11 dic 2023

Sono online gli atti del XXXI convegno IHC2022 sui nuovi sviluppo delle colture delle bacche

168

Sono stati pubblicati gli atti del XXXI International Horticultural Congress (IHC2022): International Symposium on Advances in Berry Crops.

La lista completa dei documenti disponibili online è consultabile sul sito dell'ISHS dove è in vendita anche la versione cartacea degli atti.

Segnaliamo alcuni articoli di interesse per i lettori di Italian Berry.

La selezione e l'agronomia del lampone per climi invernali miti

Autori: F.R. Luz, T. Valdiviesso, P.B. Oliveira

DOI: 10.17660/ActaHortic.2023.1381.5

I programmi di selezione sono cruciali per ottenere nuove cultivar in grado di soddisfare le crescenti esigenze dei consumatori di lamponi e le sfide climatiche. L'obiettivo della maggior parte dei programmi di selezione del lampone è ottenere una nuova cultivar con buona qualità della frutta e elevata produttività, resistente ai parassiti e alle malattie più importanti e ben adattata alle condizioni in cui verrà coltivata. Sebbene tutti questi obiettivi siano importanti per il successo di un programma, è necessario considerare anche i sistemi di produzione. In condizioni invernali miti, esistono diversi sistemi di produzione possibili per i lamponi. Uno dei più comunemente utilizzati è il tipo di fruttificazione su primocae raccolto in autunno seguito dalla raccolta primaverile su floricane. Altri sistemi sono possibili e possono essere esplorati alla luce della diversità genetica osservata nei programmi di selezione sviluppati in tali condizioni. In Portogallo, vi è un recente programma di selezione del lampone, condotto tra l'Istituto Nazionale di Ricerca e un'azienda privata, Beirabaga, situata sulla costa sud-ovest dell'Alentejo. Dalla diversità osservata in questo programma, viene discussa la possibilità di sviluppare linee di selezione per vari sistemi di produzione adatti a climi invernali miti, con dinamiche diverse come i sistemi di long-cane con tipi di fruttificazione su floricanni e con fruttificazione sulle punte, i tipi di fruttificazione su primocane che producono lateralmente alla base della canna durante il primo anno e le piante sempreverdi in grado di produrre durante l'inverno.

Parametri di qualità dei frutti di otto cultivar di mirtillo in Kosovo

Autori:      K. Lepaja, L. Lepaja, E. Kullaj, N. Krasniqi

DOI: 10.17660/ActaHortic.2023.1381.27

Abstract:

Questo esperimento di campo è stato progettato per valutare la qualità dei frutti di mirtillo attraverso alcuni parametri in otto diverse cultivar: 'Duke', 'Spartan', 'Draper', 'Blue gold', 'Huron', 'Star', 'Liberty' e 'Aurora'. L'esperimento è stato condotto nel 2020 utilizzando un disegno sperimentale annidato su un frutteto di mirtilli di 25 ettari, al sesto anno di produzione. I parametri qualitativi analizzati nella regione di Dukagjini (Kosovo) sono stati il peso medio dei frutti, il diametro, l'altezza e il numero di semi. L'indagine è stata condotta in quattro ripetizioni, i cui risultati sono stati elaborati statisticamente con il test ANOVA. Il disegno sperimentale annidato comprendeva per ogni cultivar 10 cespugli di mirtillo e per ogni cultivar 300 frutti. In base all'analisi della varianza a due vie, abbiamo riscontrato cambiamenti significativi in tutti i parametri qualitativi dei frutti. I risultati hanno mostrato che il diametro maggiore dei frutti è stato raggiunto in media nella cultivar 'Duke' (18,74 mm), mentre 'Blue Gold' ha mostrato i valori più alti dell'altezza (13,79 mm); il peso medio più alto dei frutti è stato mostrato per 'Duke' (2,30 g), i valori più alti del numero di semi per frutto sono stati mostrati in 'Star' (58).

Valutazione della luce ultravioletta in post-raccolta per la shelf life dei lamponi rossi

Autori:      N.R. Giuggioli, C. Peano, L. Brondino

DOI: 10.17660/ActaHortic.2023.1381.29

Abstract:

