02 mag 2024

Atteso un recupero delle esportazioni di mirtilli dal Perù per la prossima stagione 2024/25

196

Dopo una stagione 2023-24 complicata, colpita da condizioni meteorologiche estreme legate al fenomeno El Niño, si prevede che i mirtilli peruviani recupereranno il volume perso quest'anno.

Ricardo Polis, direttore regionale per il Sud America di Fall Creek, il vivaio di mirtilli transnazionale, afferma di aspettarsi un miglioramento dei volumi man mano che il clima passa al ciclo di La Niña e le condizioni in Perù si normalizzano lentamente.

"In questo momento, non sappiamo più cosa sia normale per quanto riguarda le temperature, ma finora quest'anno, le condizioni meteorologiche sono state buone," ha detto. Ha spiegato che la scorsa stagione, il Perù ha esportato 224.000 tonnellate di mirtilli, e l'anno prima 284.000 tonnellate.

"La prossima stagione dovremmo arrivare a 300.000 tonnellate," ha affermato. "In Perù, produciamo già 52 settimane all'anno, ma le settimane più attraenti per le esportazioni sono tra agosto e gennaio-febbraio." Il Perù è il principale esportatore di mirtilli nel mondo, e gli Stati Uniti sono il suo maggiore cliente. Il Perù fornisce oltre il 44% dei mirtilli importati dagli USA ogni anno.

Nel 2023, il Perù ha esportato oltre 240 milioni di libbre di mirtilli freschi negli USA, una grande diminuzione rispetto ai 323 milioni del 2022.

Nuove varietà guidano la strada

Polis ha detto che i mirtilli stanno vivendo una "rivoluzione" mondiale grazie a nuove varietà superiori.

"Stiamo parlando di frutti più grandi, più croccanti, meno acidi e più dolci che i consumatori inizieranno a mangiare dalla prossima stagione," ha detto.

Ha affermato che se i produttori non si adatteranno, non si modernizzeranno e non adotteranno nuove varietà, saranno costretti ad uscire dal mercato. Le vecchie varietà, ha detto, sono troppo piccole e, sebbene crescano bene in molte regioni, non sono ciò che i consumatori cercano.

Per il coltivatore, lavorare con una varietà più piccola significa raddoppiare i costi di raccolta, dice. E per il lavoratore agricolo, raccogliere frutti più piccoli significa perdere tempo. I rivenditori nei mercati di esportazione, aggiunge, stanno già ricevendo frutti migliori e hanno perso interesse per vecchie varietà come la Biloxi.

"Attualmente il Perù sta lavorando con Sekoya Beauty. Per esigenze di freddo elevato, come in Cile, ci sono Sekoya Crunch, Sekoya Grande e Sekoya Fiesta. Queste sono rivoluzionarie e molto più produttive delle altre," ha detto.

Fonte: Freshfruitportal

Foto di József Szabó da Pixabay


Italian Berry - Tutti i diritti riservati



After a challenging 2023-24 season impacted by extreme El Niño weather conditions, Peruvian blueberries are expected to rebound this year. Ricardo Polis, South America's regional director for Fall Creek, anticipates improved volumes as weather shifts to a La Niña cycle, leading to more normalized conditions in Peru. Despite uncertainties around what constitutes "normal" temperatures nowadays, Polis notes that this year's weather has been favorable.


Last season, Peru exported 224,000 tons of blueberries, a drop from the previous year's 284,000 tons. Polis projects a recovery to 300,000 tons in the upcoming season, highlighting that the optimal export weeks span from August to January-February. Peru is the world's leading blueberry exporter, predominantly serving the United States, which receives over 44% of its blueberry imports from Peru. In 2023, exports to the U.S. significantly decreased to 240 million pounds from 323 million in 2022.


Polis also mentions a global "revolution" in blueberry varieties, emphasizing larger, crunchier, less acidic, and sweeter fruits that will be available next season. He warns that producers must adapt to these new varieties or risk obsolescence, as older varieties like Biloxi no longer meet consumer expectations or retailer demand. Peru is also experimenting with new varieties suited for different climates, such as Sekoya Beauty and Sekoya Crunch.

Potrebbe interessarti anche