15 apr 2023

Il James Hutton Institute presenta a Rimini le innovazioni nella ricerca genetica del mirtillo

272

Il James Hutton Institute è un'organizzazione di ricerca riconosciuta a livello mondiale che si occupa di scienza fondamentale e applicata per promuovere l'uso sostenibile della terra e delle risorse naturali. Sarà rappresentato a Rimini dalla ricercatrice Susan McCallum, che presenterà al simposio di International Blueberry Days una relazione sui trend della ricerca genetica e la selezione del mirtillo.

L'istituto combina i punti di forza delle colture, dei suoli, dell'uso del suolo e della ricerca ambientale, contribuendo in modo significativo alla comprensione di questioni globali fondamentali, come la sicurezza alimentare, energetica e ambientale, e allo sviluppo e alla promozione di soluzioni tecnologiche e gestionali efficaci.

L'Istituto è un'organizzazione collegata in rete a livello internazionale e opera da diverse sedi, tra cui le due principali in Scozia, ad Aberdeen e Dundee. Impiega più di 500 scienziati e personale di supporto, il che lo rende uno dei più grandi centri di ricerca del Regno Unito e il primo del suo genere in Europa.

L'istituto lavora su molte colture strategiche per la Scozia, come orzo, patate, brassica, luppolo, ciliegie e frutti rossi. All'interno dell'istituto Hutton si trova un centro di genetica dei frutti rossi, dove i risultati della ricerca vengono applicati nell'ambito di programmi di selezione finanziati a livello commerciale, per produrre cultivar migliorate per l'industria frutticola del Regno Unito.

Susan McCallum è la responsabile della ricerca sulla genetica e la selezione del mirtillo presso l'istituto Hutton: “Ho una vasta esperienza nella fenotipizzazione e nella genotipizzazione dei frutti rossi per una serie di caratteristiche biotiche e abiotiche. Il mio lavoro si è concentrato sui piccoli frutti per 16 anni, con ricerche che hanno riguardato le associazioni di micorrize, la resilienza ai parassiti e alle malattie, oltre a una serie di tratti qualitativi come le dimensioni, la resa e il sapore.”

“Mi occupo dello sviluppo di marcatori e della costruzione di mappe di linkage nei mirtilli e analizzo i livelli di diversità genetica nelle specie selvatiche di Vaccinium in Scozia. Mi sto anche concentrando sullo speed breeding e sulla coltura di tessuti di selezioni di mirtilli, in quanto si tratta di un importante collo di bottiglia per lo sviluppo di nuove cultivar nel Regno Unito. Attualmente sto sviluppando una nuova mappa di linkage che consentirà di determinare il dosaggio allelico, aprendo così la strada alla selezione assistita da marcatori nell'ambito del programma di selezione.”

“Ho anche sviluppato e sequenziato una association mapping population che amplierà le nostre conoscenze genetiche su questa coltura e sulle sue prestazioni nelle condizioni del Regno Unito. Sono inoltre fortemente coinvolta in altri progetti, tra cui l'identificazione dei meccanismi di instabilità della resa del mirtillo, lo sviluppo di risorse genetiche per il pre-selezionamento del mirtillo e lo sviluppo di una fenotipizzazione ad alto rendimento per il mirtillo utilizzando l'imaging iperspettrale.”

Il settore del mirtillo nel Regno Unito

Nell'ultimo decennio i mirtilli hanno guadagnato popolarità tra i consumatori britannici grazie alla loro praticità, al loro sapore e ai numerosi benefici riconosciuti per la salute. Attualmente i mirtilli del Regno Unito forniscono solo il 10-15% della domanda e c'è un'enorme opportunità di aumentare l'offerta di prodotti locali. Per raggiungere questo obiettivo, sono urgentemente necessarie cultivar più adatte alle condizioni di coltivazione locali e che soddisfino le aspettative dei consumatori britannici.

A questo riguardo afferma Susan McCallum: “Per rispondere a queste esigenze, abbiamo sviluppato un nuovo programma di selezione del mirtillo in Scozia, applicando strumenti molecolari, bioinformatici e fisiologici all'avanguardia, con l'obiettivo di sviluppare le cultivar più adatte al clima locale. Nel 2022, la domanda ha raggiunto livelli record, con vendite di mirtilli per oltre 480 milioni di sterline, rendendo i mirtilli uno dei frutti di bosco più popolari tra gli acquirenti del Regno Unito.”

“Solo l'anno scorso sono state acquistate oltre 4.600 tonnellate di mirtilli britannici nel Regno Unito. Finora a questa crescente domanda non ha fatto seguito un'offerta britannica: i mirtilli di produzione nazionale forniscono meno del 15% del mercato britannico e questa carenza è soddisfatta dalle importazioni da altri Paesi. Per sfruttare questa chiara opportunità di mercato, l'industria scozzese e britannica ha bisogno di migliorare le tecniche di gestione e, a medio termine, di sviluppare cultivar adattate al Regno Unito che forniscano un raccolto costante, di alta resa e di buona qualità per una stagione di crescita prolungata.”

“I coltivatori di mirtilli del Regno Unito devono inoltre affrontare notevoli fluttuazioni da un anno all'altro nelle loro rese di mirtilli. Questo è uno degli ostacoli principali per una produzione di mirtilli redditizia e di successo. Questa instabilità impedisce ai coltivatori di mirtilli di prevedere con precisione la produzione e i profitti, con conseguente volatilità dell'offerta britannica. Il cambiamento del clima del Regno Unito pone ulteriori sfide alla produzione di mirtilli. Ci sono già indicazioni che la tendenza a inverni più caldi nel Regno Unito e in Europa sta influenzando il ciclo di dormienza e il conseguente sviluppo dei frutti di alcune specie di bacche.”

“La crescita sostenuta del mercato dei mirtilli dipende quindi dall'innovazione e dalla disponibilità costante di nuove varietà. Stiamo applicando le più recenti tecniche scientifiche per innovare e informare l'industria frutticola britannica su come sviluppare mirtilli migliori per il futuro.”

Susan McCallum sarà relatrice al Symposium che si terrà mercoledì 3 maggio 2023 a Rimini in occasione di International Blueberry Days, l'evento organizzato in occasione di Macfrut 2023.


Potrebbe interessarti anche