19 ago 2023

Steve Taylor: “Ecco dove saranno i mirtilli britannici tra 10 anni”

219

In questa intervista esclusiva Steve Taylor, amministratore delegato di Winterwood Farms Ltd (uno dei principali produttori e confezionatori di mirtilli del Regno Unito) parla dello scenario attuale dell’industria dei mirtilli nel Regno Unito e di quanto ne sarà sostenibile la produzione locale in futuro.

Questi scenari futuri avranno un impatto diretto anche sulla filiera italiana del mirtillo, che vede nel Regno Unito uno degli sbocchi strategici per la propria produzione di Duke del Nord Italia.

Come vede l’evoluzione del raccolto britannico di mirtilli nei prossimi anni?

Per quanto riguarda la coltivazione, credo che il Regno Unito abbia raggiunto o quasi il suo picco di ettari. Le tonnellate possono aumentare per uno o due anni, perché sono principalmente Northern Highbush e le rese aumenteranno.

Ma la manodopera è scarsa, a causa della Brexit, quindi non c’è abbastanza manodopera. La manodopera che c’è sta aumentando di prezzo del 10% all’anno, mentre il consumatore britannico in generale non pagherà un premium per i mirtilli prodotti nel Regno Unito come fa con le fragole, per esempio.

Come si collocano i mirtilli locali rispetto alle fragole inglesi nella percezione dei consumatori?

Siamo tutti patriottici per i nostri Paesi. Se si va indietro di 10 anni, i mirtilli non venivano prodotti nel Regno Unito. Quindi, se si è britannici, non si associano i mirtilli all’essere britannici come si fa con le mele o le fragole inglesi. È una cosa molto emotiva e le persone sono molto protettive. Ma non per i mirtilli.

Ha menzionato le sfide associate alla carenza di manodopera: che impatto avrà sull’industria dei mirtilli?

Il costo del lavoro sta aumentando. E il governo ha detto che non arriverà altra manodopera. Quindi dobbiamo pianificare una riduzione della manodopera. Inoltre, non ci sono i robot per l’automazione, né le macchine per la raccolta.

Quindi, mettendomi nei panni di un produttore britannico, probabilmente coltiverei di meno perché la nostra concorrenza nella stagione principale sarà la Polonia. Anche la Polonia è a corto di manodopera, ma non quanto il Regno Unito. E si può coltivare la frutta, raccoglierla e spedirla nel Regno Unito allo stesso costo della raccolta nel Regno Unito. Quindi non è davvero sostenibile con i volumi attuali.

Possiamo indicare la preferenza per i prodotti locali quando si tratta di mirtilli?

Non per tutto il prodotto di produzione britannica si può spuntare un premium. C’è un piccola quantità di premium per qualche migliaio di tonnellate, ma una volta superate, diciamo, le 3000 tonnellate, e ora siamo a 6000 tonnellate, il premium sparisce.

Se sei un coltivatore e chiami un rivenditore e gli dici “ho 200 tonnellate in più”, probabilmente ti diranno di sì, ma probabilmente sarà lui a dettare il prezzo. E sarà molto vicino al costo di produzione.

Qual è la posizione di un coltivatore di mirtilli nel Regno Unito al giorno d’oggi?

Noterete che in Polonia i coltivatori di mirtilli coltivano solo mirtilli. Non coltivano lamponi né fragole, in generale. E c’è una ragione per questo. Perché il terreno ha esigenze diverse, mentre nel Regno Unito siamo passati dal non coltivare mirtilli al chiedere ai rivenditori di coltivare mirtilli.

In genere si tratta di coltivatori di lamponi e fragole, e il loro terreno in generale, molto in generale, non è adatto. La metà di ciò che viene coltivato nel Regno Unito è in vaso, quindi le spese sono ancora maggiori.

Quindi, come coltivatore, è meglio che metta una copertura di plastica perché ho speso un sacco di soldi per un vaso. E poi c’è il prezzo del petrolio che sale, la plastica che sale, l’acciaio che sale, anche se di recente l’acciaio è sceso, e si sommano tutti questi fattori…

Poi dobbiamo parlare di sostenibilità: l’impronta di carbonio è piuttosto bassa per la produzione locale. Ma il punto è che in generale le persone danno più importanza al prezzo e alla qualità che alla sostenibilità.

Quindi c’è anche la possibilità che il raccolto diminuisca nel Regno Unito.

Non credo succederà nel breve termine, perché i coltivatori del Regno Unito, quando sono a corto di manodopera, decidono come fare con la stessa quantità di persone o forse con il 10% di persone in meno ogni anno. Quindi probabilmente non penalizzeranno i mirtilli.

I coltivatori hanno speso tutti quei soldi per il tunnel, la plastica, l’irrigazione, la fertirrigazione, i controlli computerizzati, tutto, e hanno un vaso nel terreno che hanno in programma di tenere per 10 o 12 anni, quindi non lo toglieranno se avranno un’annata negativa, probabilmente non lo toglieranno nemmeno se avranno due o quattro annate negative.

Anche perché per la maggior parte di loro il mirtillo è una coltura secondaria. Subiranno una perdita, ma credo che se si va avanti, diciamo di 10 anni, non credo che il Regno Unito produrrà più di quanto sta facendo ora.

Il Regno Unito è adatto a produrre qualcosa come le fragole, per esempio. Il clima è buono. Abbiamo ottime varietà, buoni programmi di selezione, la domanda è buona. Le fragole inglesi hanno un prezzo maggiorato.

Perché sono davvero più buone! Il sapore è davvero ottimo.

Sono di parte, ma sono onesto. Per i mirtilli inglesi non credo che ci sia una reale differenza di qualità. Anzi, in alcuni casi il prodotto di importazione è migliore di quello inglese perché il nostro clima è molto adatto a lamponi, fragole, more. Si potrebbe dire che è meno adatto ad alcune delle migliori varietà di mirtilli.

Qual è il profilo varietale dei mirtilli nel Regno Unito? Principalmente Duke? 

C’è molto Duke, ma non necessariamente perché la gente pensa che Duke sia la varietà migliore. È perché si cerca di raccogliere tutto prima che inizi la stagione polacca, quindi è soprattutto una questione di concorrenza e di prezzo.


Italian Berry - Tutti i diritti riservati







Potrebbe interessarti anche