27 gen 2023

Perù e Messico, l'ascesa sorprendente nel campo dei berries

183

Carlos Gereda non sapeva cosa stava iniziando quando, nel 2006, portò in Perù alcuni mirtilli dal Cile. Voleva sapere se fossero cresciuti nella sua terra natale, ma non immaginava che il suo semplice esperimento avrebbe contribuito a trasformare il Perù nel principale esportatore di mirtilli al mondo.

Tutto questo è avvenuto in poco più di un decennio, nello stesso periodo in cui il Messico stava scalando la classifica delle esportazioni di lamponi per rivaleggiare con il leader del mercato, la Russia. Una combinazione di clima e imprenditori astuti ha portato le nazioni latinoamericane alla celebrità delle bacche.

Il loro forte aumento nella produzione di frutta potrebbe essere un insegnamento per altri Paesi, in un contesto di crescenti timori per la sicurezza alimentare dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. Il World Economic Forum's September 2022 Chief Economists Outlook avverte che i prezzi dei prodotti alimentari continueranno a salire nei prossimi anni.

Il rapporto aggiunge che gli investimenti in nuove fonti alimentari saranno essenziali per garantire le forniture future.

Carlos Gereda, CEO di Inka's Berries. Foto di La República.
Carlos Gereda, CEO di Inka's Berries. Foto di La República.

Il boom dei mirtilli in Perù

L'aumento della produzione e delle esportazioni di mirtilli in Perù è stato sostenuto dagli investimenti di alcuni dei principali trasformatori di frutta del Paese.

Gereda ha importato 14 varietà di piante di mirtillo dal Cile e ne ha trovate quattro che hanno prosperato. La produzione è passata da appena 30 tonnellate nel 2010 a più di 180.000 tonnellate all'anno, facendo del Perù il secondo produttore mondiale dopo gli Stati Uniti. I mirtilli in Perù rappresentano oggi un business da 1 miliardo di dollari l'anno.


I mirtilli sono un grande business a livello globale. Secondo l'analista Index Box, il mercato dei mirtilli valeva 8,3 miliardi di dollari nel 2021 e crescerà “significativamente” per il resto del decennio, con una domanda che supererà i 2 milioni di tonnellate all'anno entro il 2030.

L'intuizione di Gereda che il clima peruviano fosse adatto ai mirtilli ha dato i suoi frutti, in parte grazie al clima favorevole del Paese. Ma il cambiamento climatico ha influenzato anche l'ascesa del Messico come superpotenza dei frutti di bosco.

Produzione di mirtilli del Perù dal 1961 al 2020.


L'ascesa del Messico nel settore dei lamponi

Gli esperti prevedono che il Messico potrebbe superare la Russia come principale esportatore di lamponi, con un aumento delle esportazioni nel periodo gennaio-marzo 2022 del 22,5% rispetto all'anno precedente. Grazie ai cambiamenti climatici, gli agricoltori messicani possono raccogliere anche in inverno, quando i prezzi sono più alti.

Complessivamente, la produzione di lamponi del Messico è aumentata di 128 volte in soli 20 anni, passando da appena 6 tonnellate nel 1986 a oltre 146.000 tonnellate nel 2020, grazie al cambiamento climatico che consente agli agricoltori di coltivare mirtilli in autunno, inverno e primavera.

Il Messico produce anche il 10% delle fragole del mondo ed è il terzo produttore di fragole. Nel 1961 la produzione si aggirava intorno alle 25.000 tonnellate, ma nel 2020 il Paese ne produceva 558.000 tonnellate.

Le esportazioni di frutti di bosco in Messico valgono complessivamente 3 miliardi di dollari all'anno, il che fa dei frutti di bosco la terza esportazione alimentare più preziosa del Paese dopo la birra e gli avocado, superando persino la tequila e il mezcal messi insieme.

Produzione di Lamponi del Messico dal 1961 al 2020.

Fonte: World Economic Forum


Potrebbe interessarti anche