Nella post-raccolta della frutta fresca, la luce ultravioletta (UV) è una tecnologia interessante per mantenere la qualità durante la conservazione e diversi studi riportano l'induzione della produzione di composti bioattivi (polifenoli, antociani) nei frutti trattati. Tra i frutti di bosco, sono stati riportati pochi studi sui lamponi. Lo scopo di questo lavoro è stato quello di migliorare le conoscenze sull'effetto dei trattamenti con luce ultravioletta sui frutti di lampone rosso per limitare il decadimento della freschezza e della sicurezza. I lamponi rossi "Grandeur®" sono stati raccolti in due diversi stadi di maturazione (rosso e rosa). I frutti sottoposti a luce UV per 60 minuti sono stati confrontati con campioni di controllo (non trattati). Le analisi qualitative (perdita di peso, colore della buccia, analisi del profilo strutturale, contenuto di solidi solubili, acidità titolabile e contenuto di polifenoli) e la valutazione microbica sono state eseguite al momento della raccolta (0 giorni), dopo 24, 48 e 72 ore a freddo e dopo 3 giorni di conservazione a temperatura ambiente. Il trattamento con luce UV è stato utile per controllare il decadimento microbico delle bacche, ma ha influenzato negativamente alcuni tratti qualitativi come la compattezza delle bacche.

Effetto della concimazione azotata sulla fioritura della fragola (Fragaria × ananassa 'Sonata')

Autori:      A.L. Hykkerud, T. Woznicki, A. Sønsteby, I. Martinussen

DOI: 10.17660/ActaHortic.2023.1381.35

Abstract:

La produzione di fragole protette richiede rese elevate per garantire la redditività. Le cultivar di fragole che producono a giugno richiedono un periodo di giorno corto (SD) per avviare la crescita generativa. La disponibilità di azoto nel periodo SD e durante il periodo può influenzare il processo. Per approfondire le conoscenze sull'ottimizzazione della concimazione azotata, è stato condotto un esperimento in condizioni controllate. Piante di fragola della cultivar "Sonata" sono state coltivate con combinazioni di diversi livelli di azoto per valutarne l'effetto sui tempi di crescita, sulla fioritura e sul numero di fiori prodotti. I risultati hanno mostrato che il tempo di apertura del primo fiore, l'interazione tra il livello di azoto pre-SD e il livello di azoto applicato durante la SD hanno avuto il massimo impatto, e che i bassi livelli pre-SD sono fioriti prima. Il numero di fiori prodotti è stato influenzato sia dal livello di azoto pre-SD e SD che dalle sue interazioni. Bassi livelli di azoto in tutto il ciclo hanno avuto un basso potenziale di resa, mentre quando un basso livello di azoto pre-SD è stato seguito da alti livelli durante la SD, la resa è aumentata.

Pratiche per aumentare il contenuto di calcio e migliorare la qualità della frutta e la shelf life dei mirtilli

Autori: D.R. Bryla, S.T. Orr, L.W. DeVetter, W.Q. Yang

DOI: 10.17660/ActaHortic.2023.1381.40

Abstract:

Il calcio è un componente chiave della qualità della frutta ed è noto per aumentare la compattezza e la shelf life dei mirtilli. Di solito, il calcio viene applicato aggiungendo gesso o calcare al terreno o mediante l'uso di spray fogliari. Tuttavia, questi materiali tendono ad essere inefficaci nell'incrementare il calcio nella frutta. In precedenza, abbiamo determinato che quasi tutto il calcio nella frutta viene assorbito durante il breve periodo tra le fasi di sviluppo della bacca, da verde precoce a verde tardo. Pertanto, mantenere una concentrazione elevata di calcio nella zona delle radici durante queste fasi potrebbe facilitare l'assorbimento del nutriente nella frutta. Un possibile modo per farlo è iniettare fertilizzanti al calcio nel sistema di irrigazione a goccia e applicarlo mediante fertirrigazione. Attualmente, ci sono diversi prodotti al calcio che possono essere utilizzati per la fertirrigazione, tra cui il gesso micronizzato di grado soluzione (certificato biologico) e il tiosolfato di calcio. Stiamo testando la fertirrigazione con entrambi questi prodotti in cinque cultivar di mirtilli a bacca alta del nord (Vaccinium corymbosum L.), tra cui 'Duke', 'Earliblue', 'Bluecrop', 'Elliott' e 'Aurora', e li stiamo confrontando con applicazioni di gesso al suolo, applicazioni fogliari di CaCl2 e trattamenti di controllo senza fertilizzanti al calcio. Finora, abbiamo riscontrato che la fertirrigazione ha aumentato il calcio nella soluzione del suolo rispetto agli altri trattamenti, ma non ha avuto effetti sul calcio nella frutta. In questo caso, abbiamo praticato la fertirrigazione una volta a settimana dalla caduta dei petali alla colorazione della frutta utilizzando iniettori ad azionamento ad acqua. Le quantità di fertirrigazione erano limitate dalla bassa solubilità del gesso micronizzato e dalla dose raccomandata per il tiosolfato di calcio. Le applicazioni fogliari di CaCl2, d'altra parte, hanno aumentato il calcio nella frutta ma hanno avuto effetti negativi sulla resa e sulla qualità della frutta in due delle cultivar. In particolare, hanno ridotto il peso medio delle bacche dell'8% in 'Bluecrop' e hanno provocato il 10% in più di perdita di frutta per danni da calore in 'Aurora'. Successivamente, pianifichiamo di praticare la fertirrigazione con maggiore frequenza (ad esempio, due o tre applicazioni a settimana) nel tentativo di aumentare il calcio nella frutta. Testeremo anche un diverso tipo di iniettore per il gesso.

