28 set 2023

L'impatto del fenomeno El Niño compromette le esportazioni di mirtilli freschi peruviani con un calo del -48% per la campagna 2023-2024

321

Secondo l'aggiornamento di settembre della "Proiezione delle esportazioni di mirtilli freschi del Perù - Campagna 2023-2024", elaborata da Proarándanos per il sindacato dei produttori ed esportatori di mirtilli peruviani, finora nella campagna in corso il Perù ha esportato 33.115 tonnellate di mirtilli freschi, il che equivale a un calo del -48% rispetto alla campagna precedente.

Questo calo dei volumi è stato causato principalmente dall'arrivo del fenomeno climatico El Niño, che ha avuto un impatto sul tasso di produzione a causa di un aumento della temperatura di 4-5 gradi centigradi rispetto alla media storica.

In termini di fisiologia vegetale, l'effetto climatico associato al fenomeno El Niño si differenzia per l'impatto sulle diverse varietà di mirtilli coltivate, con Ventura, la varietà con la maggiore superficie coltivata e la quota maggiore di esportazioni, che è stata finora la più colpita.

Se scomponiamo il comportamento dell'industria peruviana in trimestri, vediamo che nei mesi da maggio a luglio le esportazioni di mirtilli freschi sono diminuite del -18% rispetto alla stagione precedente, il che evidenzia l'effetto dell'arrivo del fenomeno El Niño.

Per il secondo trimestre della stagione, che corrisponde al periodo da agosto a ottobre, si prevede che l'effetto del clima accentuerà notevolmente il calo delle esportazioni, raggiungendo il -45% rispetto alla stagione 2022-23.

In termini di gestione, si può dare una seconda o terza lettura di questi numeri, poiché la minaccia di El Niño era stata annunciata con largo anticipo e le conseguenze erano prevedibili. Secondo alcuni osservatori, questi avvertimenti non sono stati ascoltati all'epoca e non sono state messe in atto strategie adeguate o corrette per affrontarlo. Ora, a fatto compiuto, compaiono ricette che non servono più, se non a generare attenzione mediatica per questo o quell'esperto.

È importante soffermarsi su questo punto perché, sebbene il fenomeno meteorologico possa spiegare un calo generale delle rese produttive di questa stagione, possono essere i successi o gli errori di gestione specifica a spiegare le differenze di risultati tra i diversi produttori e regioni.

È il caso della regione di La Libertad, la principale area di produzione ed esportazione del Perù, che attualmente mostra gli indici peggiori del Paese, con un calo del 17% rispetto alla stagione precedente, passando da 151.809 tonnellate, che nel 2022-23 rappresentavano il 53,0% delle esportazioni peruviane, a un volume previsto per il 2023-24 di 126.254 tonnellate, pari al 49,2% del totale del Paese.

In realtà, ci sono aree in cui l'effetto del fenomeno El Niño è stato presumibilmente molto minore e che, al contrario, mostrano risultati migliori, come Ancash, Lima, Piura e Moquegua, che presentano risultati positivi e in crescita. Solo Lambayeque e Ica mostrano risultati negativi, anche se solo del 7,0% e del 6,0% rispettivamente.

È importante valutare successivamente quanto accaduto in Perù, poiché, data l'esistenza di informazioni e conoscenze preliminari, nonché di strumenti tecnici e tecnologici per prevenire questa e altre minacce, non è possibile trascurare questo aspetto in un'industria moderna e consolidata che guida il mercato mondiale.

Per gli ultimi due trimestri, da novembre 2023 ad aprile 2024, secondo le proiezioni di Proarándanos, si prevede una ripresa dei volumi di esportazione.

Tuttavia, sarebbe soggetta all'evoluzione del clima nelle prossime settimane. C'è ancora incertezza sull'intensità del fenomeno El Niño verso l'ultima fase dell'anno, che sarà un fattore determinante per i volumi esportati in questi mesi.

In sintesi, si stima che nella stagione 2023-2024 le spedizioni di mirtilli freschi peruviani raggiungeranno un volume totale di 256.481 tonnellate (226.434 tonnellate di mirtilli convenzionali e 30.047 tonnellate di mirtilli biologici), con una diminuzione del -10% rispetto alla stagione 2022-2023, in cui sono state registrate 286.240 tonnellate.

Questa proiezione del settore è stata elaborata grazie alle informazioni fornite dagli associati e dai non associati di Proarándanos, che insieme hanno rappresentato il 94,56% del volume totale esportato durante la campagna 2022-2023, anche se è stata fatta una stima anche per il restante 5,44%, ipotizzando una curva settimanale simile al resto, nonché una distribuzione per destinazione e per regione di produzione, e ipotizzando anche che le aziende che compongono questo 5,44% esportino solo mirtilli convenzionali.

Fonte: Blueberries Consulting


Italian Berry - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche