USA: 100% imballaggi riciclabili per i berries entro il 2025

In un altro passo per ridurre ulteriormente l’impatto ambientale del settore produttivo, i principali produttori nordamericani di piccoli frutti hanno annunciato il loro impegno a utilizzare imballaggi pronti per il riciclaggio al 100% entro il 2025.

La California Strawberry Commission, il North American Blueberry Council, l’Asociacion national de Exportadores de Berries (Aneberries, Messico), i membri della National Berry Crops Initiative e gli esportatori sudamericani si uniscono per mantenere la leadership nel settore degli imballaggi sostenibili.

La pietra angolare di questa collaborazione è l’impegno verso nuovi standard di etichettatura, che ottimizzeranno la disponibilità al riciclaggio di tutte le confezioni di piccoli frutti in tutto il Nord America. I gruppi sono ulteriormente unificati nei loro impegni per incoraggiare il riciclaggio delle confezioni da parte dei consumatori e stabilire nuove specifiche di acquisto per i produttori di imballaggi. Queste azioni creeranno economie di scala per ridurre i costi e stimoleranno un’economia circolare a ciclo chiuso che ricicla le confezioni dei piccoli frutti.

Questo impegno a riciclare al 100% le confezioni riciclabili completa le azioni esistenti che utilizzano materia prima riciclata per produrre le confezioni dei piccoli frutti. Per oltre un decennio, i clamshell dei piccoli frutti sono state tra le confezioni alimentari che utilizzano la maggior parte del contenuto riciclato post-consumo della California negli Stati Uniti.

“Il settore dei piccoli frutti ha una lunga storia di innovazione e di leadership che ancora una volta si è riunita per sottoscrivere questo ambizioso impegno”, ha detto Rick Tomlinson, presidente della California Strawberry Commission. “Raggiungere il 100 per cento di imballaggi pronti per il riciclaggio rappresenta il tipo di miglioramento continuo che è comune tra gli agricoltori che si sforzano di migliorare sempre più l’efficienza”.

“Il North American Blueberry Council è lieto di unirsi a questa coalizione di leader del settore delle bacche per contribuire a realizzare questa importante e ambiziosa iniziativa”, ha dichiarato Kasey Cronquist, presidente della NABC. “Questo impegno a favore di un imballaggio riciclabile al 100% riflette un lavoro di squadra e la nostra continua attenzione nell’aiutare i nostri coltivatori, trasportatori e partner industriali a raggiungere un obiettivo che nessuna organizzazione potrebbe raggiungere da sola”.

“Il Messico svolge un ruolo importante nella creazione di valore nell’offerta mondiale di bacche fresche, compreso il mercato statunitense. I nostri membri sono impegnati in pratiche sostenibili lungimiranti e siamo allineati negli sforzi di collaborazione per fare collettivamente la differenza con un packaging più sostenibile”, ha detto Aldo Mares Benavides, presidente di Aneberries. “Questo riflette la nostra missione come organizzazione in cui la redditività non può essere separata dalla responsabilità della sostenibilità”.

“L’imballaggio clamshell ha rivoluzionato la capacità dei coltivatori di bacche di trasportare i loro frutti ai consumatori in tutto il paese”, ha detto Henry Bierlink, presidente della National Berry Crops Initiative. “Ora l’industria sta lavorando insieme alla prossima fase di questa rivoluzione, che preserva la capacità di trasportare in sicurezza le bacche fresche sul mercato, riducendo al minimo i danni ai prodotti, riducendo gli sprechi alimentari e dimostrando una costante attenzione all’ambiente. NBCI è un partner impegnato in questa iniziativa per la sostenibilità delle bacche”.

A partire dagli anni ’90, molti coltivatori di bacche si sono orientati verso l’uso di imballaggi in plastica trasparente a forma di scatola ventilata con coperchio a cerniera, nota anche come clamshell. Questo tipo di imballaggio ha creato un mercato per convertire le bottiglie d’acqua di plastica riciclata in contenitori trasparenti e leggeri che proteggono la frutta da danni e contaminazioni, riducendo così gli sprechi alimentari. Inoltre, questo tipo di imballaggio riduce le emissioni di gas serra, riducendo la quantità di risorse grezze necessarie per realizzare l’imballaggio, e riducendo l’uso di carburante, in quanto un imballaggio più leggero rende le spedizioni più leggere.

Oltre alla riduzione dell’uso delle risorse e dei gas serra nel rispetto del clima, il miglioramento del riciclaggio della plastica genera posti di lavoro e benefici economici per le comunità locali, creando un’economia circolare per produrre, raccogliere, riciclare e rielaborare le confezioni di piccoli frutti.

Le singole aziende produttrici si stanno impegnando a esplorare soluzioni più sostenibili e scalabili che includono:

  • Incoraggiare gli addetti al riciclaggio dei materiali e i consumatori a riciclare più confezioni,
  • includere informazioni sul riciclo post-consumo negli imballaggi clamshell,
  • sostenere l’innovazione di nuovi materiali facilmente riciclabili e/o compostabili.

È stato lanciato un sito web di risorse per fornire maggiori informazioni sull’imballaggio sostenibile delle bacche.

Per ulteriori informazioni, visitare BerrySustainable.com.

Altri partner sudamericani si sono inoltre impegnati a riciclare al 100% gli imballaggi pronti per il 2025, tra cui l’Argentinean Blueberry Committee, il Chilean Blueberry Committee e ProArandanos (Perù).

Fonte: Berry Sustainable

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!