Mirtilli, le classifiche della produzione mondiale che supera 1 milione di tonnellate

A livello globale la stagione mirtilli 2021-2022 è stata segnata da problemi che hanno complicato la solvibilità economica dei piccoli e medi produttori.

L’aumento dell’inflazione ha fatto aumentare i prezzi delle forniture per la coltivazione dei mirtilli, riducendo la redditività. Questo effetto è stato esacerbato dall’inizio del conflitto in Ucraina e dal suo effetto sulla carenza di fertilizzanti azotati, le cui materie prime provengono principalmente da Russia e Bielorussia, paesi economicamente sanzionati per aver iniziato la guerra. 

A ciò si aggiungono i ritardi nelle spedizioni marittime, che hanno comportato la perdita di qualità e valore dei frutti, e per chi poteva permetterselo, l’investimento in tecnologie post-raccolta. 

L’ultima stagione post-pandemica ha accelerato i cambiamenti del settore che hanno interessato la produzione di filiere consolidate mentre altre, come Messico e Marocco, hanno beneficiato dello scenario per i loro vantaggi competitivi.  

Resa per ettaro

I dati riportati dall’ultimo rapporto dell’International Blueberry Organization (IBO), mostrano che le industrie emergenti del settore sono state in grado di distinguersi in questa classifica per la tendenza alla sostituzione varietale.

Il ritardo nelle spedizioni marittime ha accelerato il passaggio a varietà con qualità più apprezzate da rivenditori e consumatori: sapore, croccantezza e pezzatura. Queste aiutano ad aumentare il prezzo del prodotto finale, che insieme all’aumento della resa – e in molti casi a una vita post-raccolta più lunga – riducono o limitano il rischio di mancato guadagno per problemi logistici. 

Resa di mirtilli per paese (chilogrammi per ettaro)

Paese20202021Variazione
annuale
Perù16.37919.20617,26%
Spagna18.69519.0091,68%
Namibia13.60017.39127,88%
Austria16.90017.2732,21%
Turchia8.00015.56094,50%
Ecuador16.00015.000-6,25%
Georgia9.50014.54553,11%
Nuova Zelanda7.15614.462102,10%
Portogallo21.00014.414-31,36%
Marocco13.45813.6951,76%
Tabella sviluppata da ItalianBerry magazine con dati IBO. 

Nella tabella si può vedere come le industrie più recenti, con bassi livelli di produzione, siano nella Top 10 della resa per ettaro. Si tratta di industrie che hanno iniziato di recente la loro attività, che, a differenza di quelle più mature, non hanno costruito la loro strategia di competitività sulla base di finestre di produzione, ma piuttosto sulla qualità dei loro frutti.

Il Perù, il più grande esportatore di mirtilli freschi al mondo, guida anche la classifica delle rese per ettaro passando dal quarto (2020) al primo posto. Il paese è in fase di sostituzione, aumentando la partecipazione della varietà Ventura, arrivata a sostituire i mirtilli Biloxi nelle aziende agricole peruviane. Inoltre, le grandi aziende stanno valutando e sviluppando prove con varietà club.

Degni di nota sono anche la Nuova Zelanda e la Spagna, sede di aziende che sviluppano le varietà di mirtilli più moderne del mondo. 

Produzione di mirtilli freschi 

Per la prima volta nella storia, il mondo produce più di un milione di tonnellate (MT) di mirtilli freschi. 

La Cina supera gli Stati Uniti nella classifica, diventando il secondo produttore mondiale di mirtilli freschi, destinati principalmente al consumo interno.

Va chiarito che mentre i dati per gli Stati Uniti (3°) e il Perù (1°) sono ottenuti da fonti governative e sindacali, l’IBO chiarisce che le fonti di informazione in Cina sono meno specifiche, quindi sia la stima della produzione fresca come la produzione totale di mirtilli potrebbe essere inferiore a quella riportata dal Paese asiatico. 

Produzione di mirtilli freschi per paese (migliaia di tonnellate)

Paese20202021Variazione
annuale
Perú162,75243,40+49,6%
Cina141,85208,20+46,8%
Stati Uniti153,07177,09+15,7%
Cile138,78122,90-11,4%
Messico62,3883,20+33,4%
Spagna59,2967,88+14,5%
Polonia52,1052,50+0,8%
Marocco34,2037,07+8,4%
Canada31,7233,39+5,3%
Sud Africa15,3324,00+56,6%
Tabella sviluppata da Italian Berry con dati IBO.

Il Perù rimane il più grande produttore di mirtilli freschi al mondo, aumentando la sua produzione di quasi il 50% tra il 2020 e il 2021. 

