I primi 100 anni dei lamponi Driscoll’s

Tratto da: Driscoll’s Raspberry Program: A Story of Hidden Flavor Potential

Quando pensate ai lamponi freschi, qual è la prima cosa che vi viene in mente? Un colore rosa brillante? Una consistenza morbida e delicata? Un sapore dolce e fruttato? Ci siamo seduti con Fred Cook, direttore R&D di Driscoll’s, per parlare della storia e del futuro del Raspberry Breeding Program, e di tutte le sorprese che ci sono in mezzo.

TORNIAMO INDIETRO NEL TEMPO. CHE TIPO DI PIANTA ERANO I LAMPONI CENTO ANNI FA E COME SONO CAMBIATI I LAMPONI NEGLI ULTIMI CENTO ANNI?

“Se si torna indietro nel tempo, all’inizio del XX secolo, i lamponi erano raccolti e mangiati freschi dalla pianta. Non avreste trovato i lamponi in un negozio di alimentari negli anni ’20 perché le spedizioni, la refrigerazione e tutte le cose di cui avete bisogno non c’erano davvero. Se qualcuno coltivava e vendeva lamponi a livello locale, i lamponi venivano venduti per strada nel negozio locale per un mese o due all’anno. In estate ne producevano alcune bacche ed era tutto quello che si otteneva”, dice Fred.

A partire dagli anni ’30, un piccolo gruppo di coltivatori di piante volle cambiare questa situazione.
“Ci sono stati alcuni incroci fatti negli anni ’30, ma non ha funzionato niente e non sono riusciti a farlo”, ci dice Fred. “Qualcuno è stato abbastanza intelligente da tenere queste piante – c’era una casa che ha avuto questi lamponi nel cortile per molti anni. Poi, negli anni Settanta, una di queste varietà è stata fatta risorgere dal cortile, è stata moltiplicata, dando vita a un’intero settore”, racconta Fred.

“Negli anni Settanta, Driscoll’s ha iniziato un’attività di selezione varietale, ed è stato molto difficile, un fallimento dopo l’altro. Le piante di lampone erano una coltura così difficile da commercializzare e le varietà più vecchie erano così delicate. Ma Miles Reiter ha avuto una visione e ha continuato a farlo, e finalmente negli anni ’90 abbiamo avuto qualche passo avanti. Una volta ho sentito Miles dire che l’obiettivo era quello di rendere questi lamponi così buoni che non si può fare a meno di mangiarli prima di metterli in frigorifero”.

RACCONTACI DI PIÙ SULL’INNOVATIVA VARIETÀ DI LAMPONE DI DRISCOLL’s, LA MARAVILLA, E SU CIÒ CHE RENDE I LAMPONI MARAVILLA DI DRISCOLL’s COSÌ SPECIALI.

Maravilla era un’eccezione, un ago nel pagliaio. È una bacca bella e lucida. Non si ammuffisce, non si scurisce. Ha un frutto di dimensioni piuttosto buone, e le rese sono piuttosto buone sulla pianta – è una pianta molto sana. I lamponi Maravilla non sono troppo dolci, non sono troppo acidi e hanno un sapore consistente”, dice Fred con un sorriso. Tutti questi grandi tratti del famoso lampone ci portano alla prossima domanda.

raspberry on a  plant

I LAMPONI DI DRISCOLL’s SONO GENETICAMENTE MODIFICATI?

“No, non facciamo affatto OGM“, dice semplicemente Fred. E’ tutto molto naturale, quello che facciamo”. E’ tutto all’antica. È la coltivazione delle piante, come si faceva con il grano duemila anni fa. E’ la stessa cosa”.

I LAMPONI SONO NOTI PER ESSERE UNA PIANTA difficile CON FRUTTI MOLTO DELICATI. QUALI LEZIONI DI VITA HA IMPARATO DAI LAMPONI?

“La persistenza – e bisogna solo essere determinati. Le vittorie saranno lente e richiedono tempo. Credo che questo sia vero per tutto quello che facciamo, davvero. Devi lavorare con costanza su ciò che vuoi migliorare e non aspettarti niente in un mese. Datevi degli anni, forse, o dei decenni“.

COSA C’È DOPO PER IL PROGRAMMA DI DRISCOLL’s SUL LAMPONE?

Innanzitutto, Fred condivide l’entusiasmo per quello che c’è all’orizzonte del lampone.

Advertisements

Il potenziale nascosto dei lamponi di Driscoll’s è enorme, e questo fa parte di ciò che rende tutto questo divertente, è che non si sa cosa c’è dietro l’angolo”, dice. “Quello che vedo è un grande salto di gusto con Maravilla, mantenendo tutte le altre caratteristiche: le dimensioni, la robustezza, la resa, il tempismo. Ho visto decine di migliaia di bacche diverse, quindi le apprezzo tutte e ne vedo il potenziale in tutte. È divertente”.

Fred conclude la nostra intervista condividendo la sua emozione per il futuro del programma del lampone: “Niente è fermo nel mondo dell’agricoltura, e nel mondo dei frutti di bosco le cose sono molto in movimento“.

Sei interessato ai lamponi?

Approfondisci il tema e continua la lettura su Italian Berry!

Lamponi
Photo by Pixabay on Pexels.com

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!