14 feb 2024

Da agronomo a consulente, in viaggio per il mondo con la passione per i berries e la condivisione della conoscenza

817

Jorge Duarte ha sviluppato una solida esperienza come consulente per i coltivatori di piccoli frutti, viaggiando in tutto il mondo per condividere conoscenze e guidare i coltivatori nella ricerca delle migliori soluzioni per i loro raccolti, con uno sguardo sia all'azienda agricola che al contesto generale, che include i requisiti di mercato e le tendenze dei consumatori.

In questa intervista esclusiva, l'esperto portoghese racconta ai lettori di Italian Berry del suo lavoro, della sua vita e delle sue passioni, e di come un lavoro tecnico si sia evoluto per diventare una passione con un approccio a 360° per rendere i piccoli frutti un'attività redditizia e a lungo termine per i coltivatori dal Portogallo all'Italia, dall'Egitto alla Georgia.


Piccoli frutti... chi non ha mai assaporato questi frutti squisiti? Fragole, lamponi, more, mirtilli e altri ancora deliziano milioni di consumatori in tutto il mondo. Qualcuno si è mai chiesto come vengono prodotti o dove vengono coltivati?

Beh, posso dirti qualcosa... inizia a causa del desiderio del consumatore, ma si evolve grazie alla mente degli imprenditori, degli investitori, degli agronomi e dei coltivatori.

Quest'anno ho compiuto 20 anni dedicati a questa categoria, prima come studente, poi successivamente come responsabile di un'azienda agricola e oggi sono un consulente per i piccoli frutti che ha trasformato il suo amore per queste piante nel suo lavoro. Dopo 10 anni trascorsi tra le aziende agricole del Portogallo e dei Paesi Bassi, qualcuno ha piantato il seme nella mia testa (grazie Dennis!) che le mie mani verdi dovrebbero essere utilizzate per aiutare altri coltivatori a migliorare. 

Con una laurea in Agronomia all'Università dell'Algarve (Faro, Portogallo) e quasi 10 anni di esperienza, mi sono messo fuori dalla mia zona di comfort, e con la voce in giro che qualcuno era diventato un consulente per i piccoli frutti in Portogallo, ho iniziato a ricevere chiamate da coltivatori, colleghi e amici del settore che raccomandavano il mio nome. 

Nel 2012 la mia esperienza riguardava principalmente fragole, lamponi e more. In quel periodo iniziò il mio lavoro solitario nel progettare una strategia con cui avrei raggiunto il paese con le mie conoscenze e esperienze, e iniziò il processo di apprendimento. Quel periodo fu quello in cui viaggiai nella maggior parte dei paesi europei per imparare di più sulla mia passione e appresi anche su altri piccoli frutti.

Rapidamente capii che dovevo proiettare questa idea come un'azienda e nacque Hortitool Consulting. L'azienda è stata creata nel 2015 e, guardando al 2024, posso dire che le tappe del mio lavoro come consulente per i piccoli frutti sono i seguenti:

2015 Portogallo, Spagna

2016 Italia

2018 Marocco

2020 Georgia, Turchia

2021 Egitto, Romania

2022 Austria

2023 Azerbaijan

2024 India

Sembra molto e in effetti lo è. Molte persone mi chiedono quale sia il ruolo di un consulente che lavora a livello internazionale. La base deve essere la conoscenza approfondita delle coltivazioni di piccoli frutti a livello di crescita e produzione e l'altra parte consiste nel capire che, essendo un'attività a rischio, si deve comprendere anche il processo decisionale a livello agronomico e anche a livello di gestione. 

Come consulenti, dobbiamo capire che il rischio non è nostro, ma dobbiamo accettarlo come fattore limitante per le decisioni finali, accettando che dobbiamo mostrare tutti gli scenari immaginabili per poter finalmente prendere decisioni. 

Questo crea un collegamento più profondo con il processo decisionale e consente al consulente di essere una sorta di allenatore del produttore, stabilendo un legame di lavoro di squadra, qualcosa che ho portato nel mio lavoro essendo un ex giocatore di basket. 

Per me è stata un'esperienza sociale per capire la mentalità dei coltivatori, degli investitori e degli imprenditori, consentendo anche di aiutare nelle decisioni quotidiane sulle operazioni (visione in azienda = agronomia) ma mostrando anche la visione più ampia (visione fuori dall'azienda = agrobusiness) di ogni linea della categoria, dalla selezione delle varietà, alla tecnologia di crescita, al calendario di produzione, al potenziale di marketing e alle tendenze del mercato.

Nel corso del processo, ho capito che l'aspetto agronomico è diventato la parte più importante nel processo decisionale, che la maggior parte della gestione spesso ha difficoltà a comprendere completamente.

Riguardo a questo argomento, di solito dico: Agronomia e gestione sono un matrimonio... ma non è 50% per ciascuna parte come dovrebbe. È più 30% Agronomia e 70% Gestione. Detto questo, sembra meno importante l'agronomia, giusto? Affatto... la quota del 30% di Agronomia è conoscere tutto sulla tua coltivazione e se non hai quella conoscenza, anche con la migliore gestione puoi fallire.

Durante queste esperienze, vedo questo lavoro come "tutto in uno", che richiede la conoscenza del lavoro quotidiano in azienda e della gestione, raccogliendo tutti i tipi di informazioni per essere avanti e preparato per decisioni migliori sul campo e fuori dal campo per tutti i membri del team aziendale.

Alla fine, la persona che viaggia ovunque per vedere tendenze e sviluppi porta più informazioni sul potenziale dell'attività e su dove può essere portata l'operazione agricola. Un'immagine vale più di mille parole, giusto?

L'altra parte è... essere te stesso! Cosa intendo con questo? Beh... molte persone hanno difficoltà a capire quale stile useranno per comunicare, essendo un risolutore di problemi non mi piace portare cattive notizie ai coltivatori e agli investitori perché ciò può creare conflitti e danneggiare potenzialmente le relazioni con i clienti. Scelgo la comunicazione e l'onestà come abilità chiave per farlo.

Essere consulente è anche una posizione rischiosa, e devi essere preparato come un atleta olimpico... beh, almeno in termini di conoscenza ed esperienza.

Altre domande che mi fanno sono "come fai a viaggiare così tanto?" Beh, non dovrei farlo così tanto... può essere molto pesante per il corpo e la mente tutto il tempo di viaggio in aereo, in auto e gli orari che devi fare. È necessario pensare al proprio benessere. 

Ciò che mangi e l'attività fisica che fai determinano se puoi farlo a lungo. Devi essere in forma: il corpo e la mente. Periodi più lunghi di viaggio possono danneggiare la tua salute e la tua vita privata, se hai una famiglia. Quindi fondamentalmente devi trovare l'equilibrio.

In sostanza, essere un consulente per i piccoli frutti significa essere appassionato dei frutti, amare coltivarli e mangiarli (fondamentalmente devi essere un po' fanatico), essere disposto a portare le conoscenze ovunque esse siano necessarie, considerare l'esperienza sociale che ti permette di imparare il mondo, fare sacrifici (benessere e famiglia) e la volontà di condividere e trasferire conoscenze sulla tua passione. 

Alla fine non si tratta solo di conoscere ciò che le piante "ti dicono" in campo, ma anche di capire le esigenze del coltivatore per la sua azienda.


Italian Berry - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche