Mirtilli USA: +140% dell’import in 10 anni, export al ribasso

Il mercato nordamericano rimane fondamentale per l’industria dei mirtilli, secondo la multinazionale olandese di servizi bancari e finanziari Rabobank. Essendo uno dei principali mercati di destinazione, gli Stati Uniti si stanno concentrando sulla disponibilità, poiché la domanda di mirtilli convenzionali e biologici per tutto l’anno rimane costante.

In un rapporto sull’industria globale dei mirtilli, Rabobank ha osservato che mentre la produzione di mirtilli freschi negli Stati Uniti è cresciuta a un tasso di crescita annuale composto (CAGR – compound annual growth rate) del 3% negli ultimi dieci anni e a un tasso del 7% negli ultimi 20 anni, la disponibilità nel mercato statunitense è cresciuta a CAGR del 9% e dell’11%, rispettivamente.

Dal 2016, le importazioni statunitensi hanno costantemente superato la produzione interna degli Stati Uniti, poiché l’industria si è concentrata sulla fornitura di una disponibilità affidabile per tutto l’anno ai consumatori statunitensi”, si legge nel rapporto.

D’altra parte, la valutazione afferma che le esportazioni statunitensi sono rimaste piatte o in calo. In futuro, le importazioni di mirtilli statunitensi “continueranno a crescere durante la bassa stagione, stabilendo potenzialmente nuovi record ogni anno per le prossime stagioni”.

Stefaan Decraene, CEO di Rabobank.
Stefaan Decraene, CEO di Rabobank.

un Bilancio negativo per i mirtilli non biologici


Secondo il rapporto, nel 2021 le esportazioni di mirtilli freschi non biologici dagli Stati Uniti sono aumentate del 14% rispetto al 2012, mostrando una crescente concentrazione di spedizioni con destinazione il Canada. Nell’ultimo decennio, tra gli altri mercati che hanno importato prodotti statunitensi figurano Messico, Corea del Sud, Taiwan, Giappone, Singapore e Hong Kong.

Nei primi sette mesi del 2022, le esportazioni statunitensi di questa categoria sono diminuite del 31% rispetto all’anno precedente. L’inizio tardivo della stagione del raccolto nel Pacifico nord-occidentale, a causa di una primavera fredda che ha ritardato lo sviluppo dei frutti, il dollaro forte e le sfide logistiche sono alcune delle ragioni del calo delle esportazioni statunitensi da inizio anno. I minori volumi esportati hanno causato un significativo aumento dei prezzi nel 2022.

Export USA di mirtilli dal 2012 al 2020.
Export USA di mirtilli dal 2012 al 2020.

Al contrario, le importazioni statunitensi di mirtilli freschi non biologici sono aumentate del 140% tra il 2012 e il 2021. La quota delle importazioni statunitensi dal Perù è passata dallo 0,02% del 2012 al 45% del 2021.

Nel periodo gennaio-luglio del 2022, le importazioni statunitensi sono aumentate del 10% rispetto all’anno precedente, poiché la stagione peruviana inizia ogni anno prima. Inoltre, il 2021 ha segnato il primo anno solare in cui il Messico ha soppiantato il Cile come secondo fornitore di mirtilli non biologici per il mercato statunitense.

Importazione USA di mirtilli dal 2012 al 2020.
Importazione USA di mirtilli dal 2012 al 2020.

Le importazioni statunitensi dall’Argentina e dall’Uruguay sono diminuite in modo significativo negli ultimi anni, poiché questi Paesi devono affrontare una maggiore concorrenza sul mercato internazionale. Il valore unitario medio annuo delle importazioni statunitensi sembra essersi stabilizzato, dato che le forniture sono aumentate durante la fase di spalla della stagione, quando i prezzi erano più alti.

Più superficie negli Stati Uniti sud-orientali e nord-occidentali

Secondo Rabobank, negli ultimi 15 anni le superfici raccolte in alcuni Stati americani sono quasi raddoppiate. Secondo i dati dell’USDA, le superfici raccolte a Washington e in Georgia sono rispettivamente quintuplicate e quadruplicate, superando i 20.000 acri in entrambi gli Stati. Inoltre, la maggior parte degli Stati mostra una tendenza positiva per quanto riguarda le superfici raccolte.

Il rapporto afferma che le rese medie dei mirtilli selvatici variano in modo significativo da uno Stato all’altro. I volumi vanno da 2.267 – 2721 kg (5.000 – 6.000 libbre) per 4046 m² (equivalente a 1 acro) a 4535 – 4989 kg (10.000-11.000 libbre), secondo le statistiche governative.


La disponibilità di mirtilli freschi non biologici continua ad aumentare nei periodi di ottobre-novembre e marzo-aprile. Tuttavia, le spedizioni mensili nel periodo dicembre 2021-gennaio 2022 sono diminuite rispetto all’anno precedente, in quanto le strozzature logistiche hanno ritardato le importazioni.

Anche la disponibilità è diminuita nel periodo giugno-luglio 2022, in parte a causa delle condizioni meteorologiche che hanno ritardato i raccolti nelle principali regioni statunitensi. In questi mesi, i prezzi sono aumentati rispetto all’anno precedente, mostrando così una rapida risposta alla diminuzione delle scorte.

I mirtilli biologici conquistano quote di mercato negli Stati Uniti

Il rapporto di Rabobank afferma che negli ultimi anni i mirtilli biologici hanno rappresentato il 12% delle esportazioni di mirtilli freschi negli Stati Uniti, con tendenze e sfide simili a quelle delle esportazioni di frutta convenzionale.

Sul fronte delle importazioni, i mirtilli biologici rappresentavano solo l’1% delle importazioni statunitensi nel 2012, per arrivare al 16% nel 2021. Le importazioni biologiche sono cresciute in modo esponenziale, in particolare dal Perù e dal Messico.Secondo il rapporto, il fatto che il valore unitario delle importazioni statunitensi abbia mantenuto una tendenza al rialzo nonostante l’aumento dei volumi dimostra che la domanda di questi prodotti continuerà a crescere fino alla metà del 2022.

Di conseguenza, anche se i prezzi dei mirtilli biologici hanno risentito dell’inflazione, si prevede che la domanda rimarrà stabile. California, Cile, Messico, Oregon, Perù e Washington sono tra le regioni in crescita con una quota rilevante di spedizioni biologiche verso il mercato statunitense.

Rabobank sostiene che il settore dei mirtilli sta diventando veramente globale. La domanda e l’offerta in rapida crescita nella maggior parte dei continenti e la continua espansione della produzione stanno alimentando il settore, nonostante i costi dei fattori produttivi, l’aumento della manodopera e le sfide logistiche.

Fonte: Internation Blueberry Organization

Foto: Rabobank


Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!