Gelate sui mirtilli

Gelate: 21 consigli pratici per ridurre il rischio

Nell’Unione europea il settore ortofrutticolo è particolarmente colpito dalle gelate e, nonostante il riscaldamento globale, gli impatti sulle colture nel periodo vegetativo potrebbero aumentare. Pur essendo disponibili un’ampia gamma di metodi di protezione, gli agricoltori europei continuano a dover fronteggiare sfide importanti nella lotta contro il gelo.

Nuovi metodi per combattere le gelate

I metodi classici presentano limitazioni, in particolare per quanto riguarda la loro efficacia, il funzionamento dei sistemi attivi e/o l’accessibilità economica. I nuovi metodi e strumenti che stanno facendo la loro comparsa, in particolare modelli predittivi e software specifici a sostegno delle decisioni, ancora non forniscono soluzioni sufficientemente efficaci da poter essere adottate su ampia scala.

In particolare anche i campi di mirtilli sono soggetti a gelate notturne di fine inverno o inizio primavera che possono causare gravi riduzioni della resa anche in presenza dei necessari impianti antigelo.

Di seguito è riportato un elenco di attività per la preparazione al gelo e per una corretta gestione degli impianti antigelo.

Lista di controllo in caso di gelo invernale

  1. Sciacquare tutti gli irrigatori aerei per eliminare i detriti – rimuovere le testine e sciacquare.
  2. Testare e revisionare le unità di pompaggio, sostituire i filtri e avere a disposizione filtri di ricambio.
  3. Trattare i serbatoi di gasolio per l’acqua e le alghe.
  4. Controllare le linee e gli irrigatori sul campo per individuare perdite e ugelli intasati.
  5. Controllare la pressione dell’acqua alle estremità delle linee lontane.
  6. Assicurarsi che il drenaggio nei campi e intorno ad essi sia adeguato. Assicurarsi che le strade intorno e attraverso i campi possano sopportare il traffico notturno durante l’irrigazione.
  7. Rimuovere o riposizionare qualsiasi attrezzatura che possa ostacolare o costituire un pericolo per il traffico veicolare.
  8. Avere un faretto ad alta intensità (telecomandato, magnetico sul tetto) pronto da collegare al camion per controllare gli irrigatori.
  9. Mettere termometri schermati a minima in zone fredde, medie e calde dei campi – all’altezza media del centro dei cespugli,
  10. Considerare l’acquisto di stazioni meteorologiche che comunicano le condizioni meteo in tempo reale a computer e smartphone.
  11. Appendere alcuni nastri sugli alberi o sui pali intorno ai campi per rilevare leggere brezze.
  12. Identificare una buona fonte di informazioni meteo agricole e guardarla da vicino. Considera di abbonarti a un servizio meteorologico che emette avvisi di congelamento.
  13. Considera l’acquisto di un sistema di controllo che ti chiami quando la temperatura diventa bassa.
  14. Considerare l’acquisto di un anemometro o di un misuratore di vento portatile per misurare la velocità del vento.
  15. Considera l’acquisto di uno psicrometro a fionda per misurare le temperature a bulbo umido e a bulbo secco, l’umidità relativa e il punto di rugiada.
  16. Avere a disposizione tute e stivali da pioggia per tutti i responsabili del controllo del sistema di irrigazione.
  17. Avere a disposizione cavi per sturare gli ugelli.
  18. Avere strumenti e pezzi di ricambio necessari per sostituire gli ugelli e/o gli irrigatori.
  19. Assicurarsi di conoscere la “temperatura di sicurezza” prima di spegnere l’irrigazione antigelo. Questa temperatura può raggiungere i +4° C se il punto di rugiada è basso e il vento è forte.
  20. Riempire tutti i veicoli di carburante prima dell’evento di congelamento.
  21. Avere aiuto disponibile o su chiamata se necessario per le emergenze.

L’elenco è stato originariamente pubblicato da Mike Mainland nel North Carolina Blueberry News, Vol. 7, No. 1 ed è stato modificato e aggiornato nel corso degli anni.

Il parere degli esperti europei del PEI-AGRI

Gli esperti del gruppo di discussione PEI-AGRI sulla protezione della produzione di frutta dai danni provocati dal gelo (composto da 20 esperti provenienti da diversi paesi, tra cui agricoltori, ricercatori e consulenti) ha individuato alcuni aspetti chiave generali che potrebbero aiutare i frutticoltori a superare le sfide connesse ai danni provocati dal gelo, ad esempio:

  • l’irrorazione a pioggia che è attualmente il metodo di protezione più accessibile e versatile per molte colture, può essere migliorato, agendo, in particolare, sulla riduzione del consumo di acqua;
  • il miglioramento della conoscenza del microclima locale (flussi di aria fredda) e della topografia a livello di appezzamento, che risulta fondamentale per un uso efficace di qualsiasi metodo di protezione;
  • gli effetti della temperatura critica alla quale il gelo nuoce alle coltivazioni dipende non solo dalle condizioni ambientali, ma anche dalla fase di sviluppo della pianta. Pertanto le conoscenze sulla fenologia potrebbero contribuire a migliorare notevolmente la precisione di molti modelli predittivi;
  • il monitoraggio delle variabili ambientali nelle varie stagioni sono essenziali nella protezione attiva (ad esempio, per decidere quando avviare e arrestare il funzionamento del sistema di irrorazione), ma ciò è possibile solo se la temperatura, l’umidità e, in alcuni casi, la velocità e la direzione del vento sono misurate in tempo reale nel frutteto, in diversi punti;
  • una buona scelta di specie, cultivar e/o portainnesti più resistenti al gelo può contribuire a far risparmiare energia, lavoro e denaro a medio e lungo termine;
  • l’applicazione di prodotti chimici può proteggere le piante dal gelo o innescare meccanismi di resistenza allo stesso, ad esempio ritardando la rottura delle gemme.

Fonte : Florida Blueberry GrowersEip-Agri


Advertisements

Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 1 / 5. Numero voti: 1

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!