Ribes nero - ribes nigrum

L’incredibile storia del ribes nero, il frutto proibito negli Stati Uniti

La coltivazione e l’importazione di ribes nero sono state vietate a New York e in altre parti degli Stati Uniti per più di mezzo secolo perché si pensava che aiutassero a diffondere un fungo che minacciava l’industria del legno. Nel 2003 New York è diventato l’ultimo stato ad abrogare il divieto, e da allora gli agricoltori hanno di nuovo iniziato a saltare sul carro del ribes.

La campagna per abrogare il divieto nello stato è stata guidata dal frutticoltore della Hudson Valley Greg Quinn. Dopo aver letto dell’abrogazione, Curt Rhodes di Penn Yan, N.Y., che nel 2004 era andato in pensione dopo una carriera di 40 anni come coltivatore di ortaggi di quinta generazione, nel 2006 ha richiesto e ricevuto un sussidio di 10.000 dollari dal New York Farm Viability Institute (NYFVI) Small Specialty Crops Production Business-grant per piantare una prova sul campo di un acro di ribes nero.

Dopo tutto, il ribes rosso e nero ha quattro volte più vitamina C delle arance e il doppio degli antiossidanti dei mirtilli.

“Il primo anno mi aspettavo solo 1.000 libbre sull’acro, ma nel secondo anno e nei successivi prevedo di raccogliere da 2.500 a 3.000 libbre per acro (circa 1120 kg per ettaro n.d.t.)“, dice Rhodes. “Questa è stata un’impresa di tale successo che in seguito ho piantato altri 17 acri di ribes nero. Il primo acro sarà raccolto a mano ma per l’anno seguente ho pensato da subito a investire in una mietitrice meccanica”.

Olga Padilla-Zakour, professore associato di trasformazione alimentare e direttore del New York State Food Venture Center alla Cornell, ha lavorato con Rhodes per esplorare nuovi potenziali prodotti per il suo ribes nero.

“Una volta che il ribes sarà in piena produzione, svilupperemo nuove bevande, marmellate e altri prodotti. A quel punto, saremo in grado di documentare i livelli di antiossidanti benefici e di vitamine in ogni prodotto”, dice Padilla-Zakour.

Il primo raccolto di Rhodes è stato venduto alla Montezuma Winery di Seneca Falls, N.Y., per una nuova varietà di vino di frutta (il cassis, il famoso liquore della Borgogna, è fatto con ribes nero). Il proprietario ed enologo Bill Martin dice: “Facciamo 23 vini diversi da miele, frutta e uva. Il ribes nero darà un importante contributo alla nostra linea”.

Il governo federale aveva vietato la coltivazione del ribes nero e rosso nel 1911 quando la fiorente industria del legname fece pressione sui legislatori per eliminare il ribes perché si pensava fosse un ospite intermedio della ruggine bianca del pino. In seguito furono sviluppate nuove varietà di ribes resistenti alla malattia e nel 1966 il governo lasciò agli stati la possibilità di togliere il divieto. Quinn ha convinto lo stato di New York a togliere il divieto nel 2003.

“Lo stato di New York era il principale produttore commerciale di ribes rosso negli Stati Uniti prima del divieto”, dice Quinn, che sta insegnando a proprietari terrieri e agricoltori come coltivare il ribes. Vuole vedere New York tornare ad essere il primo produttore di ribes e stabilire lo standard di qualità”. Quinn ha sviluppato 65 nuovi prodotti di ribes.

Il produttore statunitense Greg Quinn ha lottato per fare tornare legale la produzione di ribes negli Stati Uniti

Greg Quinn è stato determinante nel ribaltare il divieto originale degli Stati Uniti sulla coltivazione commerciale del ribes a New York. Ora coltiva questa bacca unica in una delle prime fattorie di ribes negli Stati Uniti e ha l’unico vivaio di ribes dedicato nel paese. La sua passione per la natura, il giardinaggio e la cucina gli è servita molto durante l’insegnamento al New York Botanical Garden e in numerose altre sedi di insegnamento per oltre 25 anni e nelle sue trasmissioni come “The Garden and Nature Guy” su diverse stazioni radio, WNYW TV di New York City, il programma TV nazionale B. Smith with Style e altro ancora.

La sua azienda produce e vende i primi prodotti a base di ribes, prodotti a livello nazionale negli Stati Uniti con il marchio CurrantC™ All Natural. Quinn ha scritto 8 libri per bambini, un libro di meditazione per insegnanti e numerosi articoli su riviste nazionali. Ha anche gestito e cucinato per un ristorante in Baviera, Germania. In questi giorni si gode il suo stile di vita agricolo nella fattoria nella bellissima Hudson Valley di New York.

Greg Quinn ha raccontato la storia del frutto proibito in un Ted Talk del 2014.

Fonti: Cornell ChronicleCurrantC


Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 3.5 / 5. Numero voti: 4

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!