Mirtilli USA: tutte le statistiche 2019

Tom Karst ha pubblicato su The Packer un’analisi sui dati del mercato dei mirtilli negli Stati Uniti.

I primi mesi del 2019 hanno visto il mercato statunitense dominato dai mirtilli cileni, seguiti da Messico e da Perù.

L’import di mirtilli nel mercato degli Stati Uniti è ricominciato poi in luglio, dopo una pausa che ha interessato il trimestre aprile-giugno durante il quale la produzione nazionale ha dominato il mercato.

Luglio e agosto 2019 hanno visto la prevalenza delle importazioni dal Canada, seguite dal Perù che ha dominato il periodo da settembre a dicembre-

La produzione statunitense di mirtilli convenzionali è disponibile da aprile a settembre, con un picco in giugno.

Le importazioni sono più che raddoppiate tra 2011 e 2019 e per la prima volta il Perù ha soppiantato il Cile come principale fornitore di mirtilli per il mercato USA.

La crescita del consumo di mirtilli ha seguito il trend degli altri prodotti nella categoria dei berries, in particolare fragole e lamponi.

Sia per mirtilli che per lamponi è in crescita la quota di prodotto importato rispetto al prodotto nazionale.

In questo grafico viene riportato l’andamento dei prezzi medi dei mirtilli negli Stati Uniti.

Negli ultimi tre anni sembra essersi arrestato il trend di sviluppo delle superfici coltivate a mirtilli negli Stati Uniti, mentre per le fragole il trend in calo è evidente da oltre un quinquennio.

Fonte: Blue heaven: a world of blueberry trade statistics

Annunci