19 mar 2023

Perù: stop aumento superfici, via al ricambio varietale

135

Federico Beltrán, direttore generale di Terra Business, spiega perché questo è un momento cruciale per l'evoluzione della filiera del mirtillo in Perù.

Secondo Federico Beltrán della società di consulenza Terra Business, quest'anno il Perù raggiungerà il suo picco in termini di superficie coltivata a mirtilli, prima di entrare in una fase di sostituzione varietale che vedrà rallentare la crescita delle superfici piantate.

In un'intervista a Red Agrícola, ha dichiarato che mentre la domanda globale di mirtilli continua a crescere, la sfida del Perù è quella di adattare la propria genetica in modo da poter soddisfare le richieste di qualità del mercato internazionale.

“Non assisteremo più a una crescita annuale di circa 2.000 ettari di nuove superfici coltivate a mirtilli, come è avvenuto finora, ma piuttosto a un programma aggressivo di sostituzione varietale al ritmo di 500-1.000 ettari all'anno”, ha affermato Beltrán.

“Prevedo che le aziende continueranno a concentrarsi sul miglioramento della qualità della loro offerta e sull'ottimizzazione dei costi unitari, passando a sistemi di produzione più intensivi ed efficienti con risorse limitate come l'acqua”.

Biloxi e Ventura rappresentano insieme circa il 60% dell'offerta varietale del Perù. Tuttavia, sono 50 le varietà piantate nel Paese, provenienti da 12 programmi genetici e otto club attivi.

“L'accesso alla genetica moderna e alle nuove tecnologie di produzione sono stati gli strumenti principali attraverso i quali il Perù è riuscito a ribaltare la sua immagine di produttore di mirtilli con un alto livello di acidità e di basso calibro”, ha detto Beltrán, aggiungendo che “attualmente la qualità dell'offerta di mirtillo peruviano è posizionata come una delle migliori al mondo”.

Federico Beltràn, direttore generale di Terra Business

Beltrán ha sottolineato che il settore ha compiuto progressi significativi nell'estendere la finestra di raccolta e nell'aumentare l'offerta di mirtilli biologici, che ora rappresentano quasi il 15% del volume di produzione del Perù.

Beltrán ha stimato che entro la fine del primo trimestre il Perù avrà esportato 285.000 tonnellate di mirtilli, coltivati su circa 20.000ha distribuiti in 10 regioni. La maggior parte della produzione (70%) si trova a La Libertad e Lambayeque.

“Il vantaggio comparativo della stagionalità del raccolto che coincide con le finestre di opportunità non è più sufficiente di fronte a una maggiore offerta globale di qualità, durante tutto l'anno”, continua Beltrán. “Le finestre non esistono più. Lo sviluppo di vantaggi competitivi basati su differenziazione positiva, miglioramento continuo della qualità, logistica e costi unitari competitivi è la chiave di volta”.

“D'altra parte, una sfida importante e l'opportunità di sfruttare la maggiore domanda mondiale di mirtilli attraverso la diversificazione di nuovi mercati e una maggiore penetrazione nei mercati attuali.”

Fonte: Fruitnet
Fruitnet è parte del network di NCX Media

NCX Media network

Foto: International Blueberry Organization

Potrebbe interessarti anche