14 ago 2023

Il cambiamento climatico mette a rischio i mirtilli selvatici in norvegia

199

I ricercatori norvegesi sono curiosi di sapere come i cambiamenti climatici influenzeranno le stagioni dei mirtilli selvatici nei prossimi anni. Per diversi anni, gli ecologi hanno monitorato una piccola area lungo il Sognefjord, vicino a Kaupanger. Qui studiano in dettaglio la crescita di mirtilli e mirtilli rossi.

I ricercatori conducono esperimenti in cui riscaldano alcune aree con piccole serre. Confrontano queste aree con quelle naturali non riscaldate. “Contiamo fiori, frutti e api”, spiega il ricercatore Stein Joar Hegland, ecologo dell’Università di Scienze Applicate della Norvegia Occidentale.

I ricercatori esaminano aree a diverse altitudini e le serre che utilizzano si trovano rispettivamente a 100, 500 e 900 metri sul livello del mare. Questo per studiare come il riscaldamento nelle diverse aree influisca sull’impollinazione e sul numero di frutti prodotti.

“Finora non abbiamo raccolto abbastanza dati per trarre conclusioni. Ma sappiamo dalla ricerca e dall’esperienza che il clima ha un impatto significativo sulla produzione di piccoli frutti”, afferma Hegland.

Stein Joar Hegland, ecologo dell'Università di Scienze Applicate della Norvegia Occidentale.
Stein Joar Hegland, ecologo dell’Università di Scienze Applicate della Norvegia Occidentale.

Lo dimostra, ad esempio, uno studio condotto nel Maine, negli Stati Uniti. I ricercatori hanno analizzato i dati relativi a 40 anni fa. Dalle rilevazioni è stato osservato che l’aumento della temperatura ha reso le aree in cui crescono le piante di mirtillo selvatico molto più secche.

Secondo i ricercatori intervistati dal New York Post, una minore quantità d’acqua si traduce in una minore quantità di mirtilli prodotti. Il Maine è l’unica area in cui si trovano produttori commerciali di mirtilli selvatici degli Stati Uniti.

I risultati preliminari del Sognefjord indicano anche che un clima più caldo influisce negativamente sulla crescita delle piante di mirtillo. “Si tratta di una specie adattata ai nostri ecosistemi settentrionali. Con un clima più caldo, potrebbe diventare troppo caldo per i mirtilli nelle aree basse”, afferma Hegland.

Ricerca effettuata sui mirtilli selvatici in un'area lungo il Sognefjord, vicino a Kaupanger, in cui i ricercatori utilizzano piccole serre per riscaldare piccole aree in cui crescono di mirtilli selvatici per monitorarne la crescita.
Ricerca effettuata sui mirtilli selvatici in un’area lungo il Sognefjord, vicino a Kaupanger, in cui i ricercatori utilizzano piccole serre per riscaldare piccole aree in cui crescono di mirtilli selvatici per monitorarne la crescita.

In base agli esperimenti, sembra che i mirtilli rossi siano meno influenzati dai cambiamenti climatici rispetto ai mirtilli, indipendentemente dall’altitudine a cui crescono, spiega la ricerca.

“In montagna, il riscaldamento ha un effetto diverso. Lì il riscaldamento può essere più positivo per le piante di mirtillo. Ma a prescindere da ciò, il clima è molto più variabile, quindi la produzione di mirtilli naturalmente può variare molto da un anno all’altro“, afferma.

I ricercatori sono curiosi di sapere come se la caverà il mirtillo nelle pianure della Norvegia centro-orientale a seguito del riscaldamento del clima. Per ora, tuttavia, preferiscono non fare dichiarazioni definitive a riguardo.

Fonte: Sciencenorway

Foto: Western Norway University of Applied Sciences – HVL, Sciencenorway


Potrebbe interessarti anche