11 mar 2024

The Summer Berry Company investe in energia verde per produrre fragole britanniche 52 settimane l'anno

112

L'azienda britannica The Summer Berry Company si prepara a offrire fragole britanniche tutto l'anno grazie a una soluzione energetica verde nel suo sito in serra nel West Sussex.

L'azienda coltiva fragole su 26 ettari di serre vicino a Chichester ed è il più grande produttore di bacche in serra nel Regno Unito. Fino ad ora, The Summer Berry Company ha prodotto fragole da marzo a novembre, ma l'investimento in energia sostenibile permetterà all'azienda di aggiungere dicembre-febbraio al suo calendario di raccolta, assicurando un approvvigionamento di 12 mesi. La mossa segue sforzi simili da parte di Dyson Farming nel 2021. Il produttore ha esteso il periodo di raccolta delle fragole a 42 settimane (da metà marzo alla fine di novembre) dopo aver investito in una serra da 6 ettari nel Lincolnshire alimentata da elettricità rinnovabile e calore da un digestore anaerobico adiacente.

Per sviluppare il nuovo sistema, The Summer Berry Company ha collaborato con Ebtech Energy Systems, specializzata nella decarbonizzazione del riscaldamento e del raffreddamento nei settori orticolo, agricolo e commerciale. La soluzione energetica ridurrà la dipendenza dai combustibili fossili incorporando una centrale di cogenerazione (CHP), una pompa di calore combinata acqua e aria, una rete di riscaldamento su tutto il sito e illuminazione a LED. La centrale di cogenerazione permetterà all'azienda di generare la propria elettricità per alimentare sia l'illuminazione a LED che le pompe di calore. Il calore e il CO2 generati saranno immagazzinati per l'uso nella produzione di colture.

Un serbatoio di stoccaggio del calore da 2 milioni di litri sarà costruito per conservare il calore "verde" generato dalle pompe di calore, che contribuirà ulteriormente a sostituire il riscaldamento a caldaia a gas e consentirà all'azienda di fornire energia alla rete elettrica. Quando il sistema diventa operativo a settembre, si prevede che ridurrà le emissioni di CO2 del 20% (1.300 tonnellate all'anno) e permetterà alla fattoria vicino a Chichester di fornire un'illuminazione aggiuntiva estesa alle colture in inverno.

Il CEO David Sanclement sottolinea che questa è solo la "fase uno" del progetto. Infatti, il sito è stato progettato per essere "pronto all'idrogeno" non appena il carburante diventa disponibile. "La premessa di questo sistema di produzione è facilitare l'‘consumo locale’, permettendo ai residenti nel Regno Unito di comprare fragole coltivate localmente tutto l'anno", dice. "Renderemo ciò possibile in modo sostenibile, senza aumentare il nostro consumo di energia o le emissioni di CO2.

"La nostra principale motivazione era fornire fragole britanniche di alta qualità fuori stagione, garantendo nel contempo vantaggi ambientali. Facendo ciò, stiamo ovviamente anche riducendo la dipendenza del consumatore dalle fragole importate, che spesso possono essere di qualità limitata, per non parlare dei migliaia di chilometri che devono percorrere prima di raggiungere i consumatori finali". Sanclement ritiene che l'investimento potrebbe essere parte di un più ampio passaggio verso la produzione tutto l'anno nell'industria delle bacche britannica. Prevede che i principali produttori seguiranno l'esempio e "porteranno chiari benefici per i clienti finali e l'ambiente".

Riflettendo sulle maggiori pressioni finanziarie che affrontano i produttori di piccoli frutti nel Regno Unito, Sanclement aggiunge: "La situazione degli ultimi tre anni è stata molto impegnativa, con l'inflazione alle stelle e i prezzi che rimangono statici. Se potessimo prevedere il futuro, diremmo che il settore delle bacche sperimenterà una consolidamento e il passaggio a una catena del valore più diretta. Il risultato sarebbe un'operazione più efficiente per i produttori".

Fonte: Fruitnet


Italian Berry - Tutti i diritti riservati

Potrebbe interessarti anche