23 gen 2024

Resilienza, calibro e consistenza sono le chiavi per le varietà di mirtillo del futuro secondo Sebastián Ochoa

278

Varietà che si adattino ai cambiamenti climatici, calibri più grandi e frutta più soda. Questi sono alcuni dei fattori che definiranno una stagione di mirtilli contrassegnata dalla diminuzione della produzione dei principali esportatori del mondo, ovvero Cile e Perù.

In un'intervista con Mundoagro, l'esperto internazionale specializzato in mirtilli, Sebastián Ochoa, ha spiegato che le attuali stagioni in Perù e Cile sono molto diverse da quelle degli anni precedenti. Infatti, è la stagione più atipica che si sia verificata in Perù dagli anni 2000, quando è iniziata la coltivazione dei mirtilli. Ci sono stati eventi El Niño nel 2017, ma l'evento di questa stagione è stato molto intenso, causando una riduzione della produzione. 

La domanda globale è stata stimolata dalla forte crescita della produzione peruviana, il che ha portato a un aumento dei prezzi non visto da 10 anni. Attualmente, i prezzi sono molto alti, favorendo la stagione cilena con ritorni più che soddisfacenti per gli agricoltori.

Per quanto riguarda la stagione cilena dal punto di vista climatico, si verificano eventi El Niño e c'è più pioggia. Le temperature sono più basse in primavera, e c'è una maggiore pressione da parte della botrite. Quando le stagioni sono più fredde, la frutta si sviluppa con meno materia secca, quindi con meno peso. C'è stata una diminuzione della produzione, seppur non così significativa come in Perù, ma è stata compensata dagli aumenti dei prezzi dovuti alla diminuzione della produzione peruviana.

Le varietà più redditizie

Ci sono molte varietà di mirtilli, ma quali sono le più redditizie per i produttori cileni e peruviani? Secondo l'esperto consulente di aziende produttrici ed esportatrici di mirtilli in Cile, Perù, Colombia, Messico, tra gli altri, le varietà più redditizie sono quelle del gruppo con bassa o nessuna necessità di freddo. Ad esempio, Ozblu ha un programma genetico australiano che include la varietà Mágica, che, secondo Ochoa, è più redditizia per la quantità di frutta che riesce a produrre. In Perù si arriva a 7, 10 chili per pianta, con 5.800 piante per ettaro, che corrispondono a quasi 60 tonnellate per ettaro, con una quota di esportazione superiore al 95%, il che è molto redditizio.

C'è anche il nuovo gruppo con la varietà Sekoya, dove Pop si sta comportando molto bene e si registrano produzioni elevate rispetto alle varietà più antiche. Anche se è ancora una varietà nuova, Ochoa ritiene che si possa ottenere qualcosa di simile a quanto si fa con OZblu. "Sono consulente globale di OZblu, quindi conosco bene queste varietà e vedo anche molti frutteti piantati con Sekoya, credo che possiamo ottenere qualcosa di simile."

Ochoa spiega che il primo passo nella selezione avanzata è testarle in diverse zone e scartarle in base al loro comportamento. Poiché sono varietà nuove, vengono testate in un periodo in cui il cambiamento climatico è già una realtà e, quindi, funzionano con le condizioni in cui si svilupperanno.

Cosa fare delle vecchie varietà?

Per quanto riguarda le varietà meno redditizie, l'esperto afferma che i produttori hanno tre opzioni: "Se ho un frutteto con una varietà vecchia, posso fare l'innesto con una varietà nuova e ottenere un prodotto di qualità in un periodo molto breve con un investimento basso rispetto a piantare un nuovo frutteto. Un'altra opzione è non farlo e destinare la produzione al surgelato, se il frutteto produce oltre 10, 12 tonnellate per ettaro. Può essere gestito a basso costo con raccolta meccanizzata o manuale se la produzione è elevata. 

Se riesco a raccogliere 12.000, 15.000 chili, è un affare che mi lascia 7.000 dollari per ettaro, senza un capitale di lavoro elevato. Se il mio frutteto ha 20 o 25 tonnellate per ettaro, fantastico, posso generare 10.000, 15.000 dollari per ettaro e quando ci saranno aumenti nei prodotti surgelati quest'anno, potrò guadagnare anche un dollaro per chilo."

Ma nel caso in cui non si abbiano queste condizioni, il piano è estirpare i frutteti e cambiarli, ma non insistere con frutteti poco popolati e a bassa produzione. "Se ho un frutteto con 7 o 8 tonnellate per ettaro, ci sono produttori che insistono ogni anno nell'esportare ciò. Questo non ha soluzione, sono frutteti che devono essere estirpati.

Mercati: calibri più grandi, più sodi e dal miglior sapore

Le richieste dei mercati sono cambiate. Se prima accettavano frutta piccola, oggi è necessario che sia più grande, perfetta. "I mercati si sono differenziati, si è iniziato ad aprire Europa, l'Inghilterra, l'Asia, con esigenze di calibro più grande, maggiore consistenza, miglior sapore. Ad esempio, al mercato asiatico piacciono le varietà dolci, ed è lì che alcune varietà vengono escluse. I mercati richiedono frutta perfetta, poiché con un'offerta maggiore diventano più esigenti, ed è quindi importante la tecnologia e la genetica", commenta Ochoa.

Quanto alla frutta cilena e peruviana che arriva nei mercati attuali, Ochoa afferma che "la stagione precedente è stata una stagione di alta produzione in Perù, senza problemi climatici, il che ha reso la frutta perfetta. Poiché il Cile ha più incidenti climatici, è più difficile per loro ottenere quel prodotto, poiché abbiamo sempre problemi di botrite e ammorbidimento."

Secondo l'esperto, in passato il mercato permetteva che la frutta con qualche problema venisse spostata, ma la stagione scorsa questo è cambiato ed è stato molto difficile, poiché quando arrivava un lotto o un container con un certo grado di problema, il mercato non lo accettava e i prezzi scendevano. Con la diminuzione della produzione peruviana in questa stagione, ciò è cambiato. La frutta che presenta qualche problema può essere spostata e continua a mantenere prezzi elevati.

"Il Perù sta inviando frutta più morbida, è arrivata persino frutta con botrite causata dalle piogge dello scorso estate, quindi c'è frutta in condizioni inferiori, il che ha aiutato a far accettare la frutta cilena che ha problemi. Questa stagione sarà piuttosto buona per i produttori di mirtilli cileni", conclude Ochoa.

Fonte: Mundoagro

Image by artbutenkov on Freepik


Italian Berry - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche