19 dic 2022

26 seasons, investimento da 630.000$ sul vertical farming

247

Il governo collabora con 26 Seasons per ampliare il sistema di coltivazione indoor dopo un pilota di successo.

Il governo neozelandese ha stanziato quasi 1 milione di dollari neozelandesi (630.000 dollari) per un nuovo progetto con 26 Seasons per la coltivazione di fragole al chiuso. Le fragole non irrorate saranno coltivate nel sistema di coltivazione proprietario di 26 Seasons, con l'obiettivo di aumentare la disponibilità del frutto in Nuova Zelanda.

“Le fragole sono un alimento fondamentale per la dieta dei Kiwi in estate, ma molti concordano sul fatto che la nostra stagione delle fragole è troppo breve”, ha dichiarato il ministro dell'Agricoltura neozelandese Damien O'Connor. “Stiamo collaborando con 26 Seasons attraverso Sustainable Food and Fibre Futures per identificare il metodo più conveniente per coltivare fragole fuori stagione ad alto rendimento utilizzando un sistema di coltivazione in ambiente controllato“.

Coltivazione indoor di fragole di 26 Seasons.
Coltivazione indoor di fragole di 26 Seasons.

“Stiamo impegnando più di 920.000 dollari neozelandesi in due anni per questo progetto attraverso il fondo gestito dal Ministero delle Industrie Primarie. Il progetto consentirà alla ricerca di contribuire all'aumento della produzione utilizzando il sistema di coltivazione proprietario di 26 Seasons, che l'azienda ha testato con successo in una prova preliminare“.

Il sistema idroponico indoor di 26 Seasons ricicla l'acqua e utilizza scaffali verticali mobili e luce pulsante, per cui non richiede pesticidi o erbicidi che di solito sono una parte essenziale della produzione di fragole su larga scala.

26 Seasons sta attualmente utilizzando questo metodo per produrre microgreens e, sebbene i sistemi di coltivazione in ambiente controllato siano già utilizzati in tutto il mondo, questo è il primo del suo genere in Nuova Zelanda. Crediamo anche che sia uno dei primi esempi a livello mondiale di coltivazione delle fragole in questo modo”.

O'Connor ha detto che 26 Seasons ha già condotto con successo un esperimento pilota su piccola scala di 1.000 piante di fragole nel centro di Wellington, con l'aiuto di un finanziamento di Callaghan Innovation.

“I tempi sono maturi per scalare, e questo nuovo progetto pilota è stato appena sottoposto a una prova di coltivazione di 8.000 piante in un edificio più grande a Foxton”, ha detto O'Connor. “Questo sarà il primo passo verso l'obiettivo di 26 Seasons di una commercializzazione completa, che richiederebbe tra le 60.000 e le 200.000 piante per sito“.

Damien O'Connor, ministro dell'Agricoltura neozelandese.
Damien O'Connor, ministro dell'Agricoltura neozelandese.

Il progetto mira a produrre frutti dal sapore, dall'aspetto e dalle dimensioni equivalenti alle fragole di alta stagione coltivate localmente e in modo convenzionale.

“L'azienda mira a coltivare piante che producano frutti per almeno otto mesi all'anno, con una resa commerciale per pianta”, ha dichiarato O'Connor. “Questo progetto ha il potenziale per beneficiare l'industria orticola della Nuova Zelanda, sia dal punto di vista ambientale che economico“.

La tecnologia di coltivazione in ambiente controllato utilizza il 90% in meno di acqua e il 90% in meno di terra rispetto all'orticoltura tradizionale; inoltre, le fragole possono essere coltivate in modo abbastanza costante senza doverle irrorare con pesticidi o erbicidi, quindi i vantaggi ambientali sono enormi. In caso di successo, 26 Seasons condividerà la sua tecnologia con i coltivatori di altre colture di alto valore, concedendo in licenza la proprietà intellettuale”.

Fonte: Fruitnet
Fruitnet è parte del network di NCX Media

NCX Media network

Potrebbe interessarti anche