05 dic 2023

Boom di investimenti e produzione per i mirtilli in Zimbabwe

277

Gli analisti di EastFruit attirano l'attenzione su un fatto inaspettato: attualmente il leader mondiale nel tasso di crescita delle esportazioni di mirtilli è un paese più noto per i suoi record di iperinflazione e povertà. Tuttavia, questo paese era una volta molto ricco e aveva un'agricoltura altamente sviluppata, quindi il suo potenziale non dovrebbe essere sottovalutato.

Secondo EastFruit, attualmente c'è un boom degli investimenti nella coltivazione di mirtilli in Zimbabwe. Nuove piantagioni vengono stabilite principalmente da investitori del vicino Sudafrica, che spesso diversificano o addirittura trasferiscono la produzione in questo paese grazie a condizioni climatiche molto favorevoli, disponibilità di acqua di alta qualità per l'irrigazione e manodopera economica. Inoltre, di recente c'è stato un aumento degli investimenti da altri paesi nello sviluppo di nuove piantagioni di mirtilli in Zimbabwe.

Poiché la produzione di mirtilli in Zimbabwe è sviluppata principalmente da investitori che hanno già esperienza nella coltivazione di mirtilli in condizioni climatiche simili, la produttività delle piantagioni e la qualità dei prodotti sono piuttosto elevate. Inoltre, queste aziende hanno già canali stabiliti per la vendita di mirtilli, il che consente loro di fare altrettanto con le bacche coltivate in Zimbabwe.

Di conseguenza, le esportazioni di mirtilli dello Zimbabwe stanno attualmente crescendo più velocemente di qualsiasi altro paese al mondo. "In media, negli ultimi cinque anni, lo Zimbabwe ha aumentato le esportazioni di mirtilli del 63% ogni anno o di 1.200 tonnellate. Nel 2022, le esportazioni sono cresciute dell'85% o 2,3 mila tonnellate e hanno superato le 5 mila tonnellate, consentendo al paese di entrare tra i primi 15 paesi nelle esportazioni di mirtilli e superare la Serbia in volume", afferma Andrij Yarmak, economista presso il dipartimento degli investimenti del Ministero dell'Agricoltura e dell'Alimentazione delle organizzazioni delle Nazioni Unite (FAO).

Gli esperti di EastFruit prevedono che nel 2023 le esportazioni di mirtilli dallo Zimbabwe potrebbero crescere ancora del 30-40% e raggiungere le 6,5-7,0 mila tonnellate. Considerando l'alto livello dei prezzi dei mirtilli a causa del cattivo raccolto di questa bacca in Perù, il paese può fare buoni guadagni dall'esportazione di mirtilli nella nuova stagione.

Una parte significativa dei mirtilli dello Zimbabwe viene esportata in Sudafrica, probabilmente per ulteriori re-esportazioni. Il paese esporta anche direttamente mirtilli freschi nel Regno Unito, nell'UE e nei paesi del Medio Oriente, nonché in Russia.

Tra l'altro, la Georgia è anche tra i leader nel tasso di crescita dei mirtilli nel mondo, con un aumento annuo medio delle esportazioni del 50%. Nel 2023, le esportazioni di mirtilli dalla Georgia sono aumentate del 2,5 volte e hanno raggiunto le 3,4 mila tonnellate. Tuttavia, ovviamente, alcuni di questi mirtilli sono stati coltivati in Ucraina e re-esportati dai commercianti georgiani sul mercato russo.

L'Ucraina stessa, nonostante le sue posizioni di primo piano nel mondo in termini di aumento dell'area destinata ai mirtilli, è leggermente indietro rispetto alla Georgia in termini di tasso di crescita delle esportazioni. Tuttavia, nel 2023, le esportazioni di mirtilli dall'Ucraina sono aumentate notevolmente, il che è in parte dovuto alla diminuzione delle dimensioni del mercato locale dei mirtilli a causa dell'afflusso della popolazione a seguito dell'aggressione militare russa.

Fonte: EastFruit

Foto: Foto di Christel da Pixabay 


Italian Berry - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche