I primi 100 anni dei lamponi Driscoll’s

Tratto da: Driscoll’s Raspberry Program: A Story of Hidden Flavor Potential

Quando pensate ai lamponi freschi, qual è la prima cosa che vi viene in mente? Un colore rosa brillante? Una consistenza morbida e delicata? Un sapore dolce e fruttato? Ci siamo seduti con Fred Cook, direttore R&D di Driscoll’s, per parlare della storia e del futuro del Raspberry Breeding Program, e di tutte le sorprese che ci sono in mezzo.

TORNIAMO INDIETRO NEL TEMPO. CHE TIPO DI PIANTA ERANO I LAMPONI CENTO ANNI FA E COME SONO CAMBIATI I LAMPONI NEGLI ULTIMI CENTO ANNI?

“Se si torna indietro nel tempo, all’inizio del XX secolo, i lamponi erano raccolti e mangiati freschi dalla pianta. Non avreste trovato i lamponi in un negozio di alimentari negli anni ’20 perché le spedizioni, la refrigerazione e tutte le cose di cui avete bisogno non c’erano davvero. Se qualcuno coltivava e vendeva lamponi a livello locale, i lamponi venivano venduti per strada nel negozio locale per un mese o due all’anno. In estate ne producevano alcune bacche ed era tutto quello che si otteneva”, dice Fred.

A partire dagli anni ’30, un piccolo gruppo di coltivatori di piante volle cambiare questa situazione.
“Ci sono stati alcuni incroci fatti negli anni ’30, ma non ha funzionato niente e non sono riusciti a farlo”, ci dice Fred. “Qualcuno è stato abbastanza intelligente da tenere queste piante – c’era una casa che ha avuto questi lamponi nel cortile per molti anni. Poi, negli anni Settanta, una di queste varietà è stata fatta risorgere dal cortile, è stata moltiplicata, dando vita a un’intero settore”, racconta Fred.

“Negli anni Settanta, Driscoll’s ha iniziato un’attività di selezione varietale, ed è stato molto difficile, un fallimento dopo l’altro. Le piante di lampone erano una coltura così difficile da commercializzare e le varietà più vecchie erano così delicate. Ma Miles Reiter ha avuto una visione e ha continuato a farlo, e finalmente negli anni ’90 abbiamo avuto qualche passo avanti. Una volta ho sentito Miles dire che l’obiettivo era quello di rendere questi lamponi così buoni che non si può fare a meno di mangiarli prima di metterli in frigorifero”.

RACCONTACI DI PIÙ SULL’INNOVATIVA VARIETÀ DI LAMPONE DI DRISCOLL’s, LA MARAVILLA, E SU CIÒ CHE RENDE I LAMPONI MARAVILLA DI DRISCOLL’s COSÌ SPECIALI.

Maravilla era un’eccezione, un ago nel pagliaio. È una bacca bella e lucida. Non si ammuffisce, non si scurisce. Ha un frutto di dimensioni piuttosto buone, e le rese sono piuttosto buone sulla pianta – è una pianta molto sana. I lamponi Maravilla non sono troppo dolci, non sono troppo acidi e hanno un sapore consistente”, dice Fred con un sorriso. Tutti questi grandi tratti del famoso lampone ci portano alla prossima domanda.

raspberry on a  plant

I LAMPONI DI DRISCOLL’s SONO GENETICAMENTE MODIFICATI?

“No, non facciamo affatto OGM“, dice semplicemente Fred. E’ tutto molto naturale, quello che facciamo”. E’ tutto all’antica. È la coltivazione delle piante, come si faceva con il grano duemila anni fa. E’ la stessa cosa”.

I LAMPONI SONO NOTI PER ESSERE UNA PIANTA difficile CON FRUTTI MOLTO DELICATI. QUALI LEZIONI DI VITA HA IMPARATO DAI LAMPONI?

“La persistenza – e bisogna solo essere determinati. Le vittorie saranno lente e richiedono tempo. Credo che questo sia vero per tutto quello che facciamo, davvero. Devi lavorare con costanza su ciò che vuoi migliorare e non aspettarti niente in un mese. Datevi degli anni, forse, o dei decenni“.

COSA C’È DOPO PER IL PROGRAMMA DI DRISCOLL’s SUL LAMPONE?

Innanzitutto, Fred condivide l’entusiasmo per quello che c’è all’orizzonte del lampone.

Il potenziale nascosto dei lamponi di Driscoll’s è enorme, e questo fa parte di ciò che rende tutto questo divertente, è che non si sa cosa c’è dietro l’angolo”, dice. “Quello che vedo è un grande salto di gusto con Maravilla, mantenendo tutte le altre caratteristiche: le dimensioni, la robustezza, la resa, il tempismo. Ho visto decine di migliaia di bacche diverse, quindi le apprezzo tutte e ne vedo il potenziale in tutte. È divertente”.

Fred conclude la nostra intervista condividendo la sua emozione per il futuro del programma del lampone: “Niente è fermo nel mondo dell’agricoltura, e nel mondo dei frutti di bosco le cose sono molto in movimento“.

Sei interessato ai lamponi?

Approfondisci il tema e continua la lettura su Italian Berry!

Lamponi
Photo by Pixabay on Pexels.com

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!