Mezzetti: “Votate il questionario globale per indirizzare il futuro dei piccoli frutti”

Il progetto europeo BreedingValue, coordinato dal Prof. Bruno Mezzetti, direttore del Dipartimento di Scienza agrarie, alimentari e ambientali (D3A), Università Politecnica delle Marche, entra nel vivo con un questionario in 7 lingue ideato per raccogliere opinioni e orientamenti direttamente dagli interessati, cioè i professionisti della filiera (produttore, commerciante, ricercatore, breeder…) e i consumatori.

Prof. Mezzetti, di cosa si occupa questo progetto?

Il progetto europeo BreedingValue è un programma per lo sviluppo di una produzione di bacche sostenibile e competitiva in tutta Europa. Il progetto affronta in particolare il bisogno di nuovi sistemi di coltivazione e di prodotti di alta qualità a causa delle attuali sfide poste dal cambiamento climatico e dalla conservazione dell’ambiente. Uno degli obiettivi del programma è progettare strategie di selezione innovative che forniscano ai produttori di bacche cultivar commerciali che garantiscano la resilienza, senza sacrificare la qualità della frutta, in un’ampia gamma di condizioni geografiche.

Quali sono gli scopi del questionario?

Il consorzio del progetto è costituito da 20 partners di 8 nazioni: Finlandia, Francia, Germania, Italia, Norvegia, Spagna, Turchia e Regno Unito. Il progetto nasce sullo stimolo del continuo incremento nella domanda di piccoli frutti, occorre però confrontarsi con le odierne importanti sfide causate dai cambiamenti climatici, dalla necessità di tutela dell’ambiente e di innovare le modalità di coltivazione per ottenere prodotti di alta qualità.

Perseguire efficacemente questo obiettivo di ricerca richiede un coinvolgimento diretto di attori della filiera produttivo-distributiva, e dei consumatori. Per favorire questo coinvolgimento i partner hanno analizzato lo stato attuale di produzione, commercializzazione e consumo dei piccoli frutti, e definito domande specifiche da porre agli stakeholders e ai consumatori. I ricercatori di IBE-CNR hanno quindi realizzato sulla piattaforma Limesurvey un questionario online che si propone di acquisire dati importanti per il successo del progetto.

A chi è indirizzato il questionario?

Il sondaggio che proponiamo ha finalità di ricerca scientifica.  Il coinvolgimento dei consumatori e degli esperti della filiera è fondamentale per la definizione delle caratteristiche qualitative più importanti e gradite di fragole, mirtilli e lamponi e per aiutarci a raggiungere gli obiettivi di questo progetto, di avere prodotti più eco-sostenibili, sani e gustosi.

Invitiamo quindi tutti i lettori di Italian Berry a compilare il questionario per dare il loro contributo, condividendo informazioni e conoscenze:

Come è strutturato?

La struttura del questionario prevede due percorsi diversi, uno per chi si occupa professionalmente della tematica, uno parallelo per il consumatore. Questa scelta consente di raccogliere informazioni dalle principali realtà interessate ai piccoli frutti, quindi analizzare e confrontare l’”offerta” e la “domanda”, per comprendere come meglio orientare e sostenere la diffusione di nuove metodologie e la valorizzazione delle risorse genetiche di Breeding Value.

Quali sono i temi coperti dall’indagine?

L’indagine affronta tematiche relative alle scelte produttive e di distribuzione, alle motivazioni che guidano la scelta d’acquisto, alle valutazioni in fase di consumo, alle aspettative di miglioramento dell’offerta, all’interesse per proprietà nutrizionali e salutistiche.

In quali paesi verrà condotta questa attività?

Il questionario viene proposto in 8 differenti lingue (per favorire la partecipazione anche di rappresentanti di un importante mercato in evoluzione, il questionario è disponibile anche in lingua cinese, accessibile dallo stesso link).

In quale quadro di attività si inserisce il questionario?

L’obiettivo specifico è di ottenere a livello europeo, e non solo, un’immagine della situazione attuale, per meglio programmare uno sviluppo sostenibile di questi frutti, che troppo spesso vengono definiti “minori”, che tuttavia presentano ampi margini di progresso, ma che necessitano di efficaci strategie che possano premiare la qualità e l’innovazione.

L’attività progettuale, naturalmente non si esaurisce con azioni online, ma ha già coinvolto i partner nella realizzazione di un glossario multilingue per utilizzo in ambito panel test con giudici addestrati, e in consumer test che prevedano valutazioni edonistiche da parte dei consumatori delle diverse nazioni partecipanti al progetto.

Desidero infine ringraziare Stefano Predieri, Nico Lippi e Giulia Maria Daniele (IBE-CNR Istituto per la BioEconomia, Sede di Bologna) per la collaborazione.


Il progetto di ricerca europeo “Horizon 2020 Framework Programme” “BreedingValue” è entrato nel secondo dei 4 anni di sviluppo. L’intensa collaborazione scientifica tra i partners è orientata a definire nuove strategie di coltivazione per piccoli frutti, in particolare di fragola, lampone e mirtillo, e a valorizzare le risorse genetiche (GenRes) per ottenere nuove cultivar con piante più resilienti, frutti sani, gustosi e nutrienti. Le attività scientifiche sono coordinate dal Prof. Bruno Mezzetti, dell’ Università Politecnica Delle Marche di Ancona.

Foto di Nicola Barts da Pexels


Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!