26 ott 2023

Boom dei mirtilli in Sudafrica: qualità, diversità e strategie di mercato globali

328

Negli ultimi anni l'industria sudafricana del mirtillo ha registrato una crescita costante, grazie a diversi fattori che hanno contribuito al suo successo. Mentre il numero di ettari destinati alla produzione di mirtilli è rimasto relativamente stabile, i cambiamenti significativi all'interno del settore, come l'introduzione di nuove varietà e il miglioramento delle metodologie di produzione, hanno portato a un aumento della resa e a una migliore qualità del prodotto.

Dal 2020, la superficie dedicata alla produzione di mirtilli in Sudafrica ha oscillato intorno ai 3.000 ettari. Tuttavia, la produzione è aumentata costantemente, con circa 20.000 tonnellate prodotte nel 2020 e una resa prevista di oltre 30.000 tonnellate nella stagione attuale.

L'industria ha adottato nuove varietà di mirtilli, che hanno portato a una selezione più diversificata e a una migliore qualità del prodotto. Questo cambiamento è in linea con le preferenze dei consumatori a livello globale e ha permesso ai produttori sudafricani di soddisfare le specifiche richieste del mercato.

L'industria sudafricana del mirtillo è relativamente giovane rispetto ad alcune delle sue controparti globali. Ciononostante, ha registrato notevoli progressi nelle metodologie e nelle tecniche di produzione. Negli ultimi cinque anni, i produttori hanno ottimizzato i loro processi, ottenendo mirtilli di qualità superiore.

Questi miglioramenti hanno contribuito alla competitività del settore sul mercato globale e hanno permesso al Sudafrica di posizionarsi come fornitore affidabile di mirtilli di alta qualità. "La curva di apprendimento che continuiamo a percorrere è stata piuttosto ripida. Credo che negli ultimi cinque anni abbiamo migliorato molto le metodologie e le tecniche di produzione e siamo riusciti a produrre frutti di bosco di qualità nettamente superiore", afferma Brent Walsh, CEO di Berries ZA.

Immagine 1: Ettari coltivati in Sudafrica dal 2013 al 2023.

Nel 2022, l'industria sudafricana dei mirtilli ha dovuto affrontare uno sciopero dei lavoratori nei porti, che ha avuto un impatto significativo sulle esportazioni. Lo sciopero di due settimane ha avuto conseguenze di vasta portata, incidendo sulla sostenibilità di diversi operatori del settore. "I problemi di lavoro affrontati l'anno scorso hanno portato a un accordo triennale. Per quest'anno, quindi, non ci aspettiamo problemi di lavoro grazie a quell'accordo. Non che questo sia una garanzia, ma se ci fossero, sarebbero estremamente limitati e certamente non nella misura dell'anno scorso", afferma Brent.

Le condizioni meteorologiche avverse nel Capo Occidentale hanno causato ritardi in questa stagione. Questi ritardi hanno rappresentato una sfida per soddisfare tempestivamente la domanda del mercato. "Credo che la sfida più grande sia stata la tempistica con cui i nostri volumi di picco sono arrivati sul mercato. E questo è stato fuori dal nostro controllo con il tempo leggermente più fresco e umido nelle province meridionali del Sudafrica e nel Capo Occidentale, dove avviene la maggior parte della nostra produzione".

"Abbiamo avuto condizioni invernali piuttosto fresche e umide, che hanno comportato un leggero ritardo di circa tre settimane in media, che in alcune zone può arrivare fino a quattro settimane, per la raccolta e la commercializzazione della nostra produzione di punta", spiega Brent.

Il calo delle esportazioni di mirtilli peruviani, attribuito all'impatto di El Niño, ha creato un'opportunità unica per il Sudafrica. Con una potenziale riduzione del 50% delle esportazioni peruviane, i produttori sudafricani di mirtilli mirano a colmare questa lacuna del mercato. La diminuzione dell'offerta ha portato a un aumento della domanda e, di conseguenza, a prezzi interessanti per i mirtilli sudafricani".

Immagine 2: Export di prodotto fresco dal Sudafrica dal 2013 al 2023.

Con l'entrata in funzione dei volumi di produzione massimi, il Sudafrica cerca di capitalizzare questa opportunità e di consolidare la propria presenza sui mercati europei. "Entro le prossime due settimane dovremmo vedere i nostri volumi di picco entrare in funzione. E speriamo che il vuoto che il Perù ha lasciato sia ancora in gioco e che noi possiamo colmare queste lacune sul mercato", ha detto Brent.

