Cile: previsto calo dei mirtilli in export dell’8%

Il Comitato per i mirtilli cileno, dell’Associazione degli esportatori di frutta (Asoex), insieme alla società di consulenza iQonsulting, ha reso nota la stima delle esportazioni per la stagione 2022-2023, evidenziando che le spedizioni di mirtilli freschi dovrebbero raggiungere le 98.228 tonnellate, con un calo dell’8% rispetto alla stagione precedente.

Le misure riguardanti il mercato

Andrés Armstrong, direttore esecutivo del Comitato per il mirtillo, ha spiegato che “l‘industria cilena del mirtillo ha incorporato tecnologie e adattato la sua offerta alle attuali condizioni di concorrenza nei mercati internazionali.

Una delle azioni è stata il rinnovamento delle sue varietà, che ha comportato l’abbandono di alcune varietà per l’esportazione di prodotti surgelati e anche per altri usi industriali, piantando allo stesso tempo nuove varietà con un migliore post-raccolta”.

Andrés Armstrong, direttore esecutivo del Comitato del mirtilli cileno.
Andrés Armstrong, direttore esecutivo del Comitato dei mirtilli cileno.

Armstrong ha specificato che la scorsa stagione, in cui le esportazioni di mirtilli freschi hanno subito l’impatto di importanti problemi logistici, ha accelerato il processo di adeguamento dell’offerta nazionale.

Per questo motivo, ha commentato che, sebbene si prevedano miglioramenti sostanziali nei servizi logistici per questa stagione, il volume da esportare diminuirà, dando priorità alle condizioni dei frutti.

D’altra parte, Isabel Quiroz, direttore esecutivo di iQonsulting, ha aggiunto che le esportazioni di mirtilli congelati dovrebbero aumentare, raggiungendo le 60.000 tonnellate o più. “Questo rappresenta un aumento di oltre il 14% rispetto all’anno precedente, mantenendo il trend di crescita e anche la diversificazione dei mercati”, ha osservato.

Isabel Quiroz, CEO di iQonsulting.
Isabel Quiroz, CEO di iQonsulting.

Isabel Quiroz ha sottolineato che questa stagione presenta condizioni migliori per l’esportazione di mirtilli freschi, come le temperature più fredde che favoriscono la qualità dei frutti; c’è anche una maggiore disponibilità di lavoratori per la raccolta, il confezionamento e le operazioni logistiche, fattori che hanno reso particolarmente difficile la scorsa stagione.

Una stagione complicata per i mirtilli

Mauro Magnasco, direttore generale di El Torreón Export, con sede a San Carlos, ha ricordato che la scorsa stagione è stata una delle più difficili per il settore, in cui si è rotto “l’elastico” della tolleranza degli Stati Uniti per la qualità eterogenea, il che ha fatto sì che molti supermercati nordamericani rifiutassero i mirtilli cileni. Questo, nel contesto della crisi logistica che ha ritardato le spedizioni, ha favorito la perdita di qualità del prodotto.

“A tutti coloro che hanno piantato mirtilli e che non hanno il coraggio di esportarli di nuovo, l’unica alternativa rimasta è quella di venderli per la polpa o surgelati, e ovviamente non è un affare, perché queste due industrie pagano così poco che a malapena servono a coprire i costi fissi; ma evidentemente quest’anno l’offerta per l’IQF e il surgelato sarà molto più alta, e probabilmente il prezzo scenderà e quindi si recupereranno meno soldi“, ha affermato.

Mauro Magnasco spiega anche che, dato l’alto rischio che comporta l’esportazione e i costi elevati, darà priorità alla qualità della frutta, concentrandosi sulle varietà che hanno una vita post-raccolta più lunga, cioè con una maggiore probabilità di arrivare a destinazione in buone condizioni. “Continueremo a puntare sull’esportazione, ma solo con le varietà più sicure“, ha concluso.

Fonte: Blueberries Consulting
Blueberries Consulting è parte del network globale di Italian Berry

Foto: iQonsulting ; Blueberries Consulting.


Advertisements

Ti è piaciuto questo articolo?

Vota per rendere Italian Berry sempre più interessante.

Voto medio 5 / 5. Numero voti: 1

Vota per primo questo articolo!

Se ti è piaciuto questo articolo...

seguici sui social media!