"Naturalmente, nei primi anni, quando i volumi di produzione sono ridotti, vale la pena cercare di collaborare con le catene di supermercati del mercato nazionale per definire tutti gli aspetti della gestione della qualità dei prodotti", spiega l'esperto.

Per quanto riguarda le ulteriori previsioni sullo sviluppo del mercato mondiale dei mirtilli, Andriy Yarmak ritiene che siano abbastanza buone.

"Il consumo di mirtilli nel mondo, a mio parere personale, crescerà più velocemente di altri frutti e bacche. Si tratta di una bacca molto conveniente per i consumatori, che può essere conservata per un periodo piuttosto lungo, ha un sapore gradevole e, tra l'altro, è anche considerata molto salutare. Tuttavia, un'ulteriore crescita del consumo di mirtilli sarà possibile solo riducendo i prezzi nominali, almeno in quei Paesi in cui i mirtilli sono ancora piuttosto costosi", prevede l'esperto FAO.

A suo avviso, lo sviluppo della produzione di mirtilli in Ucraina presenta sia vantaggi che svantaggi.

"Da un lato, i mirtilli sono una bacca che può essere coltivata ovunque nel mondo. E questa è una cattiva notizia per l'Ucraina, perché la concorrenza aumenterà. Per esempio, nei Paesi dell'Asia centrale, si può dire, i mirtilli non vengono coltivati affatto, e i prezzi lì raggiungono i 40 dollari al kg.

Tuttavia, non si può escludere che tra 5-7 anni comincino a esportare questa bacca e a creare concorrenza sul mercato mondiale. D'altra parte, l'Ucraina, grazie alle sue condizioni climatiche, può produrre bacche di altissima qualità, che possono contribuire a ottenere un prezzo più alto. Finora, però, non si nota alcuno sforzo particolare da parte degli operatori di mercato per investire nella commercializzazione, che è essenziale per ottenere prezzi elevati.

Inoltre, la finestra di mercato in cui i mirtilli possono essere raccolti in Ucraina è piuttosto buona in termini di potenziale concorrenza sul mercato. Inoltre, la coltivazione dei mirtilli può e deve essere estesa al sud del Paese per aumentare la possibilità di ottenere prezzi più elevati", afferma Andriy Yarmak.

Le esportazioni nel 2023

Quale sarà l'entità delle esportazioni di mirtilli dall'Ucraina nel 2023? È troppo presto per tirare le somme della stagione, East Fruit affermare con certezza che il record di esportazioni di mirtilli dall'Ucraina verrà nuovamente aggiornato nel 2023.

Nel 2022, l'Ucraina ha esportato più di 2,5 mila tonnellate di mirtilli freschi e in questa stagione, secondo le stime di East Fruit, le esportazioni potrebbero superare per la prima volta le 3 mila tonnellate. Secondo le stime preliminari, le esportazioni di mirtilli dall'Ucraina potrebbero addirittura raggiungere le 3,5-3,8 mila tonnellate. Ciò consentirà all'Ucraina di entrare nella top 20 dei maggiori esportatori di mirtilli al mondo.

Molto probabilmente, i Paesi Bassi e la Polonia rimarranno i principali mercati per i mirtilli freschi, ma l'aumento maggiore delle esportazioni sarà osservato verso i mercati di Germania, Gran Bretagna e Spagna. Ci sono anche informazioni sul successo delle spedizioni di quantità commerciali di mirtilli freschi verso i mercati dei Paesi scandinavi.

Le conclusioni di East Fruit

Nonostante il calo dei prezzi nominali e reali dei mirtilli, la stagione per i coltivatori di mirtilli in Ucraina è stata sicuramente un successo. Sullo sfondo dei problemi incontrati dagli agricoltori ucraini che coltivano cereali e semi oleosi, si può persino prevedere un aumento dell'interesse per la coltivazione dei mirtilli e un incremento degli investimenti in questo settore.

Nel 2024, se non si verificheranno particolari calamità naturali, i volumi di produzione di mirtilli in Ucraina potrebbero aumentare nuovamente.

Fonte: East Fruit

Immagini: East Fruit


Italian Berry - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche