Brasile e mirtilli: 80% di import, ma tanti gli investimenti

La coltivazione del mirtillo è iniziata in Brasile negli anni ’80, principalmente nella regione meridionale del Paese. Nonostante sia una pianta originaria dei climi freddi, la coltivazione dei mirtilli è stata possibile in Brasile, grazie a una varietà resistente al calore sviluppata dall’Università della Florida, chiamata “biloxy”.

Buoni risultati sono stati osservati nelle regioni di Piracicaba (SP), São Francisco Valley, Petrolina (PE), Senador Amaral (MG), Chapada Diamantina, Nova Soure (BA) e anche nel Ceará. Nonostante il crescente interesse per questa coltura, si stima che il Brasile importi ancora circa l’80% di ciò che viene consumato nel Paese, soprattutto da Stati Uniti, Canada e Perù, riporta abrafrutas.org.

A Goiás, l’agronomo Fritz Mohn Penteado ha iniziato a studiare il frutto e ha investito in questo mercato, nella proprietà della sua famiglia nel comune di Cristalina, a 280 chilometri da Goiânia. “Volevo produrre qualcosa di diverso, con un valore aggiunto, perché non abbiamo una grande area disponibile per la coltivazione“.

“Sono andato a Brasilia per vedere il suo orto all’UnB (Università di Brasilia) e anche a San Paolo. Poi ho scoperto che c’era un incentivo per la produzione di frutta a Goiás, attraverso il progetto Rota da Fruticultura. Alla prima conferenza a cui ho partecipato, ero molto eccitato e ho capito che ero sulla strada giusta“, ricorda Fritz.

Fritz Mohn Penteado, agronomo.
Fritz Mohn Penteado, agronomo.

La Rota da Fruticulture mira a trasformare il Cerrado nel nuovo centro di frutticoltura del Brasile. L’iniziativa è coordinata dalla Società di Sviluppo delle Valli di São Francisco e Parnaíba (Codevasf) e sviluppata in collaborazione con la Società di Ricerca Agricola Brasiliana (Embrapa) e la Società Nazionale di Approvvigionamento (Conab), e con partner quali il Servizio Nazionale di Apprendimento Rurale (Senar GO e DF), il Ministero dell’Agricoltura, dell’Allevamento e dell’Approvvigionamento (Mapa), la Società di Assistenza Tecnica ed Estensione Rurale (Emater), tra gli altri.

Foto di biloxy, la varietà di mirtillo coltivata in Brasile.
Foto di biloxy, la varietà di mirtillo coltivata in Brasile.

Per il produttore, la via d’uscita è l’arrivo di incentivi per far decollare la produzione in Brasile e raggiungere altri mercati. “Possiamo vedere quanto sia grande la domanda di mirtilli in paesi produttori come gli Stati Uniti. Il Perù, che è vicino a noi, ad esempio, ha tutta la sua produzione destinata al mercato estero. Incoraggiare la produzione è il modo per vendere più facilmente. Il potenziale dello Stato è quello di essere grandi produttori, ma è essenziale avere sempre più incentivi per poter esportare“, conclude Fritz.

Fonte: Blueberries Consulting
Blueberries Consulting è parte del network globale di Italian Berry


Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 0 / 5. Numero voti: 0

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!