25 mag 2022

Perù: al via la sostituzione varietale, previste 120.000 tonnellate nel 2025

209

L'Associazione dei Produttori di Mirtilli del Perù (Proarándanos), ha indicato che nella campagna 2021/2022 (prossima alla chiusura), le esportazioni di mirtilli freschi dal Perù raggiungeranno le 222.714 tonnellate, di cui una grande percentuale proviene dalle varietà Ventura e Biloxi, le più antiche piantate in Perù, quando il business dei frutti di bosco era appena decollato nel 2013; tuttavia, ora i produttori vogliono differenziarsi.

Ricardo Polis, direttore regionale di Fall Creek Farm & Nursery, ha sottolineato che nella stagione in corso (2021/2022) è iniziata la sostituzione varietale, infatti ha evidenziato che ci sono sempre meno piante della varietà Biloxi perché la stanno eliminando. “E abbiamo una maggiore richiesta di varietà come Atlas e Bianca”.

“La rivoluzione del consumo di mirtilli è già iniziata, è già successo con l'uva. A breve termine, il consumatore avrà un frutto di migliore qualità, più dolce, più grande e più croccante. Il coltivatore avrà una maggiore produttività per ettaro e un costo di raccolta inferiore”, ha aggiunto.

Polis spiega che il tempo di raccolta sarà solo la metà di quello delle vecchie varietà, i cui piccoli frutti sono più difficili da staccare dalla pianta, in quanto di dimensioni maggiori (22 millimetri). In termini di produttività, le nuove genetiche hanno rese medie di oltre 28.000 chili per ettaro, mentre ora sono quasi 20.000 chili.

In questo senso, aggiunge Polis, il Perù sta guidando la sostituzione delle varietà nel mercato dei mirtilli. Pur evitando di fornire una cifra per l'aumento della domanda di quest'anno, ha previsto che delle oltre 300.000 tonnellate di mirtilli che il Perù potrebbe inviare nel 2025, circa 120.000 tonnellate saranno di nuove varietà genetiche. “Si tratta di un volume molto importante che attirerà l'attenzione dei migliori supermercati del mondo. Marocco, Messico e Cile hanno appena iniziato a seguire la stessa tendenza”, ha osservato.

Ma oltre al gusto e alle dimensioni migliori, i coltivatori hanno anche accelerato il ritmo della produzione biologica. Per la prossima stagione, si prevede che la quota di bacche biologiche sul volume totale inviato ai diversi mercati salga dall'8% al 15%, ha dichiarato Luis Miguel Vegas, direttore generale di Proarándanos.

Per quanto riguarda le nuove aree di produzione, Polis ha sottolineato che le regioni di Ancash (Callejón de Huaylas) e Cajamarca hanno dimostrato di possedere le qualità – condizioni termiche – per produrre mirtilli dal sapore eccezionale.

Secondo la società Terra Business, il Perù passerebbe da 15.000 ettari di mirtilli a 20.000 ettari entro il 2024.

Dati

  • I principali esportatori di mirtilli sono Camposol, Hortifrut Perú, Complejo Agroindustrial Beta, Agrovision Perú, Agroberries Perú, Agrícola Santa Azul, HFE Berries Perú, Danper Trujillo e Agrícola Cerro Prieto.
  • Recentemente, Daniel Bustamante, presidente di Proarándanos, ha dichiarato che il Perù diventerà il primo esportatore mondiale di mirtilli per il terzo anno consecutivo.
  • Fall Creek Farm & Nursery è uno dei laboratori leader al mondo nel campo della genetica dei mirtilli e nel 2021 ha introdotto in Perù dal Messico nuove varietà con brevetto, tra cui Azra.

Fonte: Agraria.pe


Potrebbe interessarti anche