14 feb 2023

Mirtilli, coltura ottimale ma attenzione a chimica e terreno

202

I mirtilli sono una coltura difficile da coltivare, poiché le piante non assorbono facilmente i nutrienti chiave e le bacche possono quindi variare in termini di sapore, qualità e dimensioni. Con un mercato sempre più esigente, i coltivatori devono ottimizzare la nutrizione delle piante per ottenere un raccolto costante che generi prezzi elevati. Lindi Botha ha parlato con il dottor David Marks.

I mirtilli sono una coltura relativamente nuova per il Sudafrica e, con il frequente arrivo di nuove varietà, trovare la ricetta giusta per una produzione ottimale non è facile. Allo stesso tempo, il prezzo dei mirtilli sta diminuendo dopo aver raggiunto il picco massimo due anni fa, il che significa che gli agricoltori devono ottenere il massimo da ogni input e da ogni ettaro per garantire la loro sostenibilità.

Purtroppo, il loro compito è reso molto più difficile dalla nota inefficienza della pianta di mirtillo nell'assorbire il calcio (Ca) e l'azoto (N), entrambi elementi chiave necessari per un buon raccolto di frutta. La semplice aggiunta di una quantità maggiore di uno dei due nutrienti non risolve il problema. Si consiglia invece ai coltivatori di rivedere i tassi e i metodi di applicazione e le diverse forme degli elementi.

Il calcio (Ca)

Un livello adeguato di calcio migliora la qualità e la conservabilità dei mirtilli. Bassi livelli di Ca, tuttavia, hanno molto più a che fare con la coltura che con i fertilizzanti.

Il dottor David Marks, fondatore di Levity Crop Science, con sede nel Regno Unito, afferma che per capire perché le applicazioni di Ca sono inefficienti, gli agricoltori devono comprendere tre regole fondamentali del metabolismo del Ca nelle piante: capacità, trasporto e assorbimento.

David Marks, fondatore di Levity Crop Science.
David Marks, fondatore di Levity Crop Science.

Le piante non possono immagazzinare il Ca in eccesso come possono fare con altri nutrienti, come il potassio. Quando i siti di stoccaggio del Ca nelle pareti cellulari sono pieni, le piante fanno precipitare il Ca in eccesso assorbito. Spesso le piante carenti di frutta continuano a far precipitare il Ca dalle foglie.

“Il calcio non è mobile nel floema, il che significa che deve essere trasportato attraverso l'acqua nella pianta. Il movimento dell'acqua in una pianta è governato dalla traspirazione e si muove in una sola direzione: dalle radici ai germogli. Le aree di maggior perdita d'acqua ricevono il maggior flusso d'acqua e quindi il maggior apporto di Ca.

“Inoltre, le parti delle piante con alti livelli di auxina – un ormone che regola la crescita delle piante – assorbono facilmente il Ca, mentre quelle a basso contenuto di auxina ne assorbono poco, indipendentemente dalla quantità fornita. I livelli di Ca sono solitamente bassi nei mirtilli, a causa del fatto che il frutto è un tessuto a bassa auxina e quindi un povero serbatoio di Ca”.

Parte del problema di assorbimento risiede nel basso livello di auxina delle bacche in maturazione. Quando il frutto è giovane e piccolo (meno di 2 mm di diametro), le cellule si dividono e il livello di auxina è elevato. Ma quando il frutto inizia a crescere di dimensioni, la divisione cellulare si arresta e il livello di auxina inizia a diminuire, portando a una capacità limitata di assorbire il Ca.

Secondo Marks, l'applicazione di Ca al terreno non è consigliabile, in quanto il Ca bypasserebbe il frutto e verrebbe trasportato alle foglie, dove la traspirazione è più elevata. Ma anche l'applicazione di Ca direttamente sul frutto, a parte quando è molto giovane, è sconsigliata, perché non verrà assorbito a causa della mancanza di auxina.

La soluzione sta nella corretta tempistica e collocazione delle applicazioni di Ca. Marks spiega che i frutti assorbono meglio il Ca quando viene applicato tra la fioritura e quando i frutti hanno un diametro di 2-3 mm. Le applicazioni fogliari effettuate in questo periodo saranno più efficaci di quelle effettuate più tardi nella stagione.

L'azoto (N)

La pianta di mirtillo presenta peculiarità metaboliche e fisiologiche che influenzano l'utilizzo dell'azoto e il suo effetto sulle abitudini di crescita. La pianta non ha peli radicali, il che limita l'assorbimento di acqua e nutrienti.

Al contrario, ha radici relativamente grandi e poco profonde che servono principalmente ad ancorare la pianta e a trasportare l'acqua, e radici di alimentazione più sottili che assorbono e trasportano i nutrienti. Queste radici sono tuttavia di breve durata, con un ciclo di vita tipico inferiore a 130 giorni.

Questo ha un impatto notevole sulla coltura. Poiché le radici di alimentazione muoiono relativamente presto, è di fondamentale importanza gestire la coltura in modo da ottenere la massima crescita delle radici, nonché una crescita continua delle stesse durante la stagione di crescita.

“In secondo luogo, forse meno conosciuto, i peli radicali sono il principale sito di produzione dell'ormone citochinina, che favorisce la crescita delle piante. Quindi la mancanza di peli radicali nei mirtilli influisce significativamente sulla produzione del raccolto“.

I nitrati

Un'altra particolarità è che la pianta di mirtillo è meno capace di elaborare i nitrati rispetto alla maggior parte delle altre colture, essendosi evoluta in un ambiente a basso contenuto di nitrati. Tecnicamente parlando, non è in grado di utilizzare in modo efficiente il sistema enzimatico della nitrato reduttasi che le piante utilizzano per convertire i nitrati N in proteine per crescere.

Purtroppo, osserva Marks, questo rende l'uso dei fertilizzanti convenzionali in una coltivazione di mirtilli altamente inefficiente.

“Per questo motivo ai coltivatori di mirtilli viene spesso consigliato di evitare l'uso di fertilizzanti a base di nitrati e di utilizzare invece fonti di N ammonico o ureico. Ma neanche questo risolve il problema, perché l'N non è stabile dal punto di vista ambientale. L'assorbimento di N da parte delle colture assomiglia poco all'apporto di N, poiché cambia tra l'applicazione e l'assorbimento.

“Nella maggior parte dei casi, le colture assorbono solo il 30-50% dell'N applicato. Questo viene assorbito sotto forma di nitrato, indipendentemente dalla forma in cui viene applicato.

Poiché i mirtilli e altre ericacee che preferiscono i terreni acidi non hanno la capacità di altre piante di elaborare il nitrato, l'accumulo fogliare è rapido dopo l'applicazione di azoto nel suolo. Questo porta a un'eccessiva produzione dell'ormone dell'auxina, che a sua volta incoraggia una crescita vegetativa, con meno energia diretta alla formazione dei frutti, con conseguente calo della resa”.

Marks spiega che se la produzione di auxina è elevata rispetto a quella di citochinina, la pianta destina una maggiore crescita allo sviluppo dei germogli o alla crescita vegetativa. Al contrario, se la pianta ha un rapporto migliore tra citochinina e auxina, si concentra maggiormente sulla crescita riproduttiva o sullo sviluppo dei frutti.

La soluzione è quindi l'uso di N amminico stabilizzato, che può fornire ai mirtilli il giusto equilibrio di N per una crescita e una resa ottimali. La combinazione della forma amminica dell'azoto (NH2), del calcio (Ca), dello zinco (Zn) e degli aminoacidi, applicata in piccole dosi tramite irrorazione fogliare o a goccia, modifica le abitudini di crescita della coltura, dando vita a piante più corte e ramificate e a un migliore sviluppo delle radici.

Inoltre, indirizza l'energia verso i fiori e i frutti, anziché verso la classica risposta dell'azoto, che si traduce in una crescita vegetativa.

Fonte: Farmer's Weekly


Per approfondimenti:

Valori dei componenti chimici necessari alle piante di mirtilli.
Valori dei componenti chimici rilevati nelle piante di mirtilli. Fonte: SQM Nutrition.
Valori di calcio presenti in alcune varietà di mirtillo coltivate in Argentina. Fonte: Redalyc.
Valori di calcio presenti in alcune varietà di mirtillo coltivate in Argentina. Fonte: Redalyc.
Contenuti di calcio all'interno di foglie e radici di alcune varietà di mirtillo. Fonte: Research Gate.
Contenuti di calcio all'interno di foglie e radici di alcune varietà di mirtillo. Fonte: Research Gate.
Livelli raccomandati di azoto per la coltivazione di piante di mirtilli. Fonte: Research Gate.
Livelli raccomandati di azoto per la coltivazione di piante di mirtilli. Fonte: Research Gate.

Potrebbe interessarti anche