La previsione iniziale di esportazione per la stagione in corso è di 25.000 tonnellate, senza che siano previsti aggiustamenti significativi. I produttori hanno riferito di una qualità eccellente. Anche se sarebbe ideale superare questo volume, rimane un'aspettativa realistica in questa fase, a meno di sfide impreviste.

L'industria sudafricana del mirtillo si è adattata con successo all'evoluzione delle preferenze dei consumatori, sia a livello nazionale che internazionale. Le richieste dei consumatori variano a seconda del mercato, rendendo necessaria una serie di varietà e qualità di mirtilli.

I progressi della genetica hanno permesso ai produttori sudafricani di soddisfare queste aspettative, mentre il miglioramento delle informazioni di mercato e le strategie di esportazione garantiscono che le varietà giuste raggiungano i mercati giusti al momento giusto. "La sfida ora è quella di abbinare il mercato alla varietà corretta in termini di qualità della produzione. Far arrivare il prodotto sul mercato nei tempi previsti, che si tratti di trasporto aereo o marittimo, fa una grande differenza", afferma Brent.

Sebbene il Western Cape rappresenti oltre il 70% della produzione di mirtilli in Sudafrica, la varietà climatica del Paese offre opportunità in diverse regioni. Le aree ad alta quota nel nord, come Limpopo e Mpumalanga, si sono dimostrate adatte alla coltivazione del mirtillo, offrendo alternative e prolungando la stagione di produzione. Questa diversità regionale aumenta la resilienza del settore e la capacità di servire efficacemente i mercati globali.

Il futuro dell'industria sudafricana del mirtillo è promettente; il continuo sostegno all'accesso al mercato e ai programmi di esportazione è fondamentale per una crescita sostenuta. Si prevede che gli ettari di produzione aumenteranno gradualmente, ma l'attenzione rimane concentrata sull'aumento delle rese e sul mantenimento della qualità del prodotto. La competitività del mercato dipende dalla capacità del Sudafrica di fornire mirtilli di qualità costante, di mantenere una reputazione positiva sui mercati globali e di allineare i tempi di esportazione alla domanda del mercato.

Immagine 3: Annate dell'export di prodotto fresco in Sudafrica dal 2018 al 2023.

Berries ZA, un'organizzazione guidata dai produttori, svolge un ruolo fondamentale nel sostenere l'industria sudafricana dei mirtilli. Finanzia e avvia ricerche, collabora con istituzioni accademiche, conduce workshop e simposi e diffonde informazioni preziose ai coltivatori. Facilitando la condivisione delle conoscenze e promuovendo le migliori pratiche, Berries ZA contribuisce alla crescita, alla sostenibilità e alla competitività del settore.

Poiché si prevede che le esportazioni di mirtilli peruviani riprenderanno in futuro, Brent riconosce la necessità di un approccio proattivo. Mantenere un marchio forte per prodotti di qualità, ottimizzare i tempi di esportazione ed espandere la presenza sul mercato saranno strategie chiave per rimanere competitivi quando le esportazioni peruviane riprenderanno.  "Penso che dobbiamo essere realistici nel definire il nostro punto di forza, che deve rimanere la qualità", afferma Brent.

Il Sudafrica sta cercando attivamente di accedere ai mercati di India e Israele. I progressi variano, ma l'impegno in corso con i dipartimenti fitosanitari di entrambi i Paesi mira a finalizzare i protocolli di esportazione. Seguiranno prove e valutazioni, con l'obiettivo di esportare i mirtilli in questi mercati nel prossimo futuro. L'accesso a nuovi mercati è essenziale per la crescita e la diversificazione del settore.

La crescita dell'industria sudafricana dei mirtilli negli ultimi anni riflette la sua resilienza e adattabilità. Grazie ai progressi nella produzione, all'impegno per la qualità e alle strategie di mercato proattive, il Sudafrica ha consolidato la sua posizione di attore significativo nel mercato globale dei mirtilli. Le sfide persistono, ma con il continuo sostegno di organizzazioni come Berries ZA e un approccio strategico alla competitività del mercato, il mirtillo sudafricano sta lasciando il segno sulla scena mondiale.

Fonte: IBO

Immagini: IBO, Blueberries Consulting


Italian Berry - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche