Widmann: imballaggi sostenibili per i piccoli frutti

Meno plastica – L’imballaggio sostenibile per i piccoli frutti convince anche nel test di shelf life

Dopo il successo del lancio del nuovo cestino sostenibile per i piccoli frutti, Früchte Widmann, specialista delle bacche con sede a Monaco di Baviera, introdurrà presto ulteriori varianti di cestini per altri prodotti a base di bacche. Inoltre, la chiusura Topseal è stata testata con successo e può essere lanciata gradualmente a partire da marzo 2020.

I primi frutti in un nuovo look sostenibile erano bacche miste e physalis sbucciate. A partire da aprile 2020, anche i mirtilli, i lamponi, le more e le fragole passeranno gradualmente alla nuova confezione sostenibile.

A tal fine, Früchte Widmann sta lavorando a stretto contatto con i produttori di bacche dell’Europa meridionale e della Germania per garantire che i frutti sensibili vengano inseriti direttamente nelle nuove confezioni alla fonte. L’obiettivo è quello di conquistare altri produttori per i cestini sostenibili al fine di ridurre significativamente la quantità di plastica utilizzata.

Per poter utilizzare diverse grammature per i frutti di bosco, l’azienda dice che presto saranno disponibili confezioni di altri formati.

“Per una flessibilità ancora maggiore nella catena di fornitura, stiamo ampliando la nostra stazione di confezionamento a Monaco di Baviera con una nuova macchina Topseal”, annuncia il Dr. Hans Widmann, managing partner di Früchte Widmann. “Con questa macchina, ora possiamo offrire non solo il flowpack standard, ma anche la nuova confezione sostenibile con coperchio termosaldato. Ciò garantisce un’ulteriore riduzione dei rifiuti di plastica”. Già nel gennaio 2020 Früchte Widmann è stato in grado di evitare circa tre tonnellate di rifiuti di plastica grazie alla nuova buccia.

Con i nuovi formati dei vassoi, gli articoli supplementari e i produttori supplementari, l’eliminazione dei rifiuti in plastica sarà ulteriormente ridotta in modo significativo nei prossimi mesi.

Principali caratteristiche

  • alternativa sostenibile agli imballaggi plastici per piccoli frutti
  • protezione ottimale del prodotto
  • miglioramento nello shelf del prodotto
  • riduzione della plastica tra il 75% e l’86% rispetto agli attuali imballaggi
  • tutte le componenti dell’imballaggio sono riciclabili
  • riduzione annua di 35.000 kg di plastica corrispondenti a 1,75 milioni di confezioni
  • il cartone proviene da fonti certificate FSC, cioè proviene da una foresta e da una filiera di approvvigionamento gestita in modo responsabile.

Numerosi test di shelf-life

Con l’introduzione della confezione sostenibile per i piccoli frutti sono stati effettuati numerosi test di durata. Andreas Kreuzmair, responsabile della qualità presso Früchte Widmann, spiega che il nuovo cestino per i piccoli frutti ha un effetto molto positivo sulla durata di conservazione: “Nei nostri test di conservazione con bacche miste, siamo stati in grado di determinare che la durata di conservazione è di circa il 25% più lunga rispetto alla confezione di plastica utilizzata in precedenza. Oltre all’enorme riduzione di oltre il 75% di plastica negli imballaggi, ciò riduce notevolmente anche le perdite nella catena di fornitura”.

Oltre agli studi dell’azienda, l’Università di Scienze Applicate di Weihenstephan sta attualmente effettuando una valutazione indipendente e scientifica della sostenibilità del cestino per i piccoli frutti di Widmann. I primi risultati saranno disponibili a maggio 2020.

Fonte: Weniger Plastik – Nachhaltige Beerenschale überzeugt im Shelf-Life-Test (FH 06/2020)

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 1 / 5. Numero voti: 1

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!