06 nov 2023

Portogallo: produzione di mirtilli raddoppiata in 5 anni ed export a +35% nel 2022

327

Il Portogallo si colloca al quarto posto tra i produttori di mirtilli dell'area Europa - Nordafrica, con una produzione che, secondo l'International Blueberry Organization, è stata pari a 18.000 tonnellate nel 2022. Questo lo colloca al primo posto tra i paesi minori, con una produzione superiore a quella per esempio di Germania, Serbia e Italia. 

Negli utimi 5 anni la produzione di mirtilli in Portogallo è raddoppiata. 


Nell'ultimo biennio l'esportazione è cresciuta a valore del 29,5%, raggiungendo i 41,1 milioni di Euro. Nello stesso periodo l'esportazione a volume è aumentate del 35,8% da 5523 tonnellate (2021) a 7500 tonnellate (2022)

Il valore medio dei mirtilli portoghesi per l'esportazione è diminuito nell'ultimo triennio da Eur 5,91/kg (2020) a Eur 5,48/kg. I valori maggiori si registrano nel periodo tra settembre e maggio-aprile; tra maggio e agosto invece, in coincidenza con i picchi di produzione, il valore medio dei mirtilli per l'esportazione subisce un calo.

Nel prossimo grafico viene riportato l'andamento delle quantità esportate per mese, da cui è evidente il picco nei mesi estivi. Le quantità complessive sono passate da 5473 tonnellate (2020) a 7499 tonnellate (2022).

I mercati di destinazione dei mirtilli del Portogallo sono principalmente Spagna (20%) e Paesi Bassi (che hanno entrambe un ruolo importante anche come hub di riesportazione verso altri mercati limitrofi) oltre a Francia. Stabili e meno rilevanti le esportazioni dirette verso Germania (5%) e Regno Unito (4%).

Il saldo della bilancia commerciale dei mirtilli nel periodo gennaio-agosto 2023 è stato in avanzo di oltre 18 milioni di Euro, con le importazioni che si sono realizzate in tutti i mesi a parte luglio.

Fonte: Portugal Fresh


Italian Berry - Tutti i diritti riservati


Potrebbe interessarti anche