L’unico paese a diminuire la produzione fresca di mirtillo è il Cile, il cui totale è stato ridotto dell’11,4% rispetto al 2020. Questo paese ha un’industria matura, costruita alla fine degli anni ’90 con la strategia di offrire nella corrispondente finestra di produzione tra Da dicembre a marzo. Con l’arrivo di varietà ad alto rendimento, il Cile affronta la sfida di modernizzare la sua offerta varietale.

Inoltre la produzione cilena è stata fortemente colpita da problemi logistici, che hanno minato la buona reputazione della qualità dei suoi frutti, alterata dai lunghi tempi di trasporto verso il suo mercato finale. Oltre a ciò, gran parte delle sue aree produttive ha sofferto di siccità e le temperature imprevedibili dovute ai cambiamenti climatici possono ritardare o anticipare il raccolto, perdendo il vantaggio competitivo della finestra di produzione. 

Al contrario, il Sudafrica si distingue come uno dei settori in cui la sua strategia si basava sulla vendita di qualità con l’obiettivo di produrre durante le 52 settimane dell’anno. Per raggiungere questo obiettivo, molti coltivatori hanno iniziato la loro attività investendo in varietà premium o club ad alto rendimento.

Un riflesso di ciò è la crescita di oltre il 56% della produzione sudafricana, un settore che si posiziona nella Top 10 in tre delle classifiche presentate.

Superfici coltivate ​​a mirtilli

L’andamento delle superfici coltivate unica classifica dove non ci sono stati spostamenti nelle posizioni dei paesi produttori di mirtilli tra il 2020 e il 2021. Le differenze di produzione nel corso del 2021 sono state causate – in almeno un terzo – dal maggiore utilizzo di varietà con rese produttive migliori.

Ettari coltivati a mirtilli per paese

Paese20202021Variazione
annuale
Cina60.14769.036+14,78%
Stati Uniti45.26948.139+6,34%
Cile18.18518.802+3,39%
Perù13.61316.850+23,78%
Canada11.52912.152+5,40%
Polonia9.50011.000+15,79%
Messico7.9009.100+15,19%
Ucraina4.3835.318+21,33%
Spagna4.2104.570+8,55%
Sudafrica3.3223.500+5,36%
Tabella sviluppata da Italian Berry con dati IBO.

Gli altri due terzi sono attribuiti alla crescita delle superfici coltivate. Tutti paesi presenti in classifica hanno incrementato gli ettari piantati tra il 2020 e il 2021, presentando le maggiori variazioni percentuali in Perù, Ucraina, Polonia e Messico.

In totale, ci sono 235.408,5 ettari coltivati ​​a mirtillo nel mondo, di cui solo 185.535,5 ettari sono in produzione.

Produzione totale di mirtilli

Nel periodo 2021-2022 nel mondo sono state prodotte 1.789.590 tonnellate di mirtilli (per consumo fresco e surgelato). 

Produzione totale di mirtilli per paese (migliaia di tonnellate)

Paese20202021Variazione
annuale
Cina295,36477,08+61,52%
Stati Uniti282,68328,21+16,11%
Perù179,58261,45+45,59%
Cile195,76185,3-5,34%
Messico63,0584,7+34,34%
Canada82,4280,42-2,43%
Spagna66,776,36+14,48%
Polonia54,155,5+2,59%
Marocco3639,03+8,42%
Sudafrica15,826+64,56%

Tabella sviluppata da Blueberries Consulting con dati IBO.

Il Perù ha superato per la prima volta il Cile, che è rimasto il terzo Paese con la più alta produzione totale di mirtilli al mondo nel 2021. La produzione di mirtilli in Perù è cresciuta del 45,59% rispetto al 2020. Mentre il Cile ha diminuito la sua produzione del 5,34%, date le maggiori difficoltà con il trasporto marittimo e la scarsa forza lavoro. 

La Cina raggiunge un tasso di crescita elevato (61,52%) rispetto al 2020, rimanendo leader della classifica e aumentando il proprio vantaggio sugli Stati Uniti, regione in cui è iniziata la coltivazione commerciale del mirtillo, frutto autoctono del Nord America.

Sorprende la crescita del Messico, che raggiunge il 34,34%, passando dal settimo al quinto posto, e il posizionamento in classifica di Marocco e Sud Africa, ancora industrie spinte dall’utilizzo di moderne varietà di mirtilli, e nel caso delle prime due, la vicinanza ai suoi principali mercati.

Si prevede che entro il 2025 il settore supererà i 3 milioni di tonnellate di mirtilli prodotti nel mondo.

Tuttavia, è possibile che questa proiezione cambi, data la scarsità di manodopera e risorse, oltre agli effetti del cambiamento climatico, cause che colpiscono principalmente l’America Latina, regione che racchiude due dei maggiori esportatori mondiali dell’industria: Cile e Perù.

Fonte: Blueberries Consulting
Blueberries Consulting è parte del network globale di Italian Berry


Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 3 / 5. Numero voti: 2

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!