round purple fruits

Emisfero sud, 4 paesi esportano il 99% dei mirtilli

La partecipazione dei diversi paesi che rappresentano le esportazioni dell’emisfero sud è stata molto dinamica.

Nella stagione 2015/16, il Cile è stato il principale fornitore della regione con esportazioni di 91.412 tonnellate, pari a una quota del 72%. Al secondo posto c’era l’Argentina, con una quota del 12% e concentrata sulle prime spedizioni di mirtilli. Il Perù, che oggi è il leader, in quel periodo aveva una quota di appena il 10%.

Quote di esportazione del mirtillo dell’emisfero sud

Emisfero sud: quota esportazioni per paese

Con il passare delle sette stagioni, la configurazione degli attori è cambiata sostanzialmente. Il Perù detiene ora una quota del 60% delle spedizioni e il Cile è sceso al 30%. Sebbene le esportazioni cilene siano rimaste vicine alle 100.000 tonnellate nelle ultime stagioni, il cambiamento di proporzione è stato determinato dall’aumento esponenziale dell’offerta peruviana.

Per quanto riguarda gli altri fornitori dell’emisfero sud, l’Argentina detiene attualmente il 3% e si prevede che continuerà a diminuire, poiché subisce la forte concorrenza delle prime forniture del Perù. Il Sudafrica detiene il 6% della quota dell’emisfero meridionale e la sua quota è aumentata stagione dopo stagione.

Il seguente grafico settimanale corrisponde alla stagione 2021/22, dove sono incluse le spedizioni dal Messico, in quanto questo Paese è un diretto concorrente nelle esportazioni dell’emisfero meridionale, soprattutto nei mercati statunitense e canadese.

La crescita delle esportazioni, il cambiamento delle varietà e la partecipazione di diversi attori hanno generato l’opportunità di un’offerta sostenuta dall’emisfero meridionale e dal Messico per rifornire diversi mercati, il che consente di fornire mirtilli durante tutto l’anno.

Il Perù, favorito dal suo clima, può pianificare e programmare le spedizioni annualmente, tuttavia le sue esportazioni hanno una maggiore partecipazione all’inizio della stagione con frutti più precoci, principalmente tra agosto e novembre.

Anche il Sudafrica e l’Argentina concentrano le loro spedizioni nei periodi precedenti e con molta concorrenza con il Perù; tuttavia, l’Argentina è quella con le maggiori minacce, in quanto il suo mercato è più focalizzato sul Nord America, il mercato principale per Perù e Cile. Il Sudafrica, invece, è più orientato a fornire mirtilli al mercato europeo.

Il periodo di esportazione del Cile per la stagione 2021/22 è iniziato nella settimana 35 (agosto) e termina nella settimana 12 (marzo), con una marcata partecipazione tra i mesi di novembre e febbraio, che lo posiziona come uno dei principali fornitori nella parte finale dell’emisfero meridionale. Anche il Messico concentra le sue spedizioni da luglio a maggio, con una concentrazione delle spedizioni nell’ultima parte, con una forte partecipazione da febbraio in poi.

Fonte: Anuario 2022 – IQ Consulting


Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!