18 mar 2024

10 ton/ettaro non bastano più secondo gli esperti alla Blueberry Conference in Polonia

140

La 12a International Blueberry Conference 2024 tenutasi in Polonia è già in archivio. L'evento di due giorni ha riunito oltre 550 partecipanti provenienti da 17 Paesi di tutto il mondo. Ciò ha creato grandi opportunità non solo per approfondire le conoscenze nel campo della coltivazione del mirtillo, ma anche per molte importanti conversazioni, discussioni e accordi commerciali.

Produttività dei mirtilleti

Il primo giorno della Conferenza sul mirtillo si è svolto presso l'Hotel Mazurkas di Ozarow Mazowiecki. Per i partecipanti sono state preparate 16 conferenze, tra cui un dibattito molto importante: 10 tonnellate per ettaro non sono più sufficienti. Durante la discussione, gli esperti hanno mostrato come migliorare l'efficienza produttiva per ottenere rese superiori a 10 t/ha. 

Il dibattito è stato moderato da Dominika Kozarzewska di Polskie Jagody e dal Core Team. Una produttività delle piantagioni di 10 tonnellate per ettaro è oggi il minimo per poter raccogliere e avere opportunità di investimento - ha sottolineato Andrzej Trela, coltivatore di mirtilli e membro dell'Associazione polacca dei coltivatori di mirtilli. Dalle nuove piantagioni che abbiamo creato qualche anno fa, otteniamo 20 t/ha per Draper e 25 t/ha per Liberty.

Questo è possibile solo se la piantagione è stata avviata con un buon materiale vivaistico e il sito è stato perfettamente preparato", ha sottolineato Leon Schrijnwerkers, vivaista e coltivatore di mirtilli dei Paesi Bassi. 

La resa determina la redditività della produzione, ma il secondo fattore chiave è la qualità. È la qualità che serve per aumentare il consumo di mirtilli e incoraggiare i consumatori a consumarli regolarmente - ha concluso Krzysztof Żabówka, rappresentante di Fall Creek.

Criticità agronomiche per i mirtilli

La serie di conferenze preparate ha riguardato sia argomenti legati all'agrotecnica delle piantagioni sia questioni di mercato. Il dottor David Bryla (Oregon State University) dagli Stati Uniti ha presentato i risultati di due interessanti esperimenti. 


Il primo riguardava la gestione del pH del suolo nelle piantagioni biologiche. È emerso che, oltre a utilizzare i metodi tradizionali, come i fertilizzanti a base di zolfo, i coltivatori americani utilizzano i cosiddetti bruciatori di zolfo. 

Questi funzionano bruciando lo zolfo e iniettando acido solforico nel terreno. È l'acidificazione della soluzione nutritiva e dell'acqua utilizzata per irrigare la piantagione che consente di controllare l'acidità del suolo e di fornire le condizioni migliori per la crescita delle piante di mirtillo. 

Altrettanto interessanti si sono rivelati i risultati della ricerca sulla possibilità di ridurre lo stress termico associato a temperature sempre più elevate durante la maturazione e la raccolta dei frutti.

È emerso che la temperatura critica per i frutti del mirtillo è di 32,2 C. Al di sopra di questo valore, i frutti possono essere danneggiati e la loro qualità (durabilità post-raccolta) può essere ridotta. La ricerca ha valutato gli effetti del raffreddamento mediante irrigatori che operano a diversi intervalli di tempo. 

È emerso che il raffreddamento ciclico dei frutti mediante aspersione ha sortito l'effetto desiderato e ha contribuito a evitare il deterioramento della qualità dei frutti. Per alcune varietà, l'aspersione ha avuto un effetto positivo anche sul peso e sulla consistenza dei mirtilli.

E i raccoglitori di mirtilli?

Wiesław Brzozowy, rappresentante di Fieldstone Investments, ha espresso le sue considerazioni sull'assunzione dei raccoglitori e sull'evitare un'elevata fluttuazione del personale. È importante non solo mantenere i dipendenti nelle aziende agricole in un determinato anno, ma anche incoraggiarli a tornare per le stagioni successive. Per i dipendenti, il guadagno è un fattore importante (quanto tempo possono lavorare, se il lavoro viene svolto a cottimo), ma anche l'ambiente della piantagione li motiva a continuare a lavorare e a tornare l'anno successivo.

Il ruolo chiave sembra essere giocato dalle condizioni sociali, dai luoghi organizzati per trascorrere il tempo libero, dall'accesso a una cucina ben attrezzata, ecc. Al giorno d'oggi, un buon Wi-Fi che possa essere utilizzato "dopo il lavoro" è estremamente importante. 

Prima di tutto, però, una questione molto importante è la preparazione di regole chiare sul lavoro in una determinata piantagione: quali sono i compiti dei dipendenti, cosa devono pagare, quali sono le attrazioni aggiuntive di cui possono usufruire (ad esempio, viaggi di piacere nei giorni liberi).

Gestione della qualità post-raccolta

La conferenza di Bruno G. Defilippi dell'Istituto di Ricerca Agricola (INIA La Platina) in Cile ha evidenziato le possibilità di conservare la frutta dopo la raccolta e di mantenerne la qualità durante il trasporto verso i mercati di destinazione. Si tratta di sfide enormi, soprattutto nel contesto dei trasporti a lunga distanza, che a volte richiedono fino a 30-40 giorni per raggiungere i mercati lontani.

La chiave del successo in questo senso è soprattutto una raccolta adeguata di frutta al giusto stadio di maturazione e non esposta a fattori patogeni. Le tecnologie attualmente disponibili per l'atmosfera modificata o controllata consentono di bloccare le reazioni vitali e quindi di mantenere la qualità della frutta a lungo termine. 

È fondamentale prevenire la perdita di acqua dai frutti nelle prime ore dopo la raccolta e mantenere la giusta di temperatura. Una volta abbassata, la temperatura deve essere mantenuta per tutte le fasi successive della distribuzione dei frutti.

Un punto di incontro efficace

Ancora una volta è emerso che la Conferenza sui mirtilli unisce le persone legate al settore blu. La sala gremita di ascoltatori e lo spazio espositivo in fermento hanno confermato che si è trattato di un'occasione per acquisire conoscenze e ampliare gli orizzonti, ma anche per avere importanti colloqui d'affari. 60 aziende hanno partecipato alla parte espositiva, molte delle quali hanno presentato per la prima volta i loro prodotti e soluzioni per l'industria del mirtillo. 

La prossima edizione della Conferenza internazionale sul mirtillo si terrà nel 2025.


Italian Berry  All rights reserved

Potrebbe interessarti anche