Effetto della densità di piante nella produzione invernale di more long-cane

Autori: I. Dias Santos, C.M. Oliveira, P.B. Oliveira

DOI: 10.17660/ActaHortic.2023.1381.46

Abstract:

La produzione di more in Portogallo sta aumentando principalmente nei mesi invernali a causa dei prezzi più alti fuori stagione. Per produrre frutta in questo periodo, i coltivatori devono utilizzare le long-cane . Questo è un nuovo sistema di produzione utilizzato con grande successo nei lamponi, ma poco si sa sulla sua adattabilità alle more. Le more sono piante con un elevato sviluppo vegetativo e gli allevatori spesso inviano al coltivatore piante difficili da gestire con rami primari, secondari e terziari. Sono stati condotti due studi su piante di more 'Loch Ness' coltivate in coltivazione protetta. Nel primo studio è stata valutata l'effetto della densità di canne per vaso (6, 8, 10 e 12 canne); nel secondo studio è stata studiata la distanza tra i vasi (0,50, 0,70, 0,85 e 1,00 m con una densità di 12 canne per metro lineare). L'aumento del numero di canne per vaso ha incrementato il rendimento, anche se il peso e il contenuto di solidi solubili dei frutti sono diminuiti. Nel secondo studio, l'aumentata competizione per lo spazio non ha avuto un impatto diretto sul rendimento, tranne per la distanza di 1,0 m. La percentuale di frutti scartati è stata inferiore con l'aumentare della distanza. Per quanto riguarda i parametri biometrici, entrambi gli studi sono stati simili con l'emergere di laterali fruttiferi principalmente su rami secondari e terziari, che avevano anche più frutti. Secondo i risultati, 12 canne per metro lineare con una distanza di 0,85 cm per vaso è stato il sistema più produttivo. Tuttavia, ulteriori studi sono necessari sulla densità di canne presso gli allevamenti, poiché ha un forte effetto sulla qualità delle piante di more long-cane e può modificare la densità di canne per vaso e la distanza tra i vasi.

Le migliori pratiche per evitare la cascola dei frutti in una coltivazione precoce di ribes rosso

Autori:      C. Spruyt, M. Boonen, B. Vanhoutte, D. Bylemans

DOI: 10.17660/ActaHortic.2023.1381.28

Abstract:

La produzione primaverile precoce di ribes rosso (Ribes rubrum) cultivar 'Junifer' in serre riscaldate può essere una mossa economicamente valida. Tuttavia, diverse insidie possono far fallire questa coltivazione intensiva e costosa. Oltre alla produzione, la qualità dei racemi determina il risultato economico. Solo racemi sufficientemente lunghi con frutti ininterrotti vengono venduti a un prezzo elevato. La caduta dei frutti nelle fasi di fioritura o di allegagione è il principale fattore di insuccesso di questa coltura. Una combinazione di vari fattori climatici, fisiologici o tecnici può causare la caduta dei frutti. Dopo oltre 25 anni di ricerche, il problema non è stato completamente compreso. Tuttavia, sono stati esaminati numerosi parametri separatamente e in combinazione tra loro, ed è stato possibile elaborare le migliori pratiche. Sulla base di queste ricerche, è noto che la temperatura, l'umidità e l'illuminazione sono parametri climatici essenziali che influenzano la cascola dei frutti. Le tecniche colturali, come la potatura invernale ed estiva, il diradamento dei grappoli, la densità delle piante e la soppressione dei funghi, possono ridurre la caduta dei frutti. Anche le caratteristiche fisiologiche, come l'impollinazione, la regolazione della crescita e il numero di ore di freddo, sono parametri importanti. Una guida alle migliori pratiche per i coltivatori dovrebbe garantire che questa coltura possa essere effettuata con il minimo rischio e il massimo rendimento.

La lista completa dei documenti disponibili online è consultabile sul sito dell'ISHS dove è in vendita anche la versione cartacea degli atti.


Italian Berry - Tutti i diritti riservati


Potrebbe interessarti anche